Svelti svelti : PACCHERI ALLA SALSA DI GORGONZOLA E NOCI

Quando vado al supermercato in famiglia sanno già che arriverò dopo ore🤨

Non perché mi attardi a controllare le etichette di ciò che compro, cosa che dovrei fare se fossi una brava massaia, ma semplicemente perché incontro così tante persone che conosco e a forza di chiacchiere il tempo passa veloce

Oggi non mi sono smentita , allora per non sentire mugugni ho pensato di preparare qualcosa di veloce ma soprattutto di sfizioso. Il secondo non mi dava preoccupazione : roast-beef all’ inglese e crocchette di patate che preparo e metto in congelatore per le emergenze…ma il primo ??????

PACCHERI ALLA SALSA DI GORGONZOLA E NOCI

  • 200 gr di PACCHERI di Gragnano
  • 30 gr di burro
  • 50 gr di gorgonzola
  • 50 gr di parmigiano
  • Latte
  • Sale pepe
  • ESECUZIONE
  • METTERE A CUOCERE LA PASTA ( i PACCHERI richiedono 13 minuti di cottura )
  • Nel frattempo sciogliete in un pentolino il burro, il gorgonzola e metà parmigiano grattugiato aiutando questa operazione con un po’ di latte ( circa 2 cucchiai) a fuoco molto dolce; appena i formaggi saranno ben sciolti, unite anche i gherigli di noce e levate dal fuoco
  • Mettete la salsa nel piatto di portata
  • E appena la pasta sarà pronta, aggiungetela alla salsa
  • Mescolate molto bene ed unite il parmigiano rimasto
  • Servite immediatamente caldissimo con una poderosa grattata di pepe nero
  • Buon appetito 😋😋
  • Annunci

    Riso salute : RISOTTO ALLE BIETOLE

    Il riso e’ sicuramente un ottimo alimento , abbinato a vitamine e proteine diventa un perfetto piatto unico

    Sono rientrata ieri dalla Liguria, appena in tempo per non subire le ire metereologiche che stanno flagellando questa regione, e ho portato con me, come sempre, prodotti del territorio

    Oltre alle meraviglie della foto ho portato anche delle freschissime bietole a costa larga tipiche di Albenga e formidabili scrigni di salute

    Proprio perché la bietola ha proprietà antinfiammatorie ho pensato di abbinarle al riso ed ecco un meraviglioso risotto piatto unico 😋

    RISOTTO CON LE BIETOLE

    • 400 gr di riso Carnaroli
    • 1 scalogno
    • 2 mazzi di bietole ( si utilizzerà solo la parte verde le coste faranno un contorno)
    • Vino bianco
    • 1. bustina di zafferano
    • 1 L di brodo vegetale
    • 1 robiolina (100 gr)
    • Parmigiano grattugiato
    • Olio evo
    • Sale pepe
  • ESECUZIONE
  • Tagliare le foglie delle bietole molto finemente e lavarle sotto l’acqua corrente ; mettere in pentola un filo d’olio e lo scalogno tritato ( questa volta ho evitato di mettere l’olio ed ho fatto stufare lo scalogno con un mestolo di brodo, il risultato non ne ha risentito )
  • Appena lo scalogno e’ appassito al punto giusto, aggiungo il riso e sfumo con il vino bianco

    Metto le bietole tagliate in pentole e faccio insaporire

    A parte preparo il brodo vegetale con il dado fatto da me e inizio a portare a cottura il risotto

    A metà cottura aggiungo lo zafferano

    Quando il riso e’ cotto ( ci vorranno circa 15/16 minuti a seconda del riso che utilizzerete), fuori dal fuoco, manteco con la robiola

    Sciolgo bene la robiola sempre mescolando

    Aggiungo una abbondante manciata di parmigiano e lascio riposare per 5 minuti a tegame coperto

    Servo cospergendo ancora con un po’ di formaggio e un’abbondante grattugiata di pepe

    Buon appetito

    Frivolezze: ACCIUGHE FRITTE CON MAIONESE AL PEPERONCINO

    Oggi non si può certo definire una giornata estiva

    Il sole c’è , si fa notare con prepotenza ma il colore plumbeo del cielo non da’ adito a dubbi : siamo in autunno inoltrato!

    Noi che vediamo il bicchiere sempre mezzo pieno non ci facciamo condizionare e in cucina portiamo sapori che ci ricordano la stagione appena trascorsa, si proprio l’estate

    Una corsa veloce dalla nostra pescheria preferita e ci portiamo a casa delle fantastiche acciughe pulite alla perfezione

    ACCIUGHE FRITTE CON MAIONESE AL PEPERONCINO

    • 300 gr di Acciughe freschissime diliscate e ben pulite
    • Farina q.b.
    • Acqua frizzante q.b.
    • maionese
    • Peperoncino
    • Aglio
    • Prezzemolo ( a piacere)
    • Sale pepe
  • ESECUZIONE
  • Per prima cosa preparate la pastella con l’acqua freddissima e la farina e lasciatela piuttosto consistente , salate e pepate ed aggiungete cubetti di ghiaccio; mettete a riposare in frigo per circa 30 minuti
  • Preparate con il mixer la maionese ( mettete nel bicchiere del mixer 1 uovo intero, 230 ml di olio di arachidi , 1 cucchiaino di senape, 1/2 limone spremuto , sale e pepe e frullate per 30 secondi; mi raccomando l’uovo deve essere freddo di frigo !) a parte tritate il peperoncino con l’aglio e se volete anche con il prezzemolo
  • Aggiungete il trito alla maionese
  • Mischiate bene e mettete da parte
  • Friggete le acciughe dopo averle immerse nella pastella e servite immediatamente , caldissime, accompagnate dalla maionese al peperoncino
  • Con una insalata mista sarà un perfetto piatto unico … trasgressivo e afrodisiaco nonostante l’aglio 😜
  • Buon appetito
  • I ravioli di nonna Titti

    Mi capita spesso di sfogliare il libro di ricette di nonna Titti e soprattutto di

    provare emozione a vederlo esposto in libreria

    Quando Agata e’ con me , una foto non manca mai 😜

    Oggi mi sono soffermata su una ricetta a me molto cara, quella dei ravioli che preparava la mia nonna, allora, avendone ancora in congelatore ho deciso di prepararli nel modo più semplice possibile

    RAVIOLI DI NONNA TITTI

    • 500 gr di ravioli liguri ( carne e verdura ; meglio ancora se fatti in casa con la ricetta di nonna Titti 😜)
    • 30 gr di pinoli pisani
    • salvia
    • Un giro di olio evo
    • 30 gr di burro
    • 40 gr di parmigiano reggiano
    • Sale pepe nero
  • ESECUZIONE
  • Riscaldate in padella, con un un giro di olio evo, i pinoli e la salvia
  • Nel frattempo cuocete i ravioli per il tempo richiesto, ai miei che sono fatti in casa sono bastati 2 minuti , il tempo di venire a galla
  • Appena pronti, scolateli nella padella ed unite il burro
  • Mescolate bene, aggiungete il parmigiano ed abbondante pepe
  • E, aiutandovi con un po d’acqua di cottura, formate una cremina densa
  • Servite subito, se volete aggiungete ancora parmigiano
  • Buon appetito 😋
  • E la pioggia che va… PASTA E FAGIOLI

    E la pioggia che va… e poi torna il sereno 🎶 Così diceva una canzone dei miei tempi dei Rokes, noi nell’attesa che questo sereno ritorni, adattiamo la cucina al tempo e ci organizziamo per una super pasta e fagioli

    Il fatto che renda super questo semplicissimo piatto ricco di tradizione, e la cottura nella slow cooker

    Infatti in questo modo la cottura e’ lentissima e anche se dura ore, non passa mai la cottura e mantiene inalterate le proprietà degli alimenti ed il gusto ne guadagna sicuramente

    Ho approfittato degli ultimi borlotti freschi della stagione e li ho messi in slow cooker con 1 patata tagliata a tocchetti e da lì e’ partita la mia PASTA E FAGIOLI

    PASTA E FAGIOLI

    • 500 gr di fagioli borlotti freschi
    • 2 patate
    • Salvia
    • 1 spicchio d’aglio
    • 1 cipolla
    • Olio evo
    • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
    • Sale pepe
  • ESECUZIONE
  • Portate a cottura i fagioli e le patate tagliate a tocchetti con la slow cooker mettendo anche lo spicchio d’aglio ed un ciuffo di salvia; salate solo a cottura ultimata
  • In una pentola a parte fate andare la cipolla tritata finemente con un filo d’olio e fatela stufare sino a quando diventerà trasparente aiutandovi se serve con un po’ di acqua dei fagioli
  • Appena la cipolla sarà pronta unire il concentrato
  • Aggiungete a questo punto i fagioli e le patate con il loro brodo e fate insaporire
  • Se vi piace una pasta e fagioli da intenditori cioè piuttosto densa, passate con il passa verdura una quantità di fagioli, come riterrete sufficiente
  • Portate a bollore la minestra ed aggiungete la pasta dopo aver regolato , se serve, di sale; considerate che se avete usato la slow, sarà necessario molto meno sale
  • Servite con una generosa grattata di pepe fresco e parmigiano , un giro d’olio evo e…

    Buon Appetito

    Oggi si festeggia!CANESTRELLI DELLA NONNA

    E oggi sono XIX?@€ anni , allora siccome sono abbastanza pesanti da portare tutti insieme, per non stancarmi troppo, vi posterò una ricetta senza foto, (ricordate che per me oggi e’ un giorno ” cucina free”) ma una di quelle ricette che io considero ” di conforto ”

    La scelta per me non e’ facile perché tutto ciò che mi ricorda la vita in famiglia da bambina mi procura piacevoli emozioni

    Nella giornata del compleanno non posso che decidere di postarvi la ricetta di un dolce ma non di un semplice dolce, uno di quelli della mia nonna

    Cosa c’è di meglio dei canestrelli , tipica pasticceria secca ligure dei quali ero, da bambina, super golosa, per me erano le ” paste con la cipria ❤️

    CANESTRELLI DI NONNA

    • 150 gr di burro
    • 125 gr di farina Petra n 3
    • 125 gr di fecola di patate
    • 100 gr di zucchero a velo
    • 3 tuorli sodi
    • 1 cucchiaino di essenza di vaniglia
    • Un pizzico di sale
    • Zucchero a velo per guarnire
  • ESECUZIONE
  • Iniziate passando al setaccio i tuorli di uova già rassodati e fatti ben raffreddare;impastate tutti gli ingredienti : burro, farine, zucchero a velo, burro ammorbidito, essenza di vaniglia e tuorli rassodati ; impastate velocemente formate un panetto e fate riposare per circa 30 minuti; trascorso questo tempo tirate l’impasto con il matterello a circa 1 cm di spessore; tagliate i biscotti con l’apposita forma per i canestrelli ma, se non la possedete con una formica a forma di fiore; mettete i canestrelli sulla placca del forno foderata e fate cuocere a 170* per 20 minuti a metà del forno
  • Quando saranno raffreddati cospargete con altro zucchero a velo ( la cipria) e servite con un fumante the 😘
  • Un bacione a voi e… buon compleanno a me 😘
  • Profumi d’autunno TAJARIN AL SUGO DI FUNGHI

    Lenta e dolcissima domenica mattina ad Albenga

    Proprio come piace a me… Compiere i riti domenicali senza fretta e lasciarsi avvolgere dalle meraviglie che ci circondano

    Partecipare alla S Messa, piccola processione nel centro storico( cosa che ormai succede solo nei piccoli centri) tappa obbligata in pasticceria per le bignoline che si trovano solo qui e corsa a casa dove mi attendono dei meravigliosi funghi presi ieri da Nico che in men che non si dica diventeranno un prelibato condimento per i tajarin …. insomma la domenica sarà santificata in tutti i sensi 😍

    TAJARIN AL SUGO DI FUNGHI ALLA MIA MANIERA

    • 500 gr di tagliolini freschi all’uovo
    • 500 gr di funghi freschi (porcini)
    • 50 gr di funghi secchi
    • 1 spicchio d’aglio
    • 50 gr di pinoli
    • 2 pomodori maturi
    • Prezzemolo
    • Olio evo
      Vino bianco
      Sale e pepe
  • ESECUZIONE
  • Mettete al fuoco la pentola per cuocere la pasta e salate l’acqua; mettete in ammollo i funghi secchi e lasciateli in acqua calda per circa 15 minuti ; in una padella dove potrete saltare i tagliolini, mettete ad imbiondire l’aglio tagliato a fettine con 2 cucchiai di olio evo
  • Aggiungete i pinoli e fateli leggermente tostare, quindi levate i funghi secchi da l’acqua e tritateli, mettete in padella e fate insaporire
  • Tagliate i porcini freschi a tocchi dopo averli ben puliti con uno scottex inumidito e metteteli in padella
  • Saltate per pochi minuti e sfumate con il vino bianco, aggiungete l’acqua dei funghi filtrata e fate insaporire
  • A parte tagliate a cubetti il pomodoro
  • ed uniteli ai funghi in padella
  • Aggiungete la metà del prezzemolo tritato
  • salate, pepate e fate cuocere per non più di 10 minuti ( se fosse necessario unite un po di acqua della pasta, il sugo deve rimanere molto fluido)
  • Appena i tagliolini saranno pronti, saltateli nella pentola del condimento

    Condite molto bene

    Aggiungete un po’ di prezzemolo fresco

    E servite immediatamente 😋😋

    Buon appetito a tutti… anche se con questi piatti non serve augurare buon appetito 😜

  • Al contadino non far sapere.. RISOTTO PERE E PARMIGIANO

    I gusti dell’autunno sono i miei preferiti! Con i suoi colori e i suoi profumi e’ senz’altro la mia stagione del cuore

    Mi sembra che dopo i frastuoni dell’estate ci voglia un clima che ci riporti a guardarci dentro con intimità e con silenzio interiore

    … ma parliamo di cucina! Cosa che ci da’ gioia e che mette in pace non solo l’anima ma anche il fisico

    In questa giornata meravigliosamente autunnale ho avuto voglia di preparare un piatto a me molto caro che mi ricorda l’infanzia

    RISOTTO PERE E PARMIGIANO

    • 400 gr di riso Carnaroli
    • 1 pera abate piuttosto grande
    • 50 gr di parmigiano grattugiato
    • 30 gr di parmigiano a scaglie
    • 1 scalogno
    • 30 gr di burro
    • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
    • 1L di brodo vegetale
    • Sale pepe
    • 1 cucchiaino di zucchero
  • ESECUZIONE
  • Sbucciare la pera e tagliarla a tocchetti quindi metterla in una padellina con una noce di burro e il cucchiaino di zucchero , salate leggermente
  • Fate caramellare leggermente sul fornello e mettete da parte
  • Tritate lo scalogno e versate il trito in una pentola e fate leggermente stufare; quindi unite il riso e tostatelo

    Sfumate con un bicchiere di vino bianco ( io ho usato il Pigato)

    Portate a cottura il riso con il brodo vegetale

    Trascorso il tempo di cottura del riso ( solitamente 16-18 minuti) spegnete il fuoco lasciando il riso piuttosto morbido ( all’onda)

    Aggiungete le pere

    Quindi mettete anche il rimanente burro ed il parmigiano grattugiato

    Mantecate perfettamente

    E servite finendo ogni piatto con le scaglie di parmigiano!

    Per fare un piatto oserei dire perfetto, sarebbe opportuno aggiungere gherigli di noce spezzettati grossolanamente.. ahimè , non ne avevo 🥴 ! Tutto sommato devo dire che comunque era molto buono ugualmente 😃

    … non dimenticate una grattugiatina di pepe nero : la ciliegina sulla torta 😜

    Buon appetito !

    Presto e veloce BAVETTE AL TONNO

    Ecco il gambone operato, per fortuna non mi fa molto male, e’ solo un po’ fastidioso, ma con un po’ di impegno riesco anche a cucinare senza essere costretta a stare troppo in piedi 🥴

    Stare qui mi piace e mi rilassa molto, le piante sono ancora in fiore e bellissime e, dato l’ottimo clima, a pranzo possiamo ancora mangiare fuori

    …e non solo , le mie adorate ” piante grasse del mare” mi danno il benvenuto con la loro abbondanza e il solo accudirle mi da’ gioia

    Ma, come ho detto all’inizio, non posso stare troppo in piedi quindi tutte queste belle azioni le posso solo pensare 🥴

    Anche per la preparazione del pranzo, l’idea era quella che Sandro andasse a prendere qualcosa di pronto

    Ma può nonna Titti arrendersi solo per un gambone? Allora ho pensato ad un piatto super veloce di pasta accompagnato da una nizzarda super accessoriata ed assai nutriente😋

    Ma iniziamo con ordine 🙂

    BAVETTE AL TONNO

    • 320 gr Bavette Agnesi n 9
    • 1spicchio d’aglio
    • 1scatoletta di tonno
    • 8 pomodori Piccadilly maturi
    • Olio evo
    • Vino bianco
    • Peperoncino
    • Basilico
    • Sale
  • ESECUZIONE
  • In una padella dove sarà possibile terminare la cottura della pasta, rosolate lo spicchio d’aglio tagliato a filetti con 1cucchiaio di olio e, quando sarà cotto spappolate lo con la forchetta ( se non gradite l’aglio, mettetelo intero e toglietelo appena sarà rosolato)
  • Aggiungete il tonno
  • E sfumate con un po’ di vino bianco
  • Levate la buccia ai pomodorini e tritateli con la mezzaluna ed unite la polpa ottenuta al tonno
  • Aggiungete basilico spezzettato a mano
  • Nel frattempo cuocete la pasta per pochi minuti ( le bavette Agnesi n 9 hanno 4 minuti di cottura)
  • E terminate la cottura in padella
  • Servite subito e…
  • Buon appetito 🥰
  • Le mie debolezze: POLPETTONE DELLA NONNA

    Sono ancora qua!

    E già , sono ancora qua perché domani dovrò sottopormi ad un piccolo intervento chirurgico , allora, per non pensare , mi voglio far coccolare dalle vecchie ricette di famiglia che sono tanto rassicuranti 🙂

    Cosa esiste di più carezzevole che il fantastico ” polpettone della nonna” latore di gusti e sensazioni impressi a fuoco nel fondo del nostro cuore ❤️

    Nel mio cuore e’ impresso il ” polpettone di nonna Quanita in salsa di cipolle al profumo di alloro” il mio carburante nei momenti un po’ più bui 😜

    POLPETTONE IN SALSA DI CIPOLLE

    • 500 gr di carne macinata di manzo
    • 200 gr di carne di suino
    • 100 gr di mortadella
    • 50 gr di parmigiano grattugiato
    • Mollica di pane ammollata nel latte
    • 30 gr di funghi secchi ( porcini)
    • 1spicchio d’aglio tritato
    • Prezzemolo – nepitella tritati
    • 1 uovo
    • Sale pepe
    • 2 grosse cipolle bianche
    • 1 foglia di alloro
    • 1 bicchiere di Marsala secco
    • Olio evo
  • ESECUZIONE
  • Per prima cosa preparate la salsa di cipolla: mettete in padella le cipolle tagliate sottilissime con un cucchiaio di olio e 1 foglia di alloro
  • Fate leggermente appassire ed unite il Marsala
  • sale e pepe e fate stufare a fuoco molto basso sino a quando la cipolla inizierà a disfarsi
  • Mettete i funghi in acqua calda per almeno 30 minuti, trascorso questo tempo tritateli finemente e conservate l’acqua di ammollo; ammollate il pane nel latte , strizzatelo bene e mischiate tutti gli ingredienti del polpettone, salate e pepate leggermente
  • Amalgamate benissimo gli ingredienti e date alla carne la forma del polpettone che passerete nel pane grattugiato
  • Mettete il polpettone in una teglia da forno che lo contenga perfettamente e fatelo dorare con olio evo da tutte le parti
  • Unite al polpettone l’acqua dei funghi filtrata, un bicchierino di Marsala , un pizzico di sale aromatizzato alle erbe e infornate a 170* per 1 ora ; se dovesse mancare il liquido in cottura unite un po’ di brodo caldo
  • Trascorso questo tempo unite la salsa di cipolle al polpettone e mettete in forno ancora per 15 minuti; togliete dalla teglia e tagliate solo dopo averlo fatto raffreddare; servite irrorando bene le fette di polpettone con la salsa di cipolle calda
  • Ho servito il polpettone con coste di bietole al burro … secondo me un ottimo abbinamento 😜
  • Buon Appetito