Sicilia nel piatto

image

La Sicilia, a mio avviso, è una terra meravigliosa! I suoi colori, i suoi sapori sono inni alla gioia. Nel periodo estivo la cucina ricchissima di verdure di stagione è un tripudio di rossi e gialli brillanti che già alla sola vista, ti riconcilia con il mondo. Nel periodo invernale, il verde intenso del broccolo siciliano, induce alla calma ed alla riflessione.

Da un po’ di tempo mi diletto a ricercare, attraverso gli abbinamenti cromatici, il piatto ideale per la serenità dello spirito, d’altronde sono una sostenitrice del fatto che in cucina ci si cura il fisico e l’anima! Tutte queste disquisizioni pseudo filosofiche servono semplicemente ad introdurre il piatto di oggi : le bavette siciliane a modo mio. E’ un piatto unico velocissimo adatto, con piccolissime modifiche, a vegani e carnivori, insomma un piatto conciliante.

BAVETTE SICILIANE A MODO MIO

  • 200 gr di pasta tipo bavette
  • 1 broccolo siciliano di media grandezza
  • 5 pomodori secchi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 filetti d’acciughe
  • 50 gr di pinoli ( o pistacchi di Bronte )
  • 1/2 peperoncino
  • prezzemolo tritato
  • cacio ricotta
  • olio evo

ESECUZIONE

Pulite e mondate il cavolo, tagliatelo a cimette. Mettete l’acqua della pasta con le cimette di broccolo.

image

Tagliate a julienne i pomodori secchi e mettete anch’essi nell’acqua della pasta, incoperchiate e quando inizierà a bollire salate e fate cuocere per circa 5 minuti.

image

A parte mettete in una padella un giro d’olio evo,lo spicchio d’aglio, i pinoli ed il peperoncino.

image

Appena saranno leggermente tostati, levate dal fuoco e aiutandovi con una forchetta, cercate di sbriciolare i filetti d’acciuga.

image

Trascorsi i cinque minuti di cottura del cavolo, gettate la pasta. A 2-3 minuti dalla fine della cottura, scolate cavoli e bavette e continuate a cuocere in padella facendo in modo che tutti i sapori si amalgamino perfettamente.

image

Servite con cacio ricotta tritato, prezzemolo sempre tritato ed un giro d’olio a crudo.

image

È un piatto sicuramente corposo per questo lo consiglio come piatto unico, però, usando quasi esclusivamente i grassi a crudo, non è assolutamente pesante. Si può usare sicuramente pasta integrale per avere un piatto più rustico e à la page. I pinoli sono sostituibili con i pistacchi di Bronte, il piatto diventa più regionale. Se i vegani hanno voglia di provarlo, possono tranquillamente evitare  il cacio ricotta e l’acciuga, il piatto resta comunque ricco di sapori. Il prezzemolo è più che altro coreografico, ma serve a favorire la tranquillità che trasmette il colore verde!

Insomma amici, provate questo piatto ricco di colore, di serenità e, come sempre , di passione!!!!!!

Buon appetito

P.S. Stendo un velo pietoso sulla serata di ieri dicendo solo una cosa : Baglioni, indisposto, non si è presentato! Non c’è problema, semplicemente tutto rimandato a giovedì.