…….e un anno se ne va!

imageAnche se a guardare il tempo non si direbbe, la stagione fredda è davvero finita.

image

Con l’inverno terminano, o meglio, si chiudono, tutte gli impegni che mi hanno mantenuto ” in forma” da settembre ad oggi facendomi somigliare ad un folletto pazzo che cercava di barcamenarsi tra mille attività!!!!

image

 

Con il saggio di ieri sera si sono conclusi anche gli impegni di Agata, fatta eccezione per un’ ultima lezione di laboratorio creativo di cucito, per cui,  per i pochi giorni che ci separano dalla partenza per il mare dove  ovviamente, ricomincerà il mio ritmo frenetico, posso pensare un po’ al relax laborioso che mi piace tanto!!!

image

Bando alle divagazioni, oggi ci sarà la giornata conclusiva ad “Università 2000”, un circolo culturale del quale faccio parte con un gruppo di amiche dove si trascorrono piacevoli pomeriggi tra interessanti conferenze, proiezioni di film, sui quali facciamo animati dibattiti sempre molto produttivi e, ovviamente, il gioco del burraco che, alla faccia della cultura, devo dire è il nostro appuntamento preferito!

image

Per salutarci e darci appuntamento al prossimo settembre si è deciso di preparare un piccolo buffet per il quale ho pensato di preparare dei biscottini alla tripla farina che ho preso dal famoso quaderno della mia nonna e che hanno sempre avuto grande consenso…….speriamo che ciò accada anche questa sera!

image

BISCOTTI ALLE TRE FARINE

  • 125 gr di farina 0
  • 50 gr di farina di mandorle
  • 50 di farina di nocciole
  • 1 tuorlo
  • 150 gr di zucchero di canna
  • 100 gr di burro
  • 1/2 bicchierino di rum

ESECUZIONE

Mischiate accuratamente le 3 farine con lo zucchero e mettete il composto sulla spianatoia facendo la fontana al centro dove posizionerete il burro ben ammorbidito e tutti gli altri ingredienti e lavorate pochissimo con le mani

image

Quando tutto sarà amalgamato mettetelo il una terrina coperta con la pellicola e lasciatelo in frigo almeno per 30 minuti

image

Trascorso questo tempo, mettete la frolla sulla spianatoia leggermente infarinata, ricoprite con un foglio di carta forno e con l’aiuto del mattarello, spianate la pasta sino all’altezza desiderata

image

Date ai biscotti la forma desiderata

image metteteli sulla leccarda del forno ricoperta con la carta forno e cuocete per 15 minuti a forno ventilato a 160*-180*

image

Quando saranno tiepidi spolverateli con zucchero a velo e serviteli con un the ai frutti di bosco.

image

Se avete il robot da cucina potete fare la frolla impastando tutti gli ingredienti insieme con la modalità a scatti per pochi secondi

image

Se avete i fogli di silicone potete usarli direttamente per spianare e come teglia, così non rischierete di rovinare la forma dei biscotti quando li metterete in teglia per cuocere

Buon Appetito

Domenica è sempre domenica!

Qualche giorno fa vi ho presentato i menù della domenica in casa mia quando ero bambina facendo una grave dimenticanza: il mitico pollo arrosto!

Si, proprio lui, il caro  pollo arrosto che noi nati negli anni ’50/’60    ricordiamo bene.

La mia ” guru” culinaria Luisanna Messeri, ha dato una ricetta di  questo piatto, veramente gustosa e velocissima che ho provato in questi giorni e, con qualche modifica la ripropongo anche a voi

POLLO ARROSTO CON SALSICCIA E PATATE

  • 4 cosce di pollo
  • 400 gr di salsiccia di pollo e tacchino
  • aglio,rosmarino,salvia, timo
  • buccia di limone
  • sale pepe
  • olio evo
  • 30 cl di vino bianco
  • succo di 1/2 limone
  • 2 kg di patate

ESECUZIONE

Preparate il trito con l’aglio, le erbe aromatiche, il sale ed il pepe, la buccia del limone.image

Massaggiate il pollo e la salsiccia con questo tritino imagemettetelo in un sacchetto per congelare aggiungendo olio evo .image

Lasciate così ad insaporire in frigo per mezz’ora.

Scottate le patate tagliate a tocchi per pochi minuti e fatele insaporire in padella con aglio e rosmarino ed olioimage

Ungete una teglia da forno,rovesciate il sacchetto con il pollo e la salsiccia e mettete in forno caldo a 200* per circa 20 minutiimage

Trascorso questo tempo, tirate fuori la teglia, rigirate la carne ormai ben rosolata, unite le patate, una spruzzata di vino ed ancora un po’ di rosmarino ed aglio.image

Rimettete in forno e fate cuocere ancora per circa 30 minuti

Strizzate il succo del limone ormai cotto e passate sotto il grill ancora per 5 minuti.

Servite e……..all’arrembaggio!!!!!!!!!

Si, avete capito bene, all’arrembaggio perché l’aspetto estremamente invitante porterà i commensali all’attacco della teglia ed il gusto saporitissimo li indurrà al saccheggio totale!

OOPS!!!!non ho avuto neppure il tempo di fare la foto al piatto finito!image

Se serve, vi posso dire che era davvero buono!

Buon Appetito

Inverno tempo di zuppe

Y
imageAnche se le temperature fanno pensare ad un’altra stagione,la pioggia battente di questo periodo ci riporta alla realtà e prendiamo atto che nonostante tutto siamo in inverno………e cosa c’è di meglio che gustare una saporita e densa zuppa, magari a base di legumi gustata in ciotole in terracotta che ci riportano alla più antica delle tradizioni.image

A proposito di tradizione familiare mi è tornata in mente una favolosa zuppa di fagioli cannellini che mangiammo anni fa in casa della suocera della mia amica Giuliana a San Miniato in provincia di Pisa e tra ricerca e ricordi ho provato a “ricostruire” il piatto ed ecco il risultato

MINESTRA DI CANNELLINI DELLA NONNA

  • 400 gr di fagioli cannellini lessati
  • 100 gr di rigatino toscano a dadini
  • 1 cipolla
  • 3 gambi di sedano
  • 2 mazzetti di salvia
  • 1 1/2 L di brodo di pollo
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Rosolate il rigatino sino a che diventerà croccante.image

Unite un cucchiaio di olio evo, la cipolla ed il sedano tritati.image

Quando sarà ben insaporito, unite i fagioli , imagela salvia tritata ed il brodo di pollo e cuocete per 30 minuti.image

A parte preparate con la farina di semola e l’acqua bollente i cavatelli

image

Trascorso il tempo di cottura, cuocete i cavatelli imagee servite in ciotoline di terracotta dopo aver aggiunto un po’ di prezzemo tritatelo.

image

Buon Appetito

Ricordi di gioventù

imageNegli anni della nostra giovinezza, ormai persi nella nebbia dei tempi, accadeva spesso che ci si trovasse in casa dell’uno o dell’altro per trascorrere serate all’insegna della musica.

Eravamo tutti giovani con figli piccoli e quasi tutti lontani dalle famiglie di origine, ma tutti con la forza dei vent’anni, avevamo voglia di stare insieme per trascorrere momenti di svago.

Ci eravamo inventati i sabato sera dove cantavamo a squarciagola canzoni stonate, che a noi però parevano da Oscar e, nemmeno a dirlo, con tavolate affollatissime dove ognuno di noi contribuiva con piatti tipici del proprio territorio.

Un collega di mio marito, romano de Roma, preparava spesso un pollo alle cipolla con una ricetta che, a suo dire, aveva “estorto” con le lusinghe ad una notissima ristoratrice di Trastevere e che ,sempre secondo lui, aveva incredibili effetti afrodisiaci!!

Non so proprio se questa fosse una semplice boutade, ma sicuramente so che era una vera bontà………..o era solo la musica????????

Be’, giudicate voi.

POLLO ALLE CIPOLLE DE SORA PIA

  •  1 pollo tagliato a pezzetti
  • 3 cipolle rosse di certaldo
  • 1 spicchio d’aglio
  • salvia,rosmarino, timo
  • olive di Gaeta
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • il succo di 1 limone
  • olio evo
  • sale pepe.

ESECUZIONE

Con l’aglio e le erbe aromatiche, fate un trito finissimo, unite il sale ed il pepe e cospargete con questo composto i pezzi di pollo.

Mettete il pollo dopo averlo un po’ massaggiato, in un contenitore ed irrorate con olio evo ed il succo di 1 limone.

Chiudete con un tappo a chiusura ermetica e lasciate così riposare per un paio d’ore.image

Nel frattempo tagliate le cipolle a fettine sottili e lasciatele un po’ in acqua calda affinché perdano il loro gusto forte.

Trascorso il tempo di posa del pollo, mettetelo in una padella con la marinata e fatelo insaporire da ogni lato.image

Aggiungete quindi le cipolle e, dopo aver fatto amalgamare i sapori, unite il vino bianco e fate andare sino a cottura del pollo a fuoco molto basso.image

Se occorre aggiungete un po’ di brodo caldo o acqua calda e 1/2 dado da brodo.image

10 minuti prima della completa cottura unite le olive e fate in modo che resti parecchio intingoloimage

Non dimenticate di rifornirvi di parecchio pane, magari fate voi quello con le noci: tutti i commensali si sentiranno estasiati, se poi è vero ciò che dice Pietro…………….

Buon Appetito!image

Ritorno al…passato

imageIl piatto di oggi era un must tra gli antipasti degli anni ’70, si serviva in gelatina e non mancava mai nei pranzi di famiglia di quell’epoca.

Ricordo che a casa mia erano due le versioni che andavano per la maggiore: una era quella che propongo oggi, con l’insalata russa mentre l’altra, ugualmente buona, aveva come farcia per i coni di prosciutto, una deliziosa spuma di tonno e burro .

Per la ricetta di oggi, ho optato per la prima versione perché tutti le preparazioni a base di burro non sono tanto benviste a causa del colesterolo che incombe, però, se proprio voleste provarla anche voi, usate la ricotta e frullatela con tonno, 2 cucchiai di cognac, 1 manciata di capperi dissalati e qualche foglia di prezzemolo, farcite con questo impasto i coni di  prosciutto cotto o, come ho fatto io, di prosciutto di tacchino e godetevi un pasto…vintage!

CONI DI PROSCIUTTO DI TACCHINO CON INSALATA RUSSA

  • 8 fette di prosciutto di tacchino
  • 2 carote
  • 2 patata
  • 150 gr di piselli surgelati
  • 1 scatoletta di tonno sott’olio
  • capperi
  • sottaceti
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di maionese
  • 1/2 cucchiaio di senape
  • olio evo
  • aceto bianco
  • sale pepe

ESECUZIONE

Tagliate le patate e le carote a cubetti regolari e fateli lessare in acqua salataimage

Dopo pochi minuti unite i piselli e lasciate bollire sino a quando tutt’e le verdure saranno pronte.

Scolate bene con un mestolo forato e fate intiepidire.image

Mettete in una terrina ed unite il tonno frantumato con la forchetta,i capperi dissalati i sottaceti tagliati a pezzettini e condite con un po d’olio evo,il sale ed il pepe e qualche goccia di aceto bianco.image

Amalgamate la maionese con la senape imagee mettete la salsa ottenuta nella terrina con le verdure e mischiate.image

Lessate le uova e, quando saranno lesse e sbucciate, tagliatele a rondelle.

Formate i coni con il prosciutto e farciteli con l’insalata russa .image

Decorate il piatto con le rondelle di uova e terminate mettendo su ogni cono un gheriglio di noce: in una sana alimentazione 3 noci al giorno non devono mancare!

Buon Appetitoimage