RICORDI D’INFANZIA

image

Quando arriva il mese di Febbraio il mio cuore corre all’infanzia, alle chiassose e meravigliose feste in casa di nonna Francesca con i miei cugini

cropped-tiziana-13.jpeg

Ci riuniva tutti, eravamo in 8  più o meno coetanei, ognuno di noi felice nel proprio costume carnascialesco di interpretare un personaggio che, nei nostri sogni di bambini, era il massimo che si poteva desiderare!

La principessa e la ballerina spagnola, si misuravano con Zorro ed il cow boy, attorno a immensi vassoi di bugie (o cenci, crostoni, frappe, chiacchiere , chiamateli come volete sono sempre la stessa cosa) litigando, sempre amorevolmente, per accaparrarsi il pezzo più grosso !

img_2829

Proprio la ricetta delle bugie di nonna Francesca è quella che ho pubblicato nel mio libro, e ieri, preparandole per Agata e la sua amichetta, ho rivissuto momenti di gioia intensa . Certi sentimenti a volte si assopiscono nell’animo, però  tornano sempre con improvvisa e meravigliosa potenza per continuare a farci sognare e mantenerci un po’ bambini

img_2827

LE BUGIE DI NONNA FRANCESCA (” In cucina da nonna Titti “pag 128)

  • 500 gr di farina 0
  • 2 uova
  • 100 gr di zucchero
  • un pizzico di sale
  • aroma di vaniglia
  • 30 gr di burro
  • succo di 1 arancia
  • la buccia grattugiata di 1 arancia e di 1 limone
  • 1 bicchierino di marsala
  • olio per friggere
  • zucchero a velo

ESECUZIONE

Mettete sulla spianatoia la farina setacciata, lo zucchero, le bucce grattugiate degli agrumi

img_2816

Aggiungete il resto degli ingredienti ricordando che il burro dovrà essere ” a pomata” cioè molto morbido ma non fuso

img_2817

Lavorate molto bene e formate una palla che farete riposare in frigo per circa un’ora

img_2818

Trascorso questo tempo stendete la pasta con il matterello sino a raggiungere lo spessore desiderato

img_2820

Tagliate con la rotella la pasta a strisce oppure dandole la forma che desiderate

img_2821

Friggete quindi le bugie in abbondante olio di semi ( io lo faccio con la friggitrice così sono certa che l’olio non bruci)

img_2823

Fatele ben asciugare dall’olio

img_2824

Quindi mettetele in un cestino e man mano che friggete, cospargetele con lo zucchero a velo

img_2825

Terminata la frittura, servite tiepide per la gioia di tutta la famiglia ….ed oltre!

img_2828

Che il Carnevale abbia inizio!

Buon Appetito

Annunci

Tris di dolci

img_2535

Con oggi termino il tris di dolci che ho preparato con la mia Agatina, anche questo ha trovato il suo pieno consenso, anche se non ha partecipato attivamente alla sua esecuzione in quanto è molto meglio se i bambini non si avvicinano al caramello bollente, potrebbero correre tremendi rischi.

Comunque, come potete vedere dalla foto, ha gradito moltissimo !!

Questa ricetta velocissima e di certo risultato, me l’ha data la mia amica Mirella che, come sempre, non fallisce un colpo

CROCCANTE ALLE ARACHIDI DI MIRELLA

  • 100 gr di zucchero di canna
  • 80 gr di arachidi
  • 1 fettina di limone

ESECUZIONE

Sciogliete lo zucchero in un padellino antiaderente e fate ben caramellare con il massimo dell’attenzione poiché una bruciatura con il caramello è pericolosissima

img_2506

Tritate le arachidi in modo grossolano e, quando il caramello sarà pronto,

img_2507

aggiungetele al caramello stesso, avendo cura di spegnere il fuocoimg_2508

Amalgamate benissimo gli ingredienti e mettete l’impasto tra due fogli di carta forno, o, meglio ancora, se lo avete, su di un ripiano di marmo, perché permette al croccante di raffreddare più in fretta

img_2509

Spianate molto bene con il matterello dando lo spessore desiderato. Quando sarà ormai freddo, passatelo con la fettina di limone per dargli lucidità, spezzettatelo con le mani e assaggiatelo immediatamente, perché , altrimenti, vi capita come a me……vassoio quasi vuoto, neppure il tempo della foto di rito!

Naturalmente per preparare il croccante, potete usare il tipo di frutta secca che preferite

img_2513Buon Appetito

Parlando di dolci

img_2535

Dopo i dolcetti agli agrumi, un altro dolce super veloce per il quale Agata va pazza, è il ciocorì

E un semplicissimo insieme di riso soffiato e cioccolato che ha fatto la felicità di generazioni di bambini

Mi ricordo che mia nonna mi metteva, di nascosto dalla mamma, un ciocorì in cartella ogni mattina prima di andare a scuola, perché , sosteneva “c’è tanto riso e ti fa tanto bene”

Non so se mi faceva tanto bene, ma so di certo che mi piaceva un sacco!

Ho riprovato a rifarlo per mia nipote e, oltre al piacere di trascorrere con lei un intenso pomeriggio di lavoro domestico, ho riassaporato  quella meravigliosa complicità tra nonna e nipote.

CIOCORI’ CASALINGO

  • 100 gr di riso soffiato
  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 100 gr di cioccolato al latte
  • 40 gr di burro

ESECUZIONE

Sciogliete a bagno maria il cioccolato con il burro ( prima quello fondente ed aggiungete in un secondo tempo quello al latte)

img_2520mettete il riso soffiato in un contenitore abbastanza ampio (occhio a vostra nipote!)

img_2519

Appena il cioccolato sara completamente sciolto

img_2521

miscelatelo al riso soffiato

img_2522

Mischiate perfettamente amalgamando bene i 2 ingredienti

img_2523

Quindi mettete il composto tra due fogli di carta forno e spianatelo con il matterello dandogli lo spessore che preferite

img_2524

Se per caso nel contenitore dovesse rimanere un po’di cioccolata, non preoccupatevi, con voi ci sarà senz’altro qualcuno che vi verrà in aiuto!

img_2525

Togliete la carta forno, e, se anche a voi verrà fuori un maxi ciocorì a forma di cuore vuol dire che avete lavorato con tanto amore ( considerazione di Agata!)

img_2527

Fate ben raffreddare e, con un coltello affilato, tagliate a quadrotti

Fasciate ogni quadrato con carta di alluminio , in questo modo durerà fragrante più a lungo

Buon Pomeriggio in allegria

 

oggi tutto è inadeguato

Si, oggi tutto è inadeguato, le notizie che arrivano attraverso i media, ci fanno accapponare la pelle e sentirci  inutili e vacui

Però, come si dice “the show must go on ” allora andiamo avanti con la vita di sempre imbastita di tante piccole e semplici cose quotidiane.

Fra queste,  una che ci piace e ci rilassa, è la cucina; magari dolce e confortevole come necessita in questi giorni

Allora andiamo con dolcini agli agrumi facilissimi e velocissimi perfetti da gustare con una fumante tazza di the agli agrumi

img_2535

BISCOTTINI AGLI AGRUMI

  • 3 Agrumi non trattati a scelta:arancia, limone, lime, mandarino ecc
  • 200 gr di nocciole
  • 200 gr di zucchero a velo
  • 80 gr di farina
  • 80 gr di burro
  • 4 albumi
  • un pizzico di sale

ESECUZIONE

Mettete in una terrina le nocciole pelate e tritate finemente, aggiungete lo zucchero e le bucce degli agrumi scelti,  la farina setacciata ed il burro fusoimg_2529Rimescolate accuratamente, quindi incorporate gli albumi montati a neve ben ferma insieme con il sale

img_2530

Mescolate molto bene sollevando il composto dal basso verso l’alto img_2531

Raccogliete il composto in una tasca da pasticceria munita di bocchetta liscia e, premendo leggermente , formate sulla placca del forno rivestita co carta forno, tanti mucchietti di pasta ben distanziati fra loro

img_2532

Mettete i dolcetti in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti o sino a quando risulteranno appena dorati.

Lasciateli raffreddare completamente prima di levarli dalla teglia

img_2533

Buon Appetito

P.s.domani continuerò con le dolci frivolezze…..vi aspetto!

Petite douceur

img_1999Il martedì è il giorno che dedico a me stessa !

image

La mattina vado in piscina dove mi rilasso anche chiacchierando con le amiche con le quali scambio ricette e consigli, poi, nel pomeriggio, dopo un veloce pranzo, mi ritrovo con ” le amiche del tea”e qui si che c’è la vera magia del martedì!

image

Ci incontriamo, parliamo dei ” massimi sistemi” e ci ristoriamo con degli ottimi e profumatissimi tea che Giovanna, la padrona di casa ci fa’ trovare fumanti.

image

A noi spetta l’onere e l’onore di preparare i dolcini di accompagnamento; oggi, avendo poco tempo a disposizione, sono ricorsa alla pasta sfoglia già pronta ed ho preparato queste petite douceur

VENTAGLINI DI PASTA SFOGLIA FARCITI

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 30 gr di burro
  • gocce di cioccolato fondente
  • gocce di cioccolato bianco
  • zucchero di canna

ESECUZIONE

Srotolate la pasta sfoglia e appiattitela leggermente

img_2227

Fondete il burro e spalmatelo sulla sfoglia aiutandovi con un pennello

img_2228

Mettete un po’ di zucchero di canna

img_2229

Unite anche le gocce di cioccolato

img_2230

Arrotolate la pasta così farcita da una parte e dall’altra, spennellando con il burro fuso ogni piega

img_2231

Formate un rotolo che in sezione dovrà presentarsi come nella foto

img_2232

Con un coltello ben affilato tagliate a rondelle di circa 2 cm di spessore

img_2233

Posizionate i ventaglini sulla leccarda del forno ben distanziati

img_2234

Continuate disponendo così tutte le fettine

img_2235

Aggiungete un fiocco di burro su ogni ventaglietto

img_2236

Cuocete in forno statico preriscaldato a 170* per 15 minuti

P.S. non fatevi prendere da un’alzata di ingegno come ho fatto io che, per voler ben caramellare, ho dato 5 minuti di grill e questo è il risultato
image

Pazienza, speriamo che le mie amiche apprezzino comunque.

Buon Appetito

Incucinada……Patrizia

img_2179

Questa e’ l’ottima zucca gialla che avevo qualche giorno fa.

Buona, era indiscutibilmente buona, ma anche davvero tanta, allora per la serie non si spreca nulla, in parte l’ho congelata

img_2185

In questo periodo, però, sto riempiendo il congelatore con tutto ciò che occorre per allestire i pranzi delle feste, allora urge il consumo della zucca.

In mio aiuto questa mattina è venuta la mia amica Patrizia che mi ha ” passato ” questa stuzzicante ricetta che, per la prima volta, oggi provo con voi

BISCOTTINI  ALLA ZUCCA ( by Patrizia)

  • 180 gr di zucca gialla cotta
  • 200 gr di farina tipo 2
  • 100 gr di fecola di patate
  • 50 gr di farina di mandorle
  • 80 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 100 gr di burro
  • la buccia grattugiata di un limone e di un’ arancia
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • zucchero a velo
  • scaglie di di cioccolato fondente

ESECUZIONE

montare lo zucchero con il burro

img_2190

Aggiungere l’uovo

img_2191

Ed unire anche la zucca cotta nel microonde e schiacciata con la forchetta

img_2192

Mischiare bene nel mixer tutti gli ingredienti comprese la farina e la fecola, le bucce grattugiate degli agrumi, il lievito e montate il composto

img_2193

Aggiungete la farina di mandorle ( se preferite potete utilizzare la farina di nocciole, ci sta ugualmente bene) e mischiate

img_2194

Amalgamate tutti gli ingredienti e mettete in frigo per 1 ora; trascorso questo tempo togliete dal frigo

imageCon  le mani leggermente bagnate ed uiutandovi con 2 cucchiaini

img_2198 formate delle palline grandi come una noce; tagliate a scaglie i quadrotti di cioccolato

img_2197

E mettete dentro ad ogni dolcetto un pezzetto di cioccolato

img_2199Preparate la leccarda del forno cospargendola  di zucchero a velo

image

Accendete il forno a 180*; mettete i dolcini abbastanza distanziati fra loro sulla leccarda

img_2200

Cuocete per 15 minuti; trascorso questo tempo fate raffreddare e cospargete con zucchero a velo.

img_2201

Brava Patrizia, ottima ricetta!

Buon Appetito

 

Nonna, coccodolciamoci !

img_2187

Con questo neologismo creato ad hoc da Agata per dirmi di cucinare un dolce portatore di coccole, è iniziato il nostro freddo e piovoso pomeriggio in cucina

img_1813

Un po’ per gioco un po’ per farsi cullare dalla piacevolissima scia dei ricordi, ho ricercato il vecchio quaderno  dove trascrivevo  i dolcetti che la carissima Maria, indimenticabile amica dei nostri  primi anni in Toscana, era solita portarmi ogni volta che mi veniva a trovare

img_1863

 

Così, sfogliando, raccontando e ridendo, la nostra golosità ci ha fatto scegliere dei comunissimi biscotti ai cornflakes che con un piccolo accorgimento suggerito da Maria, sono diventati unici e  squisiti

img_1307

BRUTTI E BUONI DI MARIA

  • 200 gr di farina 0
  • 100 gr di farina di nocciole
  • 3 uova intere
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 180 gr di burro
  •  mandorle in scaglie
  • 50 gr di gocce di cioccolato
  • buccia grattugiata di un limone
  • 1/2 bustina di lievito per dolci ( che Maria chiamava ” presina”)
  •  Kellogg’s cornflakes al cioccolato q.b.

ESECUZIONE

mettete nel robot da cucina le uova intere con lo zucchero e montate molto bene

img_2096

Appena si sarà ottenuto un composto spumoso, unire il burro ammorbidito e montare ancora

img_2097

Aggiungete le farine, la buccia di limone, la “presina”e impastare

img_2098

Il composto risulterà molto morbido

img_2099Aggiungete le mandorle e le gocce di cioccolato, quindi preparate i cornflakes in un vassoio, prendete con un cucchiaio piccolo un quantitativo di composto pari ad una noce ( vi consiglio di bagnare il cucchiaio per facilitarvi il compito), infarinatele nei cornflakes e mettete le palline ottenute sulla placca del forno rivestita con carta forno o con un tappetino di silicone
img_2100

Preriscaldate il forno a 200*e, dopo aver abbassato a 180*, infornate i brutti e buoni per circa 20 minuti

img_2101

Trascorso questo tempo, fate raffreddare i biscotti sulla teglia e cospargeteli con zucchero a velo

img_2106

Sono ottimi in tutte le circostante ma ” coccodolciandosi” con i nostri pulcini, diventano ineguagliabili!
img_2105

Buon Appetito

Quando il ciambellone è un dono d’amicizia

image

Penso che tutti voi abbiate avuto come regalo da un’amica il bicchierino con una piccola parte di impasto del ciambellone dell’amicizia

image

A me ha sempre fatto molto piacere riceverlo perché ho immaginato che chi ha pensato di regalarlo a me mi considerasse davvero un’amica

image

Sotto il nome ” torta dell’amicizia ” mi sono capitati parecchi impasti tutti molto buoni, ma questo che mi ha dato la mia amica Giuliana, l’ho trovato davvero ottimo e, dopo la prima volta nella quale ho seguito in modo super preciso le istruzioni del foglietto di accompagnamento, ho provato a rifarlo e devo dire che il risultato è stato comunque ottimo, magari senza benedizione, ma con una strizzata d’occhio da parte di San Pio, sicuramente sì.

TORTA DELL’AMICIZIA DI P. PIO

Usate come unità di misura un bicchiere di carta

  • 4 bicchieri di farina
  • 3 bicchieri di zucchero
  • 2 bicchieri di latte
  • 1 bicchiere di olio di semi
  • 2  uova intere
  • 1 hg di noci sgusciate e tritate
  • 1 mela
  • 1 pera
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la buccia grattugiata di un’arancia e di un limone
  • un pizzico di sale

ESECUZIONE

Mettete nel bicchiere del mixer la farina, lo zucchero, il latte, le uova, l’ olio,  la buccia grattugiata degli agrumi, la vanillina, il lievito ed il sale ed amalgamate molto bene il tutto.

img_0544

Tagliate a pezzi molto piccoli la mela e la pera e tritate le noci

img_0862

Mettete questi 2 ingredienti nel composto preparato con il mixer

img_0315

E versate tutto in una teglia da ciambellone a cerniera ben imburrata ed infarinata

img_0863

Infornate in forno caldo a 180* per circa 40 minuti

img_0865

Servite tiepida o fredda dopo avercosparso il dolce con zucchero a velo

Potete sostituire la mela e la pera con qualsiasi frutta (io l’ho fatta con pesche e susine) perché il risultato sarà comunque soddisfacente, quella che a noi è piaciuta di più è con more e lamponi

Se volete farla nel modo suggerito dalla ricetta originale, ho pubblicato la foto all’inizio del post

Con tutto la mia amicizia  auguro a tutti…

Buon Appetito

 

 

 

 

 

 

Autunno=vendemmia

imageQuando pensiamo all’autunno il primo pensiero va alla vendemmia; la vigna ordinata e curata infonde in chi la osserva un senso di assoluta tranquillità

image

Per noi che siamo amanti della buona cucina tradizionale più che alle romantiche visioni, pensiamo alle succulente merende che si consumano tra i filari ricchi di grandi grappoli maturi

image

Come sempre, regione che vai tradizione che trovi, mentre in Liguria per rifocillare i vendemmiatori si preparano all’infinito testi ( teglie) di farinata succulenta,

image

in Toscana una delle merende preferite dopo il tradizionale ” pane sciapo e presciutto” è la Schiaccia con l’uva preparata proprio con l’ uva da vino

image

Per chi vive tra i vigneti procurarsi l’uva necessaria  per fare la schiaccia è un gioco da ragazzi e potete anche immaginare come!

E’ una ricetta semplicissima e dal successo garantito, io mi sono un po’ complicata la vita perché ho iniziato dal lievito madre.

Dopo aver rinfrescato il lievito ed averlo fatto lievitare fuori dal frigo per circa 2 ore, mi sono resa conto che avrei dovuto buttarne almeno la metà allora ho pensato alla schiaccia: per prima cosa ho sciolto circa 150 gr di lievito madre in 350 gr di acqua tiepida ed un cucchiaino di miele

image

Ho sciolto bene ed ho lasciato riposare la pastella ottenuta per circa 15 minuti

image

Trascorso questo tempo ho messo nella planetaria 500 gr di farina Petra 3, la pastella ed ho impastato per circa 5 minuti

image

Appena ho ottenuto un impasto  soffice e ben lavorato, l’ho messo sulla spianatoia, ho impastato un po’ a mano, ho fatto un panetto, ho fatto una croce per facilitare la lievitazione

image

Ed ho amorevolmente coperto con la copertina delle mie bambine, lasciando riposare il pane per circa 2 ore

image

Trascorso questo tempo ,con la pasta di pane ben lievitata, ho preparato la schiaccia con l’uva

image

SCHIACCIA CON L’UVA

  • 500 gr di pasta lievitata per il pane
  • 1 kg di uva da vino
  • 150 gr di zucchero
  • 4 cucchiai di olio di oliva

ESECUZIONE

Mettete nella planetaria la pasta del pane con 50 gr di zucchero e l’olio

image

Sulla spianatoia, stendete metà della pasta di pane e tirate una sfoglia abbastanza sottile

image

Lasciate ancora un po’ lievitare e nel frattempo preparate gli acini d’uva, lavateli e mondateli molto bene e conditeli con un cucchiaio di zucchero ( questa è una mia idea che non troverete nelle ricette tradizionali, ma trovo che con questo piccolo accorgimento la schiaccia sia più buona)

image

Ungete  la teglia con un po’ d’olio, foderatela con la sfoglia e cospargetela con metà dei chicchi d’uva e con 4-5 cucchiaiate di zucchero

image

Stendete la restante pasta, e fate un altro strato con la sfoglia, altri acini ed altro zucchero

image

Irrorate con un filo d’olio ed infornate a180*\ 200*

image

Dopo 30 minuti la schiaccia sarà pronta

image

Buon appetito

 

 

Melon cake gli ultimi sapori d’estate

image

L’estate, oltre a donarci dei meravigliosi tramonti, ci gratifica con frutta saporita e succosa e da quando abbiamo l’estrattore devo dire che apprezziamo ancora più di prima i suoi fantastici nettari

image

Pero’ non tollero il fatto di dover sprecare tanta buona polpa ed allora cerco di pensare a ricette adatte per utilizzarla.

Oggi, avendo a disposizione la polpa di un dolcissimo melone, ho pensato ad una sorta di plum-cake al melone appunto,  buono e salutare per la colazione del mattino

MELON-CAKE

  • 200 gr di polpa di melone
  • 2 uova
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 200 gr di farina 0
  • 1 limone ( succo e buccia grattugiata)
  • 100 ml di olio di semi di arachidi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1/2 bicchiere di latte
  • zucchero a velo

ESECUZIONE

Montate le uova con lo zucchero sino ad ottenere un composto bianco e spumoso

image

A  parte, aggiungete la buccia ed il succo del limone alla polpa del melone e frullate il tutto nel robot da cucina

image

Unite il composto di frutta alle uova battute con lo zucchero, aggiungete tutti gli altri ingredienti compresa la bustina di lievito per dolci sciolta in mezzo bicchiere di latte a temperatura ambiente

image

Amalgamate bene e foderate uno stampo da plum- cake, quindi versatevi il composto

image

e cuocete  in forno caldo a 180* per 50 minuti

image

Trascorso questo tempo lasciate ancora nel forno spento per 15 minuti e, appena sarà intiepidito, ricoprite con zucchero a velo

image

Servite con estratto di succo di melone fresco

image

Buon Appetito