LE POLPETTE DI NONNA………

………sono il piatto del cuore

image

Ognuno di noi, sono certa, ha nell’animo il gusto delle polpette che preparava la nonna ed ogni volta che le rifacciamo riaffiora in noi quel meraviglioso sentore di armonia e gioia di spirito

img_2360

Questa citazione molto fogazzariana, mi serve semplicemente per dire che ogni famiglia ha la sua ricetta segreta per le polpette che, ogni qualvolta viene preparata, porta la festa in famiglia

image

Oggi ho preparato le polpette della mia nonna Quanita con l’aggiunta di ciò che mi “suggeriva”il frigo, presentandole però in un modo originale e coreografico che le ha rese più stuzzicanti

img_2645

POLPETTE ALLE OLIVE CON PEPERONI

per le polpette :

  • 200 gr di carne di manzo tritata
  • 200 gr di carne mista ( pollo, maiale, vitello o ciò che avete disponibile9
  • 6 fette di mortadella (circa 50 gr)
  • 6 fette di prosciutto crudo (circa 50 gr)
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • prezzemolo tritato
  • maggiorana tritata
  • un pizzico di noce moscata
  • 1 uovo
  • sale pepe

per la cottura delle polpette:

  • 4 peperoni rossi e gialli
  • 1 scalogno
  • olive verdi e nere piccanti
  • capperi sotto sale
  • 400 gr di salsa di pomodoro
  • olio evo
  • sale pepe
  • 1 pagnotta di pane pugliese

ESECUZIONE

Passate al tritacarne tutti gli ingredienti delle polpette, amalgamateli con l’uovo, formate le polpettine image, passatele nel pane grattugiato

image e friggetele in abbondante olio di semi di girasole

img_2638

Appena saranno pronte, dedicatevi alla preparazione della salsa

img_2639

In una casseruola con un filo d’olio evo, fate stufare lo scalogno

img_2640

dopo averli ben lavati e mondati, tagliate a julienne e peperoni e fateli insaporire

img_2641

Unite ora la salsa di pomodoro e fate un po’ restringere il condimento; quindi lavate i capperi dal sale, metteteli in pentola con le olive  e continuate la cottura della salsa (ci vorranno circa 20 minuti)

img_2642A metà cottura aggiungete le polpette e fate insaporire tutto insieme

img_2643

Utilizzate i 10 minuti di cottura finale delle polpette per scaldare la pagnotta alla quale avrete tolto la mollica

Quando tutto sarà pronto, mettete le polpette nel pane bello croccante e servite……..si mangeranno anche il piatto, questa volta veramente!

Buon Appetito

A pranzo con Silva

image

Oggi vi propongo la mia versione di una ricetta che mi ha molto colpito il “Pasticcio di pollo” della mia amica virtuale Silva Avanzi Rigobello.

Il  bellissimo blog che porta il suo nome è spesso per me fonte di ispirazione, oggi appunto con questa mia versione casalinga e fantasiosa del ” Beef Pot Pie”americano voglio farle omaggio per essere così preziosa con le sue ricette ed i suoi consigli sempre interessanti e di facile esecuzione, GRAZIE SILVA!

BEEF POT PIE ALLA MIA MANIERA

  • carne di manzo avanzata da precedenti preparazioni in quantità variabile
  • 2 salsicce toscane
  • 1/2 kg di pisellini surgelati
  • 1 grossa cipolla
  •  1/2 L di besciamella
  • salvia
  • parmigiano grattugiato
  • 1 rotolo di pasta brisè
  • olio evo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale pepe

ESECUZIONE

Pulite e tagliate grossolanamenle la cipolla e mettetela a stufare con 2 cucchiai d’olio.

image

Fatela cuocere per circa 20 minuti a fuoco basso con il vino bianco.

image

Quando la cipolla sarà pronta, unite abbondante salvia tagliata con le forbici e la salsiccia spellata e sgranata.

image

Insaporite il tutto facendo anche tostare un po’ la salsiccia.

image

Unite i piselli e la carne tagliata a dadini; se serve aggiungete un mestolino di brodo e portate a completa cottura.

image

Nel frattempo preparate la besciamella (va benissimo anche quella comprate pronta)

image

Ed unitela con il parmigiano allo spezzatino,fate insaporite ed aggiustate di sale e pepe.

image

Mettete tutto in una teglia o pirofila da forno rivestita con carta forno.

image

Ricoprite con il disco di pasta brisè, sigillate il bordo con un cordone di pasta.

image

Ed infornate per circa 30 minuti a forno ventilato a 180*.

image

Eccellente piatto di gran figura per una cena dove sicuramente stupirà gli ospiti. Non fatevi intimidire dall’austerità del piatto, è semplicissimo anche se non sembrerebbe, e poi, cosa da non sottovalutare, l’ ho preparato, compresa la cottura, in un’ora. Vale la pena provare, no?

Buon Appetito!

Variazione sul tema: olive all’ascolana

image

Ne sono golosissima, le olive all’ ascolana mi piacciono davvero tanto. Non sono però così semplici da preparare allora a mali estremi estremi rimedi: ho seguito la favolosa ricetta della mitica Luisanna Messeri che, come sua abitudine, ha realizzato delle super buone e super veloci polpettine alle olive che hanno in assoluto lo stesso gustoso sapore delle più blasonate olive ascolane, il tutto semplicemente mischiando gli ingredienti.

Durante “l’operazione ruspa” nella dispensa (ho usato un termine molto in voga che rende perfettamente l’idea di ciò che voglio dire) ho trovato un barattolo di olive verdi in salamoia che ho preparato l’ autunno scorso con le olive del mio albero e in pochissimo tempo il piatto si è composto per la gioia del palato.

POLPETTINE ALLE OLIVE DI LUISANNA

  • 400 gr di olive verdi denocciolate
  • 200 gr di macinato di manzo
  • 150 gr di mortadella
  • 150 gr di macinato di maiale
  • 50 gr di mollica di pane raffermo
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • 2 uova
  • 100 gr di parmigiano grattugiato
  • sale pepe
  • un pizzico di noce moscata
  • pane grattugiato
  • olio di arachidi per friggere

ESECUZIONE

Scolate le olive dalla salamoia, lavatele sotto l’acqua corrente, denocciolatele e tagliatele grossolanamente.

image

Mettete la mollica del pane ad ammorbidire in un bicchiere di latte. In una capiente terrina mettete tutti i tipi di carne macinata, la mortadella anch’essa macinata, il formaggio grattugiato, le olive, l’aglio schiacciato,il prezzemolo tritato, condite con sale, pepe e noce moscata, amalgamate bene, unite il pane strizzato dal latte e le uova e mischiate sino ad ottenere un composto perfettamente omogeneo.

image

Formate con l’impasto delle polpettine della grandezza di una noce.

image

Passatele nel pane grattugiato e friggetele in olio d’arachide caldo un po’ per volta.

image

Le ho servite con pisellini di stagione stufati con un cipollotto tritato, olio d’oliva e una noce di burro, uno spruzzo di vino bianco, 1/2 bicchiere di brodo vegetale, un cucchiaino di zucchero ed ho aggiustato con sale e pepe. Una delizia!

Non ho utilizzato tutte le olive del barattolo per le polpette, quelle avanzate, dopo averle denocciolate, le ho condite con olio evo, peperoncino, aglio schiacciato e origano. Eccellenti come stuzzichino con l’aperitivo. Provate le polpette sprint, sono certa che dopo averle assaggiate, mi vorrete più bene.

image

 

Buon Appetito!

Il piatto della fattoressa

image

Oggi vi porto con me nel mio cassetto dei ricordi dove ho scovato una foto ingiallita risalente agli anni ’70. Si tratta di un’ immagine raffigurante la fattoria della mia adorata Esterina, una signora quasi novantenne che mi aveva adottato appena giunta a Siena. Mi ha davvero insegnato molte cose e molte ricette. Tra le tante sicuramente la ricetta della sua succulenta braciola della fattoressa cioè mia è una delle mie preferite.

Si, lo so, è una ricetta troppo calorica, ma per una volta, visto che domani è prevista neve, coccoliamoci ancora un pochino, la prova costume può attendere!

IL PIATTO DI ESTERINA

  • 500 gr di fettine di scamone tagliate fini
  • 2 uova
  • 1 limone non trattato
  • pane grattugiato q.b.
  • 20 gr di parmigiano grattugiato
  • farina
  • 1 kg di patate
  • olio per friggere
  • 1 scalogno
  • 1 rametto di rosmarino
  • 250 gr di pomodori pelati
  • olio d’oliva

ESECUZIONE

Infarinate le fettine e mettetele nell’uovo battuto con sale, pepe ,un po’ di succo e di buccia grattugiata del limone, lasciandole in fusione nell’uovo in frigo coperte per 1 ora.

image

Trascorso questo tempo mischiate il parmigiano con il pangrattato ed impanate con questo composto le fettine.

image

Friggetele in abbondante olio di semi.

image

Mettetele da parte dopo averle cosparse di altro parmigiano grattugiato.

image

Lavate le patate, sbucciatele, tagliatele a tocchi e friggetele in olio di semi.

image

Tritate lo scalogno con gli aghi di rosmarino e fatelo appassire con un po’ di olio evo e se lo gradite, anche un po’ di peperoncino.

image

Quando il trito inizierà ad appassire, aggiungete i pomodori pelati, salate e fate restringere un po’ la salsa.

image

A questo punto unite le fettine e le patate e fate insaporire.

image

Potete alleggerire moltissimo il piatto non friggendo né la carne che potrete cuocere al forno, né le patate che si potranno lessare. Ma tutto sarebbe, fuorché il piatto di Esterina!!!

Dimenticavo di dirvi di armarvi abbondantemente di ottimo pane, magari toscano, vi servirà.

Buon Appetito!