El tartufon: RISOTTO AL TARTUFO

Oltre ai superbi tagliolini al tartufo, un’altra delle mie debolezze culinarie e’ senz’altro il RISOTTO AL TARTUFO

Per quando mi prendono queste voglie improvvise ma non ho a disposizione il prezioso tubero, ho imparato ad organizzarmi con la conserva casalinga

Nel periodo di abbondanza, quando cioè i tartufi sono reperibili facilmente e le finanze me lo permettono, faccio scorta e li conservo in questo modo :

  • 1 tartufo ( io uso quello nero che si può cuocere)
  • 100 gr di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 100 gr di burro di ottima qualità
  • Un pizzico di sale e pepe
  • Frullo tutto insieme sino ad avere un composto omogeneo , quindi ricompongo un panetto di burro e congelo
  • Può durare così conservato sino ad un anno … ma a noi non è mai rimasto al fresco così a lungo!
  • Oggi era uno di quei giorni che mi andava proprio un bel risottino al tartufo, quindi, con l’ausilio del mio fedele congelatore, sono riuscita a prepararlo in modo impeccabile
  • RISOTTO AL TARTUFO NERO
    • 300 gr di riso Carnaroli
      1 scalogno
      1 foglia di alloro
      1L di brodo vegetale o di pollo
      Olio evo
      Spumante secco ( o champagne )
      50 gr di Burro+parmigiano +tartufo
      Parmigiano grattugiato
  • ESECUZIONE
  • Tritate finemente lo scalogno e mettetelo nella pentola dove cuocerete il riso con la foglia di alloro; fate imbiondire, aggiungete il riso e fate leggermente tostare quindi spruzzate con lo spumante e fate evaporare bene l’alcol. Coprite il riso con tutto il brodo vegetale o di pollo facendo attenzione che sia sufficientemente salato ed aggiungete anche metà del burro tartufato
  • Non toccate più il risotto e portatelo a cottura per il tempo indicato sulla scatola del riso
  • Trascorso questo tempo quando il riso sarà leggermente al dente spegnete il fuoco e mantecate con il rimanente burro di tartufo e una abbondante cucchiaiata di parmigiano grattugiato fresco
  • Lasciate riposare ( o ” sfiammare” come dicono gli chef) a pentola coperta per 5 minuti prima di servire
  • Se avete un bel tartufo nero a disposizione , procedete in ugual modo aggiungendo il tartufo grattugiato a metà cottura….. se invece avete sua maestà il tartufo bianco , fate un semplicissimo risotto alla parmigiana e abbondate con scaglie di ” sua maestà ” a fine cottura !😋😋
  • BUON APPETITO
  • Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo di WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google photo

    Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...