Rustiche dolcezze

image

Una delle più importanti risorse della nostra cucina è sicuramente il riso. Lo prepariamo in mille modi, dall’antipasto al dolce tutti squisiti, sia i tradizionali che i più fantasiosi.

Ormai mi conoscete, io sono tradizionalista quindi oggi vi propongo una torta di riso della tradizione rurale toscana. Veniva definita lo “sfamafamiglie “, il “budinone” che si preparava nei poderi per i braccianti che alla fine della giornata lavorativa, si recavano alla casa del fattore e lì trovavano questa bontà, magari abbinata ad un bicchierino di vin santo.

TORTA DI RISO DEL CHIANTI

  • 1 L di latte intero
  • 250 gr di riso vialone nano
  • 150 gr di zucchero
  • 4 uova
  • 1 bacca di vaniglia
  • 100 gr di uvetta ( facoltativo)
  • 100 gr di canditi ( facoltativo)
  • 50 gr di burro
  • 1 buccia di arancia grattugiata
  • una manciata tra pinoli, noci e mandorle tritati
  • 4 cucchiai di liquore all’anice ( o qualsiasi altro aroma preferiate)

ESECUZIONE

image

Mettete in pentola il latte con la bacca di vaniglia ed il riso e fate cuocere sino a quando il liquido si sarà consumato ed il riso sarà stracotto.

image

In una ciotola mischiate metà dello zucchero con la frutta secca tritata, unite al riso il  burro e mantecate bene, quindi fate raffreddare.

image

Nel frattempo montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.

image

Sbattete i tuorli con il restante zucchero sino a quando saranno diventati spumosi.

image

Unite al riso ormai freddo da dove avrete tolto la bacca di vaniglia, il liquore e la buccia d’arancia, l’uvetta (fatta rinvenire in precedenza nel liquore all’anice) ed i canditi.

image

Aggiungete i tuorli e lo zucchero e quando tutto sarà ben mischiato, aggiungete anche gli albumi girando dal basso verso l’alto. Imburrate una teglia da pastiera non troppo alta ma abbastanza larga e passatela con farina di riso e versate il composto. Cuocete  in forno caldo a 170° per 40 minuti.

Sformatele quando sarà fredda e cospergetela con zucchero a velo prima di servire.

Io non ho messo l’ uvetta ed i canditi, ma solo la frutta secca tritata. E’ venuta comunque molto buona. Ho cercato di caramellare la torta una volta sfornata ma ho sbagliato i tempi e ho dovuto per questo levare la parte bruciata, però se voi siete esperte con il cannello e riuscite a gratinare bene senza rischi, la torta acquista moltissimo in gusto.

Buon appetito!

Annunci

10 pensieri su “Rustiche dolcezze

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...