Napulè mille… sapuri

image

Anche oggi faccio un viaggio a ritroso di parecchie decine d’anni. Torno alla cucina napoletana della Pina, agli anni dell’infanzia, gli anni in cui ho imparato che l’amore si dimostra anche con la cucina.

Ad essere sincera non è stato proprio amore a prima vista tra me e la pizza di scarola, non gradivo assolutamente l’amaro che si sente al primo boccone ed ancora meno era di mio gradimento il dolce dell’uva sultanina, però con gli anni ho imparato ad apprezzare questa specialità e molte volte in inverno la preparo per cena accompagnata da affettati misti. L’unica cosa che ancora non ho superato e’ l’uva sultanina, ma se a voi piace mettetela perché la ricetta originale la prevede.

PIZZA DI SCAROLA

Per l’impasto:

  • 500 gr di farina
  • 4 cucchiai d’olio evo
  • 250 gr di acqua tiepida
  • sale, pepe

Per la farcitura:

  • 2 cespi di scarola
  • 2 spicchi d’aglio
  • 50 gr di pinoli
  • 50 gr di olive nere denocciolate
  • 30 gr di capperi
  • 2 acciughe
  • olio evo
  • peperoncino

ESECUZIONE

Lavate la scarola e tagliatela a pezzi, mettetela in padella con l’aglio, il peperoncino e l’olio e fatela ben appassire.

image

Preparate l’impasto: mettete sulla spianatoia la farina ed impastate con l’olio, l’acqua il sale ed un pizzico di pepe e lavoratelo sino a quando avrete ottenuto un composto sodo ed elastico. Mettetelo quindi in una ciotola coperto con carta con la pellicola e fatelo riposare almeno 1 ora.

image

Trascorso questo tempo, dividete l’impasto in 2 parti e tiratele a sfoglia sottile. Con una foderate uno stampo a cerniera leggermente unto e bucherellatelo con una forchetta.

image

Unite intanto gli ingredienti mancanti alla scarola cotta: i pinoli, le acciughe spezzettate ed i capperi, aggiustate di sale se serve e farcite la pizza. Coprite con l’altro disco di pasta, bucherellatelo e spennellatelo con un po’ di olio evo.

image

Infornate a 180*percirca 60 minuti. Prima di tagliarla fatela un po’ intiepidire per evitare che si sbricioli.

image

 

Se, come è successo a me, vi avanza della pasta, tiratela con il mattarello, tagliatela a fettuccine, fatene delle trecce.

image

Ungete con un po d’olio, sale ed infornate per 15 minuti a 180* .Servite con formaggio spalmabile

image

Anche questa ricetta veloce ed originale è adattissima per una cena o una merenda con amici, vedrete il successo!

Buon Appetito

 

Annunci

4 pensieri su “Napulè mille… sapuri

  1. Cucinare è SEMPRE un gesto d’amore, indipendentemente dagli ingredienti che si scelgono. Ho mangiato la pizza di scarola a Sorrento, ma non l’ho mai fatta perché nella mia famiglia alcune preparazioni sono considerate troppo… esotiche!
    Buona serata Tiziana.

    Mi piace

    • Quanto è vero cara SILVA! A volte è la famiglia checi blocca!!!!
      Ahahah, penso però che se una volta vorrai osare non te ne pentirai…..anzi, prova con il radicchio di Treviso, magari sarà più gradito!!!!!!
      Ciao cara, un bacione

      Mi piace

  2. Anche io ho avuto un’iniziale avversione verso la scarola. La trovavo e la trovo troppo amara se mangiata da sola… poi ho scoperto che in realtà quell’amarognolo è proprio buono se lo si abbina a qualcosa.
    Nelle focacce e nelle pizze secondo me dà il meglio e quindi non posso che apprezzare questa ricetta.
    🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...