Rivoluzione : Maccheroni cacio e pepe gratinati

img_5357

Lo so, guardando la foto vi vengono in mente 1000 ricette ma non certo la cacio e pepe.

IMG_3154

Sapete anche che sono un po’ bizzarra e non so che mi inventerei pur di non gettare via nulla in cucina

IMG_2612

Infatti, controllando il frigorifero, ho notato una tazza di besciamella avanzata da una precedente preparazione, e, avendo ormai deciso per maccheroni cacio e pepe, ho pensato a come potevo impiegarla senza rivoluzionare il menù e………….

MACCHERONI CACIO E PEPE GRATINATI

  • 300 gr di maccheroni Gragnano
  • 100 gr di pecorino romano grattugiato
  • 1 cucchiaio di pepe nero in grani
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale pepe
  • 1 tazza di besciamella
  • 2 cucchiai di curcuma
  • 30 gr di burro

ESECUZIONE

Pestate nel mortaio i grani di pepe nero, mettetelo in una padella abbastanza grande da contenere la pasta con 2 cucchiai di olio evo e uno spicchio d’aglio schiacciato e lasciato intero con la buccia; fatelo dorare, quindi spegnete il fuoco e unite metà del pecorino.

Lessate a metà cottura i maccheroni , scolateli con il ragno conservando l’acqua di cottura e versateli nella padella con il pecorino ed il pepe; amalgamate velocemente, unite metà burro  e, se serve, aggiungete ancora un po’ di acqua di cottura; cospargete con abbondante pepe nero macinato e mettete nella pirofila

img_5350

Aggiungete alla besciamella la curcuma

img_5351

amalgamate benissimo

img_5352

ed aggiungete ai maccheroni

img_5353

Unite ancora pecorino e pepe , rifinite con il restante burro a fiocchi

img_5354

mettete a gratinare in forno con il grill per circa 15 minuti

img_5357

e servite questa rivoluzionaria cacio e pepe…da leccarsi i baffi !!

img_5359

Buon Appetito

 

Annunci

Milan l’è un gran Milan : ossobuchi alla milanese

IMG_4869

Eccolo l’amore mio! Da quando l’ho conosciuta, non riesco più a farne a meno; con il suo lento e lentissimo tempo di cottura, esalta al massimo il gusto dei singoli ingredienti che, va da se, devono essere di ottima qualità

IMG_4877

L’ho utilizzata anche per preparare questo piatto del profondo nord,  gli ossobuchi alla milanese che, si sa, se non sono cotti nel giusto modo, restano duri. Ho fatto proprio un intero pasto meneghino nel modo in cui lo preparava zia Evelina “milanes in tel cor” come amava dire lei per esprimere tutto l’amore per la sua città

OSSOBUCHI ALLA MILANESE

  • 4 Ossobuchi
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 cipollina bianca
  • rosmarino
  • 30 gr di burro
  • 2 cucchiai d’olio
  • passata di pomodoro
  • buccia di limone grattugiate
  • prezzemolo
  • 2 acciughe dissalate e pulite
  • sale pepe

ESECUZIONE

Tagliate con le forbici la pelle degli ossibuchi per evitare che ci arriccino in cottura, infarinateli, salateli e pepateli leggermente, fateli un po’ rosolare nell’olio e nel burro

IMG_5225

Man mano che sono pronti, metteteli da parte

IMG_5226

Nella slow cooker mettete il pomodoro, la cipolla tritata con il rosmarino, un pizzico di sale ed un pizzico di pepe.

IMG_5227

unite gli ossibuchi rosolati

IMG_5228

e rigirateli bene nella salsa

IMG_5229

Azionate la slow cocker su medium per 4 h, naturalmente a pentola coperta

IMG_5230

Preparate a parte i piselli con cipolla e salvia tritate appena appassite in pochissimo olio evo, quindi unite i piselli gelo, 1\2 bicchiere di vino bianco e 1\2 bicchiere di brodo ( o acqua), sale e fate cuocere sino a quando il liquido sarà quasi completamente assorbito.

IMG_5234

Preparate anche un buon risotto: per prima cosa mettete in acqua calda i pistilli di zafferano e una buona manciata di porcini secchi

IMG_5231Preparate la base per il risotto con una piccola noce di burro, il midollo degli ossobuchi ed  una cipollina tritata con qualche fogliolina di salvia

IMG_5241

In questa base tostate il riso, sfumatelo con un po’ di vino bianco e tiratelo a cottura con un brodo vegetale nel quale avrete aggiunto anche i funghi secchi ammollati ( ho aggiunto al brodo un cucchiaio di curcuma per avere un colore più deciso ma soprattutto perché questa spezia, abbinata al pepe nero, è un toccasana per la nostra salute)

IMG_5232

Quando il riso sarà pronto mantecatelo con una generosa manciata di parmigiano e una macinata di pepe nero lasciatelo riposare per un po’ di minuti a pentola coperta per farlo snervare

IMG_5242

Sarà trascorso il tempo di cottura degli ossobuchi

IMG_5236

quindi mettete nella cooker  i piselli

IMG_5239

Tritate il prezzemolo con la buccia di limone e le acciughe

IMG_5235

ed aggiungete anche il trito

IMG_5238

Insaporite molto bene e lasciate riposare a pentola coperta ( la cocker mantiene il calore)

IMG_5244

Se volete servite il risotto da solo, offrendolo con un’abbondante passata di parmigiano

IMG_5245

ma se volete essere veri milanesi, fate un letto di risotto ed adagiatevi sopra l’ossobuco con piselli …con la benedizione di zia Evelina

Buon Appetito !

ieri e oggi: zemin de cexi

IMG_2998

Lo zimino di ceci o zuppa di ceci alla ligure, è una ricetta storica nella mia famiglia, per questo motivo l’ho voluta introdurre con una foto che ritrae la mia giovane mamma con me .

IMG_3643

Le tradizioni sono una cosa importante da cui è necessario partire ma  Agata, con una mise da perfetta cuoca, ci dimostra che il mondo va avanti e anche in cucina,le innovazioni sono necessarie.

IMG_3648

Allora, seguendo questa teoria, ho preparato una zuppa di ceci dove la mia solita passione per lo “svuota frigo” ha incontrato la ricetta di nonna Francesca ( In cucina da nonna Titti pag 46)  e ne è nato uno zimino\zuppa davvero speciale !

img_2112

ZIMINO DI CECI ALLA MIA MANIERA

  • 1 L di passato di verdure
  • 300 gr di ceci già lessati
  • 1 mazzetto di bietoline
  • 4 filetti d’ acciughe sotto sale
  • 2 spicchi d’aglio
  • olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Preparate un passato con le verdure di scarto da altre preparazioni (io ho fatto così: nel Bimby ho messo le foglie verdi di 2 porri tagliate finemente, il torsolo duro dei broccoli tagliato a dadini, 1 carota, foglie di sedano, 1 patata ed ho cotto a 100° per 30 minuti quindi ho salato e fatto andare a vel turbo per 30 secondi)

IMG_5102

tagliate a filetti le foglie di bietolina dopo averle ben lavate

IMG_5103

Nella pentola a pressione rosolate l’aglio a fettine in un giro di olio evo, spegnete il fuoco ed in questo olio caldo, fate sciogliere i filetti d’acciuga

IMG_5104

Aggiungete le bietole e fate insaporire

IMG_5105

Unite i ceci e fate insaporire

IMG_5108

Aggiungete la passata di verdure , aggiustate di sale, unite un po’ di pepe nero macinato , chiudete la pentola a pressione e fate cuocere dal sibilo per circa 20 minuti

IMG_5106

Nel frattempo con 2 etti di farina, acqua calda, un cucchiaio d’olio evo ed un pizzico di sale, preparate i cavatelli

IMG_5109

Appena sarà trascorso il tempo di cottura della zuppa, gettate la pasta e fate cuocere per pochi minuti; servite dopo aver fatto riposare per qualche minuto accompagnando con pecorino romano grattugiato : i commensali decideranno se utilizzarlo o no

img_2796

Buon Appetito

Carabaccia ovvero la suope d’oignons

IMG_5157

Chissà se la toscanissima Caterina de Medici, sposa del re di Francia, quando portò oltralpe le “ricette della nonna” immaginava che l’etrusca carabaccia sarebbe diventata la blasonata suope d’oignons

IMG_5158

Stiamo parlando di una classica zuppa contadina italiana che in Toscana si chiama “carabaccia”, appunto, e della quale si ha notizia già al tempo degli etruschi.

img_0937

E’ una semplicissima zuppa di cipolle che si prepara molto velocemente, è ottima, gustosa e, fatto da non trascurare, molto importante per la salute in quanto depura sangue e reni !

CARABACCIA

  • 1 kg di cipolle rosse di Certaldo (vanno benissimo anche le Tropea)
  • 4 fette di pane casalingo abbrustolite ( o meglio “crogiato”come si dice in Toscana n.d.r.)
  • 1 L di brodo di pollo
  • 2 foglie di alloro
  • parmigiano grattugiato
  • sale pepe
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • olio evo

ESECUZIONE

Pulite e tagliate le cipolle  a fettine sottilissime

IMG_5076

Mettetele in una pentola di terracotta (preferibilmente!) con un giro di olio evo e le foglie di alloro

IMG_5078

Fate ben insaporire ed aggiungete 1 cucchiaino di zucchero, sale e pepe e sfumate con l’aceto. Cuocete molto lentamente a pentola coperta aggiungendo 2o3 cucchiai d’acqua, per circa mezz’ora.

IMG_5079

Portate a bollore il brodo di pollo ( io l’ho preparato con il dado di pollo che ho fatto con il bimby)

IMG_5080

Controllate il sale ed unite il brodo bollente; fate sobbollire a pentola scoperta per un’altra mezz’ora .

IMG_5083

Servite in scodelle di terracotta mono porzione nella quali metterete sul fondo una fetta di pane abbrustolito, sopra verserete la carabaccia ed abbondante parmigiano grattugiato.

Aspettate qualche minuto e servite!

Buon Appetito

img_2795

 

 

I pomodorini del Vesuvio

IMG_4075I pomodorini del piennolo del Vesuvio D.O.P sono una specialità tutta partenopea che i  miei  figli, con grande generosità considerato il prezzo,  mi hanno regalato per il compleanno

IMG_5138

Durante la bellissima settimana trascorsa sulla Costiera, abbiamo avuto modo di gustare queste prelibatezze apprezzandole molto… naturalmente!

IMG_4112

A Capri abbiamo provato una indimenticabile pizza con questi pomodorini che difficilmente dimenticheremo !!!

IMG_4117

Sempre a Capri abbiamo mangiato degli spaghetti al cartoccio ed anche loro hanno lasciato il segno

IMG_4135

Ma è a Napoli che  gli scialatielli do Vesuvio, piatto di una semplicità disarmante ma di una bontà mondiale, abbiamo avuto la folgorazione !

IMG_4151

Premesso che non ho trovato a Siena gli scialatielli, ho preparato questo piatto con i fusilli freschi…..grazie ai pomodorini il risultato finale è stato davvero super !!!

IMG_4096

grazie Chicca….grazie Franci….regalo più che gradito!!!!

SCHIALATIELLI DEL VESUVIO

  • 400 gr di scialatielli freschi (oppure qualsiasi pasta fresca acqua e farina)
  • 20 pomodorini del Vesuvio
  • olio evo (possibilmente meridionale)
  • 3 spicchi d’aglio
  • sale
  • peperoncino (facoltativo)
  • basilico
  • provola dura grattugiata

ESECUZIONE

Per prima cosa tagliate i pomodorini in 4 e conditeli con olio, sale, aglio tagliato a filetti, se volete un po’ di peperoncino e qualche fogliolina di basilico. Lasciate macerare per almeno un’ora

IMG_5141

Fate scaldare l’acqua e, appena avrà raggiunto il bollore, buttate la pasta

IMG_5144

Fate scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino

IMG_5140

Appena inizierà a scaldarsi unite i pomodorini

IMG_5142

fate soffriggerete pochissimi minuti

IMG_5143

Salate, senza esagerazione, e, appena la pasta sarà in superficie, passatela in padella

IMG_5145

Condite molto bene

IMG_5146

e cospargete con abbondante provola stagionata, naturalmente a fuoco spento.

IMG_5147

Mischiate bene e non fate come me che sono stata troppo precipitosa, ma ricordate di aggiungere foglioline di basilico sminuzzate.

Buon Appetito!

 

Piccoli cuochi crescono

IMG_3661

Da oggi abbiamo anche noi l’esperta di pesto al mortaio…e con tanto di diploma!

IMG_3643

Nell’ambito di una bellissima manifestazione del presidio slow food svoltasi a Pietra Ligure, è stato  organizzato, a scopo promozionale per la cucina ligure di tradizione, un laboratorio per bambini, per insegnare loro la perfetta ed antica tecnica della preparazione del pesto con il mortaio

IMG_3646

Per prima cosa hanno spiegato bene la successione degli ingredienti : innanzitutto aglio e pinoli da lavorare abbondantemente con il pestello sino ad ottenerne una crema

IMG_3649

Quindi inserire le tenerissime foglioline del basilico di Pra spezzate manualmente, con delicatezza ad una ad una e qualche grano di sale grosso marino; lavorare energicamente con il pestello aiutandosi con un filo d’olio extra vergine d’oliva ligure con un particolare lavoro di polso

IMG_3651

ottenuta la preziosa salsa  che è appunto il pesto, aggiungere ancora una manciata di parmigiano ed una di pecorino più un altro po’ d’olio e mischiare molto bene il tutto.

IMG_3648

Il premio per aver ottenuto la preziosa pozione verde smeraldo profumatissima, è stato quello di poter mangiare la stesso spalmata su una fragrante fetta di pane casalingo cotto   a legna guardando con soddisfazione,  l’invidia negli occhi di genitori e nonni.

IMG_3655

La ricetta di oggi non ha nulla a che fare con il pesto, ma è comunque buona ed adattissima a questa stagione un pochino più fresca…finalmente!

PENNE DI FARINA DI CECI CON POMODORINI E RICOTTA SALATA

  • 300 gr di penne alla farina di ceci
  • 1 cucchiaiata di pinoli
  • 500 gr di pomodorini piccadylli
  • 1 scalogno
  • olio evo
  • maggiorana
  • ricotta salata
  • sale pepe nero

ESECUZIONE

Mettete a bollire l’acqua per la pasta e nel frattempo preparate il sugo

IMG_4764

In una padella dove potrete saltare la pasta, fate soffriggere leggermente  in olio evo, lo scalogno tritato con i pinoli, i pomodorini tagliati a cubetti e le foglioline di maggiorana

IMG_4761

Quando l’acqua bollirà, gettate la pasta e fatela cuocere per il tempo indicato sulla confezione

IMG_4766

Appena il sugo  sarà pronto ( basterà che i pomodori si appassiscano un po’)

IMG_4765

scolate la pasta direttamente nella padella

IMG_4767

date un’abbondante spolverata di pepe nero appena macinato e fate saltare molto bene

IMG_4768

Mettete abbondante ricotta salata grattugiata ed ancora qualche fogliolina di maggiorana

IMG_4769

Condite bene e servite immediatamente

IMG_4770

Buon appetito

 

E raviöre

IMG_3359

Non c’e’ esagerazione nel dire che ogni città o borgo d’Italia ha la sua ricetta per preparare i ravioli

image

Nel mio libro “In cucina da nonna Titti” ho pubblicato quella dei ravioli che mia nonna preparava nei giorni di festa, ma anche quella dei famosi pansotti liguri , che sono stati una portata assai gradita al pranzo delle nostre nozze, per finire con quella dei ravioli (o pansotti) di Albenga naturalmente a base di carciofi che sono un vanto per la mia amata città

IMG_4257

Proprio  ai carciofi  sono le “raviöre”, per dirla alla ligure, che ho preparato con un intingolo un po’ diverso dal solito ma che si è rivelato perfettamente azzeccato .

RAVIOLI AI CARCIOFI CON GORGONZOLA E NOCI

  • 500 gr di ravioli ai carciofi
  • 50 gr di ottimo burro
  • 30 gr di noci sgusciate
  • 1 rametto di salvia
  • 80 gr di gorgonzola dolce
  • ricotta al forno grattugiata
  • sale pepe

ESECUZIONE

Mettete a cuocere i ravioli in abbondante acqua salata; nel frattempo fate leggermente tostare in una capiente padella dove potrete saltare i ravioli, il burro con le noci e la salvia

IMG_4554

quando il burro sarà spumeggiante, scolate nella padella  i ravioli che nel frattempo saranno cotti, ed aggiungete il gorgonzola lavorato in precedenza con metà ricotta al forno, un pizzico di sale e di pepe

IMG_4555

Amalgamate molto bene aiutandovi se necessario, con un po’ d’acqua di cottura

IMG_4556

aggiungete la rimanente ricotta, una decisa spolverata di pepe ( a vostra discrezione) e servite immediatamente.

IMG_4557

Buon Appetito

Troppo caldo !

IMG_3659

Si, davvero troppo caldo, mi da già una noia tremenda ora che siamo solo a giugno, figuriamoci in seguito !image

Mi consolo riguardando le foto che mi ritraggono in posti da sogno, nella speranza di riprovare quanto prima quello stato di grazia

DSC_0443

Basta sognare, torniamo sulla terra e cerchiamo di organizzare un pranzo piacevole senza dover stare troppo ai fornelli

image

Chef juventino all’opera

Ovviamente cucinando nella cucina del giardino!

FUSILLI FRESCHI A “QUEL CHE C’E’ C’E’

  • 250 gr di polpa di pomodori freschi passati
  • 100 gr di gorgonzola e mascarpone
  • 6 noci
  • erbe aromatiche fresche a piacere ( prezzemolo e basilico)
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Preparate l’acqua per la pasta e, appena raggiungerà il bollore, salatela adeguatamente e cuocete la pasta per il tempo indicato dalla confezione

IMG_4465

Nel frattempo soffriggete gli spicchi d’aglio nell’olio evo e, appena saranno rosolati, li toglierete dalla padella ed unirete la salsa di pomodoro, facendola restringere.Salate e pepate

IMG_4466

Aggiungete il gorgonzola e girate la salsa sino a quando il formaggio sarà completamente fuso. Quando la pasta avrà raggiunto il tempo di cottura, passatela in padella e saltatela con la salsa

IMG_4467

Sgusciate le noci e spezzettatele grossolanamente, tritate le erbe aromatiche e mettetele in ogni singolo piatto per decorazione finale

IMG_4468

Questa è un’ottima combinazione, ma è soprattutto ciò che ho trovato disponibile in frigo…d’altronde lo dice il titolo, fusilli a quel che c’è c’è, date spazio alla vostra fantasia e, consiglio accorato, state poco ai fornelli !

Buon Appetito

risi e bisi della nonna

IMG_3154

I nonni dovrebbero essere dichiarati patrimonio  dell’umanità !

Sono preziosi aiuti per i giovani genitori e amorevoli baby sitter per i nipoti che si affacciano alla vita

IMG_3149

Per non parlare dei prelibati manicaretti che solo le nonne sanno preparare per i nipoti un po’ inappetenti. Uno di questi piatti di sicuro successo è il “riso e bisi”, risotto tipico del Veneto, ma gradito da tutti da nord a sud.

IMG_4417

Più che un risotto, si tratta di una minestra di riso che, come succede per ogni piatto della tradizione contadina, cambia da famiglia a famiglia.

La ricetta che propongo oggi mi è stata data proprio da una  nonna,  Rosina, nonna di una mia carissima amica, che proveniva dalla provincia padovana e sosteneva che la sua ricetta era l’originale ed unica, apprezzata addirittura dal Santo…Antonio naturalmente !

RISI E BISI DI ROSINA

  • 300 di riso Vialone nano
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • 1 cipolla ramata
  • 1 kg di pisellini freschi
  • 50 gr di burro
  • 1 scalogno
  • 1\2 bicchiere di vino bianco Franciacorta
  • 80 gr di parmigiano reggiano
  • sale pepe

ESECUZIONE

Con le carote, il sedano, la cipolla e le bucce dei piselli ben lavate, preparate un brodo vegetale

IMG_4410

In una casseruola, soffriggete con il burro lo scalogna tritato e fate tostare il riso

IMG_4413

bagnate con il vino bianco e fate ben evaporare l’alcool

IMG_4412

preparate i pisellini sgranati

IMG_4411

ed uniteli al risoIMG_4414

fate ben insaporire e coprite con il brodo preparato dopo averlo filtrato

IMG_4415

Vi dò un piccolo suggerimento per utilizzare le verdure del brodo: potete passare con il passatutto le verdure del brodo e, aggiungendo 2 patate per dare consistenza, otterrete una gradevole e delicata vellutata da servire con crostini di pane imburrati e tostati !

Quando il riso sarà cotto ma sempre abbastanza brodoso, unire una piccola noce di burro ed il parmigiano e fate mantecare IMG_4416

Fate riposare a tegame coperto per qualche minuto e servite con una generosa spolverata di pepe.

IMG_4417

Buon Appetito

 

 

 

 

La pasta di primavera

IMG_4402

Anche se a dar retta alle temperature di questi giorni parrebbe più estate che primavera, il mese di maggio è proprio il periodo in cui la primavera ci dona i suoi frutti migliori

IMG_3074

I giardini sono splendidamente variopinti da un tripudio di fiori

IMG_4325

e gli orti sono ricchi di prodotti prelibati; tra questi una verdura che si trova davvero per poco tempo sulle nostre tavole, sono le fave, ottime se mangiate crude, quando sono giovani e fresche, insieme a formaggio pecorino o salame, oppure cotte ed utilizzate per preparare gustosi intingoli con pasta di ogni tipo

IMG_4403

Oggi vi voglio suggerire un modo per preparare un condimento veloce e gustosissimo a base proprio di fave

PICI CON FAVE E CIPOLLOTTI FRESCHI

  • 400 gr di pici freschi
  • 200 gr di fave sbucciate
  • 3 cipollotti freschi
  • 2 salsicce toscane
  • maggiorana fresca
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • 250 gr di panna da cucina
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Mettete sul fuoco una casseruola con l’acqua e non appena si formeranno le bollicine in superficie versatevi le fave sgranate e sbollentatele per 3 o 4 minuti

IMG_4380

quindi scolatele e tenetele da parte

IMG_4384

Private della pelle la salsiccia e mettetela in una padella dove potrete saltare i pici

IMG_4382

sgranatela con la forchetta e senza aggiungere condimento, fatela leggermente tostare

IMG_4383

Mondate e tritate finemente i cipollotti ed uniteli alla salsiccia facendo ben rosolare aiutandovi con un po’ d’olio evo

IMG_4385

sfumate con il vino bianco e cuocete sino a completo assorbimento

IMG_4386

A questo punto unite le fave ( se lo ritenete opportuno, dopo averle sbucciate)

IMG_4393

fate insaporire ed aggiungete la panna, salate e pepate

IMG_4394

Fate prendere il bollore e spegnete il fuoco

IMG_4395

Avrete nel frattempo messo l’acqua a scaldare e, raggiunto il bollore, salatela e versatevi i pici freschi

IMG_4396

Controllate la cottura , solitamente quelli freschi fatti in casa, sono pronti dopo pochi minuti da quando salgono in superficie

IMG_4397

A questo punto scolateli e metteteli nella padella

IMG_4398

Condite molto bene e se vedete che la pasta asciuga troppo, aggiungete un po’ di acqua di cottura

IMG_4399

Cospargete di pecorino

IMG_4400

aggiungete delle foglioline di maggiorana fresca , mescolate bene ed impiattate rifinendo con altro formaggio

IMG_4403

servite ben caldo e…

Buon Appetito