Lo sapevate che…

…il condimento per i Pici all’aglione non prevede il pomodoro!

image

Tutto ciò perché la ricetta di questo condimento e’ precedente all’arrivo nel nostro continente dei pomodori, precisamente stiamo parlando dell’ era etrusca.

image

L’ ingrediente principale, neppure a dirlo, e’ l’aglio, anzi l’aglione, un tipo di aglio che viene prodotto nella Val di Chiana che si chiama appunto ” aglio della Chiana”

image

 

Purtroppo è diventato un prodotto quasi introvabile, che ormai è coltivato da non più di 10 piccole aziende sparse sul territorio senese, precisamente nella zona di Montepulciano

image

Come si vede molto bene dalla foto presa dall’web, ha dimensioni davvero notevoli, un’ unica ” testa” può pesare sino ad 800 gr; ha un gusto molto delicato rispetto all’ aglio comune, per questo motivo nel sugo all’ aglione, si può tranquillamente eccedere nelle dosi.

Vi darò ora la ricetta ” vera” dell’ aglione come me la confido’ un’anziana contadina tenendo sempre presente che ogni famiglia ha la propria che tutti sostengono essere quella vera!

image

SUGO BIANCO ALL’AGLIONE

  • 5-6 spicchi di aglio di buona qualità ( meglio sarebbe trovare il vero aglione)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • olio
  • sale
  • peperoncino( facoltativo)
  • Pecorino grattugiato
  • prezzemolo tritato

ESECUZIONE

In una padella capiente dove sarà possibile saltare i pici, mettete a freddo il vino e l’aglio al quale avrete tolto l’anima centrale, e fate cuocere a fiamma bassa sino a quando l’aglio sarà spappolato .

Unite un pizzico di sale e, se lo riterrete necessario, frullate con il mixer sino ad ottenere una crema.

Quando i Pici saranno cotti, passateli in padella dove avrete fatto soffriggere il peperoncino in un po’ d’olio evo, e condite con la crema d’aglio aiutandovi, per mantenere il piatto piuttosto fluido, con l’ acqua di cottura della pasta

Terminate il piatto con il pecorino ed una ” spruzzata” di prezzemolo tritato

image

A questa ricetta come vi ho già detto ” vera” e’ concessa un’ unica variante solo nel caso, peraltro molto probabile, che non riusciate a trovare l’ aglio indicato: fate cuocere l’aglio nel latte anziché nel vino, il gusto risulterà molto delicato e perderà il caratteristico sapore non gradito a tutti

Ricordate una cosa importantissima: l’aglio non deve MAI soffriggere, solo così sprigionerà la sua dolcezza.

image

Buon appetito a tutti, a domani, con la storia vera dei Pici.

 

Annunci

8 pensieri su “Lo sapevate che…

  1. Ciao Tiziana, sai che stavo cercando proprio questa ricetta senza pomodoro? mia figlia con il marito sono stati a Siena e mio genero ha gustato dei pici con questo condimento che gli sono piaciuti molto, mi sono messa a cercare la ricetta ma tutte quelle trovate prevedevano il pomodoro. Grazie me la salvo subito.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...