“Hotel Villa Enrico” Soggiorno per famiglie a Loano Riviera delle Palme Italia

  • questo e’ lo slogan con il quale mio padre,nei lontani anni ’60, pubblicizzava sulla stampa , l’apertura del suo nuovo albergo.

prima della Villa Enrico aveva lavorato negli alberghi di famiglia a Diano Marina e ad Albenga e finalmente era riuscito ad avere un’ impresa tutta sua

ne andava orgogliosissimo e trascorreva ,insieme a mia madre,intere nottate per inventare nuovi piatti che potessero stuzzicare la curiosità e l’appetito dei clienti.

proprio a queste meravigliose ricette oggi,voglio attingere.

la prima sarà il risotto primavera  la seconda il branzino di Enrico

Ho apportato alcune modifiche al risotto,mio padre lo serviva decorando il piatto con fiori di zucca fritti in tempura; risultava molto coreografico oltre che squisito .io ,però,non avendo i fiori,ho utilizzato del rigatino tostato. Sono buone ambedue le versioni certamente però ,se si vuole rispettare la tradizione,bisogna utilizzare i fiori.

La ricetta del branzino e’ assolutamente quella originale,la particolarità sta nell’ uso di salvia e rosmarino anziché il solito prezzemolo

RISOTTO PRIMAVERA

  • 400 gr di riso
  • 1cipolla di Tropea fresca
  • 1mazzo di asparagi
  • 15 fiori di zucca
  • 1/2kg di piselli freschi ( oppure 2manciate di quelli surgelati)
  • 1 l di brodo vegetale( aggiungendo alle solite verdure da brodo,le bucce dei piselli e la parte legnosa degli asparagi)
  • 1bustina di zafferano
  • 50 gr di burro
  • una spruzzata di vino bianco
  • 100 gr di parmigiano
  • sale pepe
  • 50 gr di pancetta a dadini ( facoltativo )

Mettere in pentola meta ‘ del burro con la cipolla tritata,insaporire ed aggiungere i piselli e gli asparagi  tagliati a rondelle

aggiungere il riso e far tostare tutto insieme

sfumare con il vino e,quando l’alcool sarà ben evaporato,proseguire la cottura con il brodo ( ci vorranno circa 18 minuti) dove sarà stato sciolto lo zafferano.

a cottura quasi ultimata,mantecare con il restante burro ed il parmigiano,una macinata di pepe , mettendo il coperchio alla pentola dopo aver spento il fuoco

servire dopo 5 minuti( il risotto deve risultare all’onda )decorando con 2 fiori di zucca fritti a persona oppure con la pancetta tostata.

Ricordatevi di preparare il brodo mettendolo al fuoco almeno 1/2ora prima di iniziare il risotto

image

BRANZINO alla ENRICO

  • Branzino di circa 1 kg
  • salvia e rosmarino
  • 1/2bicchiere d’olio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 50 gr di olive taggiasche
  • 30 gr di pinoli
  • sale e pepe
  • brodo di pesce

 

PREPARAZIONE

in una teglia mettere a scaldare l’olio con i pinoli senza farli troppo tostare

mettervi il branzino dopo averlo salato,pepato e farcito con salvia e rosmarino

fate rosolare il pesce spruzzandolo con vino bianco

quindi ponetelo in forno a 200* per circa 45 minuti,dopo aver

aggiunto le olive ed il brodo di pesce

se asciugasse troppo unire ancora brodo

P.S. E’ buona norma preparare con gli scarti del pesce ,un brodo e conservarlo in congelatore che servirà per tutte le preparazioni future.

buon appetito a tutti..

image