Piatti fuori stagione: la trippa

imageChi mi conosce lo sa, in questa stagione, prima che ci si trasferisca in Liguria per le vacanze estive, faccio la solita ” pesca” nel congelatore per sbrinarlo e chiuderlo in attesa di riutilizzarlo a pieno regime in autunno.

Anche quest’ anno non ho perso l’abitudine e, come al solito, mi ritrovo a cucinare piatti non proprio adatti alla stagione che stiamo vivendo.

Nella mia ultima ” pesca ” ho tirato su un cartoccio nascosto fra una guancia di vitello e carne di cinghiale a spezzatino, che mi ha incuriosito poiché  non riuscivo a decifrarne il contenuto.

Ho voluto sfidare la sorte e l’ho scongelato…..il mattino dopo la sorpresa: si trattava di trippa!

Per mia fortuna in questi giorni le temperature si sono abbassate in modo consistente così non ci sono state troppe proteste quando ho presentato a tavola un fumante tegamino di ” trippa della nonna Quanita “, anzi ci sono state anche le lodi!!!!

image

TRIPPA DI NONNA QUANITA

  • 300 gr di trippa centopelli
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 gambo di sedano
  • salvia
  • rosmarino
  • alloro
  • qualche buccia di limone
  • 1 spicchio d’aglio
  • 100 gr di pinoli
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1/2 bicchiere di brodo
  • 250 gr di passata di pomodoro
  • 400 gr di fagioli di Spagna già lessati
  • sale, pepe
  • olio evo
  • peperoncino (facoltativo)

ESECUZIONE

Preparate un trito con tutti gli odori e gusti eccetto che per la foglia di alloro

image

Mettete in una pentola di coccio il trito ottenuto con olio evo, i pinoli e la foglia di alloro, se volete anche il peperoncino

image

Fate ben rosolare

image

Unite quindi la trippa

image

Quando dopo pochi minuti, i gusti si saranno amalgamati, sfumate con il vino e fate ben evaporare l’alcool

image

Se lo ritenete necessario, mettete anche il brodo e fate un po’ restringere

image

Trascorsi 10-15 minuti di cottura, unite la passata di pomodoro ed un cucchiaino di concentrato di pomodoro e cuocete a fiamma basa per circa 20 minuti

image

Quando la salsa si sarà ristretta, aggiungete i fagioli

image

Fate insaporire tutto insieme ancora per 10 minuti sino a quando la salsa sarà ben tirata

image

Servite in pentolini di terracotta individuali con pane di campagna abbrustolito.

Magari in autunno, ma vi consiglio caldamente di provarla, sono certa che vi piacerà

Buon Appetito

Annunci

14 pensieri su “Piatti fuori stagione: la trippa

  1. Pingback: Piatti fuori stagione: la trippa | Paradise Kitchen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...