Risotto alle zucchine: piatto unico estivo

Si sa, in estate l’appetito va via ( non proprio a tutti, a me per esempio…) un modo per non indebolirci troppo e’ rifugiarsi in cibi leggeri e comunque nutrienti appetitosi e di facile digeribilità

Noi preferiamo optare per piatti unici che contengano tutti gli elementi necessari ad una alimentazione sana ed equilibrata!

Avendo a disposizione questa meravigliosa verdura, ho preparato ad un risotto senza ‘ grassi e senza soffritto l’unica concessione e stata la mantecatura fatta con un po’ di stracchino che ha dato ‘ di brio al piatto !

Il risultato e’ stato comunque assai gustoso e per nulla pesante😋

Risotto alle trombette con stracchino

  • 250 gr di riso carnaroli
  • 4 trombette di Albenga ( o 6 zucchine chiare)
  • 1cipolla di Tropea
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1L di brodo vegetale
  • 50 gr di stracchino
  • 50 gr di gorgonzola ( facoltativo)
  • Parmigiano grattugiato
  • Abbondante maggiorana
  • Esecuzione

  • Tritate la cipolla di Tropea e mettetela a stufare con il vino bianco per circa 10 minuti a fuoco molto basso; unite le zucchine tagliate a rondelle e il riso e fate insaporire tutto insieme
  • Aggiungete il brodo e portate a cottura il risotto; spegnete il fuoco aggiungete le foglioline di maggiorana fresca
  • mantecate con i formaggi; quando il formaggio sarà ben fuso, servite e, se vi piace, aggiungete anche qualche gheriglio di noce tritato grossolanamente. Una bella grattugiata di parmigiano e … il pranzo e’ servito !!!

    Se, data la leggerezza del piatto, non vi sentite appagati prosciutto e melone sono un giusto finale !

    Buon appetito

    Annunci

    Farmacia naturale il cavolo:zuppa di cavolo e fagioli

    image

    Che io abbia una compulsione maniacale per l’acquisto dei libri di cucina, è cosa nota.

    image

    Tra libri e quaderni scritti a mano da nonne e bisnonne, ho un quantitativo tale di ricette da far impallidire una fornita libreria

    image

    Naturalmente questi libri li leggo tutti e cerco di imparare, oltre che le ricette, anche le qualità degli ingredienti

    image

    E’ così che ho scoperto le favolose proprietà del cavolo. Sono tra le verdure più salutari e nutrienti del mondo, contengono vitamine, minerali e molecole con azioni antitumorali per non parlare delle fibre , e la loro importanza per la protezione del cuore e del sistema cardio circolatorio.

    img_2089

    Allora con questi eccellenti presupposti ogni settimana, nel periodo invernale naturalmente, cucino i cavoli nei vari tipi che trovo al mercato

    image

    Oggi ho pensato ad una zuppa tipicamente invernale dove, oltre ai cavoli, ho messo i fagioli; così è nata la mia “polifonia di cavoli e fagioli”.

    POLIFONIA DI CAVOLI E FAGIOLI

    • 400 gr di cavoli misti: broccoli, cavolfiore, cavolo verza, cavolo nero, cavolo viola
    • fagioli cannellini
    • 1 cipolla
    • 1 patata
    • 1 scalogno
    • salvia
    • 250 gr di pomodori pelati
    • sale, pepe
    • olio evo

    ESECUZIONE

    Per prima cosa lessate i fagioli dopo averli lasciati in acqua per una notte, con sedano, aglio, cipolla, aglio e salvia, senza salarli.

    img_5686

    Pulite e lavate i cavoli, quindi tagliateli sottilmente

    e6725017-d052-48c4-be14-52492039accc

    Mettete nel bicchiere del Bimby i cavoli, la patata e la cipolla, aggiungete il brodo di fagioli e cuocete per 30 minuti a vel 3 (potete fare la stessa operazione in una normale pentola aumentando il tempo di cottura)

    28472d47-21d8-49d2-b5eb-ada6e07ad84c

    Nel frattempo tritate lo scalogno e la salvia, mettetelo in pentola con olio evo e, appena inizierà ad appassire

    img_5687

    aggiungete i pelati

    img_5688

    Fate ben restringere il pomodoro

    img_5689

    Aggiungete parte del fagioli

    img_5690

    Aggiustate di sale e pepe e fate insaporire bene i fagioli nella salsa; Passate i cavoli con il Bimby a modalità turbo per 20 secondi ( se avete usato la pentola tradizionale passate con il passaverdura) ed unite la crema ai fagioli

    img_5691

    Aggiungete ancora fagioli, aggiustate di sale e fate sobbollire per alcuni minuti affinché i sapori si amalgamino perfettamente

    img_5692

    Trascorso questo tempo, spegnete il fuoco mettete il coperchio e fate un po’ riposare prima di servire

    img_5693

    Servite in cocotte mono pozioni con crostini di pane

    img_5695

    Se volete fare una cosa speciale, preparate dei cavatelli molto piccoli e fateli cuocere nella zuppa…una bontà!

    IMG_5106

    Buon Appetito

     

     

    Fegato alla veneziana…per cambiare

    IMG_4323

    Devo essere sincera, il fegato non è proprio il mio piatto preferito; in questo periodo che non godo di perfetta salute, mi è stato consigliato di mangiare carni rosse o, meglio ancora, fegato ed affini

    IMG_4325

    Allora, oltre ai crostini neri alla toscana, ho pensato di preparare il fegato alla veneziana come me lo preparava la nonna quando ero bambina, i ricordi coccolosi sono sempre terapeutici !

    IMG_4608

    FEGATO ALLA VENEZIANA

    • 300 gr di fegato di vitello
    • 3 cipolle bianche
    • 2 foglie di alloro
    • farina
    • 30 gr di burro
    • olio evo
    • 1 bicchierino di marsala secco
    • una spruzzata di aceto bianco
    • sale, pepe

    ESECUZIONE

    Per prima cosa tagliate le cipolle a fettine sottili e mettetele a stufare con il burro e l’olio e le foglie d’alloro

    IMG_5652

    Fate ben stufare per circa 15 minuti a fuoco bassissimo , salate e pepate leggermente

    IMG_5653

    Tagliate a striscioline il fegato che deve essere tenerissimo ( per questo motivo è meglio usare quello di vitello) infarinatelo salatelo e pepatelo

    IMG_5654

    Setacciatelo bene dalla farina in eccesso; io ho aggiunto 1 cucchiaio di curcuma alla farina che non ha cambiato il gusto ma ha aggiunto le sue proprietà terapeutiche

    IMG_5655

    In una padella a parte scaldate un filo d’olio con una foglia d’alloro

    IMG_5656

    Fate cuocere a fuoco brillante per pochissimi minuti il fegato

    IMG_5657

    Appena avrà preso colore sfumatelo con il marsala secco

    IMG_5658

    fate sfumare bene l’alcool

    IMG_5659

    Aggiungete alle cipolle

    IMG_5660

    Spruzzate con l’aceto e lasciate ancora sul fuoco per meno di 1 minuto

    IMG_5661

    Servite immediatamente con un soffice purè

    IMG_5666

    Buon Appetito

    BURIDDA

    img_2795

    La buridda è una delle ricetta del mio libro ( In cucina con nonna Titti ) che più ho nel cuore

    IMG_3438

    Mi ricorda le mie nonne, la mia Albenga (…e si in questo periodo “festivaiolo”, dovete prendermi così, non riesco a tenere a bada il mio lato nostalgicamente romantico) quando, al rientro da scuola sentivo l’inconfondibile profumo dei succulenti piatti che loro preparavano

    image

    Ad essere sinceri, la buridda, quando ero bambina, non era il mio piatto preferito, perché non gradivo molto lo stoccafisso, in compenso però, ero ghiotta delle patate cotte con lo stoccafisso ecco perché mi è rimasto così nel cuore.

    IMG_3440Oggi vi propongo la ricetta della nonna Quanita , la nonna che viveva con noi, ma vi indicherò anche i segreti di nonna Francesca che, tra le due, era cuoca sopraffina.

    IMG_3078

    BURIDDA DI NONNA QUANITA

    • 500 gr di stoccafisso bagnato (o baccalà dissalato)
    • 5 patate
    • 1 cipolla
    • 2 spicchi d’aglio
    • 4 filetti di acciughe
    • un ciuffo di prezzemolo
    • 40 gr di pinoli
    • 1\2 bicchiere di olio ligure
    • salsa di pomodori
    • 1\2 bicchiere di vino bianco
    • olive taggiasche qb

    ESECUZIONE

    Come per la ricetta di ieri, mettete il baccalà in acqua almeno per 2 giorni

    IMG_5586

    Trascorso il giusto tempo, spellate e spinate il baccalà, tagliatelo a tocchi, infarinatelo leggermente e fatelo rosolare da tutti i lati con un po’ di olio evo

    IMG_5604

    Tagliate l’aglio e la cipolla e mettetelo in una casseruola adatta a conservare bene il calore in cottura (coccio o ghisa) con olio evo e fate stufare a fuoco basso

    IMG_5607

    Aggiungete i pinoli e le acciughe

    IMG_5605

    e, quando le acciughe si saranno sciolte sfumate con il vino bianco

    IMG_5606

    Quando l’alcool sarà evaporato, unite la salsa di pomodoro

    IMG_5608

    Sbucciate le patate, tagliatele a pezzi  ed aggiungetele al sugo quindi ricoprite a filo d’acqua aggiustate di sale e pepe ( se vi piace) e cuocete per circa 30 minuti a fuoco bassissimo

    IMG_5610

    10 minuti prima dello scadere, aggiungete il baccalà e le olive

    image

    e continuate la cottura a tegame coperto sempre a fiamma bassa

    image

    A cottura ultimata, aggiungete un trito di prezzemolo ed aglio al quale nonna Francesca univa anche la buccia grattugiata di 1 limone

    image

    Rimestate bene fuori dal fuoco e fate riposare a tegame coperto per 5 minuti affinché tutti gli aromi si amalgamino; servite con polenta fumante, o da solo, è un piatto che in ogni modo non deluderà

    94cac53d-d9f4-4148-a35b-ef550224f9e6-31584-00002a9705728b4b_file

    La nonna Francesca metteva con il soffritto di cipolla, anche una manciata di funghi secchi precedentemente ammollati, ingrediente che aggiungeva  una nota particolare al piatto

    Buon Appetito

    Una nonna in cucina: coniglio alle carote

    img_5374-1

    Il coniglio è una delle carni preferite della mia nipotina. Sempre con l’intento di compiacerla, ho preparato questo Pippi ( il nome con cui Agata da piccola chiamava il coniglio) mettendo insieme tutti i suoi gusti preferiti

    IMG_3651

    Così è venuto fuori questo piatto che in famiglia viene comunemente denominato “il coniglio della nonna in cucina” e per tutti gli altri “normali” è semplicemente un ” coniglio con le carote”

    CONIGLIO CON CAROTE

    • 1 coniglio nostrano tagliato a spezzatino
    • 1 cipolla
    • 2 spicchi d’aglio
    • 1 scalogno
    • 1 rametto di rosmarino
    • 5 carote
    • 1\2 L di brodo di coniglio
    • pinoli
    • olive in forno
    • sale pepe
    • olio evo

    ESECUZIONE

    Tritate la cipolla, l’aglio, lo scalogno e gli aghi del rosmarino molto finemente

    img_5368

    Pulite bene il coniglio, asciugatelo con carta assorbente e mettetelo in padella con il trito ed i pinoli

    img_5367

    Aggiungete le carote tagliate a rondelle , salate e pepate e fate ben insaporire controllando continuamente

    img_5370

    Quando il coniglio avrà preso colore, coprite con il brodo di coniglio ( lo potete preparare con la testa e con le comuni verdure da brodo più una foglia di alloro)

    img_5373-1

    Coprite la pentola e portate a cottura per circa 30 minuti ( o sino a quando il liquido sarà ristretto) a fuoco moderato

    img_5372-2

    Trascorso questo tempo, aggiungere le olive ( io ho usato le olive preparate da me!!) e fate ancora insaporire per circa 5 minuti controllando che non secchi troppo

    img_5374-1

    Fate riposare in pentola per qualche minuto quindi servite accompagnando, se volete, con un soffice purè di patate.

    BUON APPETITO

    Gli umidi, generalmante,sono i piatti che più appetiscono;

    quindi è bene darsi per essi una cura speciale; onde riescano delicati, di buon gusto e di facile digestione .Sono in mala voce di esser nocivi alla salute ma io non ci credo.

    IMG_2611

    Così si esprimeva Pellegrino Artusi nel “la Scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” nella quattordicesima edizione datata 1910 a proposito del piatto invernale per eccellenza, lo stracotto-

    IMG_2610

    In queste ultime (speriamo!)giornate di freddo e pioggia un confortevole piatto come lo stracotto, è ciò che ci vuole.

    IMG_2609

    Oltretutto, contrariamente a ciò che si pensa, non impegna tanto nella preparazione poichè soltanto la cottura è davvero lunga, ma quella, si sa, la fa in solitaria!

    IMG_3172

    STRACOTTO ALLA FIORENTINA

    • 1 kg di polpa di manzo adatta alle lunghe cotture
    • 4 carote
    • 2 gambi di sedano
    • 1 cipolla
    • 50 gr di rigatino teso
    • olio evo
    • 1 bicchiere di vino rosso corposo
    • 500 gr di pomodoro pelati
    • sale, pepe-

    ESECUZIONE

    Aprite a libro la carne , salate e pepate e mettete 2 carote lavate e ben pulite

    IMG_3127

    Avvolgete il pezzo di carne con il rigatino a fette e legate bene con il refe da cucina

    IMG_3129

    In una cassaruola adatta alle lunghe cotture, mettetev l’olio evo il pezzo di carne e le rimanenti verdure tagliate a tocchi

    IMG_3130

    Iniziate la cottura a fuoco vivo e fate ben colorire

    IMG_3131

    Quindi bagnate con il vino e fatelo evaporare completamente

    IMG_3132

    Appena non ci sarà più parte liquida ma solo grassa

    IMG_3133

    aggiungete i pomodori pelati,

    IMG_3134

    Fate cuocere piano piano,per tre ore ed anche più se vi sarà possibile, aggiungendo, se occorre un po’ d’acqua calda;

    IMG_3136

    A cottura ultimata, passate il sugo con il passaverdura

    img_3168

    levate la carne dalla pentola

    img_3167

    e tagliatela appena si sarà raffreddata per evitare che si sfaldi

    img_3169

    Prima di servirla fate scaldare solo il sugo

    img_3170Aggiustate di sale e pepe

    img_3166

    e servite con polenta o purè.

    IMG_3173

    Lo stracotto con la polenta  abbinato ad un’insalata di cavolo rosso crudo è un piatto più che unico e di grande allegria!

    Buon Appetito

    Domenica italiana

    Se ripenso alle domeniche della mia infanzia , rivedo la mia nonna alle prese con la preparazione dei suoi impareggiabili gnocchi

    img_3121

    Il primo step consisteva nel preparare il pesto che, con il suo inconfondibile profumo, riempiva tutta casa.

    Mentre la patate venivano messe a bollire per la preparazione degli gnocchi, la nonna estraeva magicamente dalla madia il vecchio mortaio appartenuto alla sua nonna ed iniziava con la sinfonia del pesto

    L’inizio era sempre lo stesso: l’aglio di Mariuccia di Vessalico, veniva pestato insieme ad una piccola “brancà” ( manciatina) di sale grosso, sino ad ottenere una poltiglia, quindi era la volta dei pinoli, anch’essi pestati con la solita maestria, il famoso “giro di polso”, e il risultato, cremoso, doveva rivestire le pareti del mortaio in modo omogeneo.

    Era, quindi, la volta del prezioso e tenero basilico aggiunto un po’ alla volta, per il rispetto dovuto a tanta delicatezza !

    Gli ultimi ingredienti da aggiungere erano il parmigiano , messo tutto in una volta ,e l’olio di Toirano versato goccia a goccia sino ad ottenere una salsa delicatissima e profumatissima

    PESTO GENOVESE ( ricetta del consorzio del pesto genovese)

    • 50 gr di basilico di Pra a foglia piccola
    • 1\2 bicchiere di olio extra vergine di oliva di ponente
    • 6  cucchiai di parmigiano reggiano
    • 2 cucchiai di pecorino fiore sardo
    • 1 spicchio d’aglio di Vessalico
    • 1 cucchiaio di pinoli
    • qualche grano di sale grosso

    img_3092

    Certo un po’ mi vergogno a preparare il pesto con il frullino ad immersione, ma cerco comunque di usare ingredienti di prima qualità e metterci tutta la passione che era propria della mia nonna

    img_3091

    Preparato il pesto e cotte le patate, la vecchia madia diventava magicamente l’asse per la preparazione degli gnocchi e la nonna si affrettava a schiacciare le patate ( lo faceva con il matterello!) che dovevano raffreddare prima della preparazione.

    Nel frattempo preparava il “sugo al rosmarino”

    SUGO AL ROSMARINO

    • 3 rametti di rosmarino
    • 1\2 cipolla
    • 1 manciata di pinoli
    • olio evo
    • 30 gr di burro
    • 400 gr di salsa di pomodoro
    • sale, pepe ( facoltativo)

    img_3106

    Tritava finemente, ma finemente davvero, con la mezzaluna gli aghi di 3 rametti di rosmarino con 1\2 cipolla bianca ed una manciata di pinoli

    img_3107

    Li metteva a rosolare in un tegame di terracotta con olio e burro

    img_3109

    e, appena il trito iniziava a prendere colore, aggiungeva il pomodoro, aggiustava di sale e faceva ben restringere la salsa

    img_3112

    A questo punto si iniziava con la pasta.

    GNOCCHI DI NONNA QUANITA

    • 1 e 1\2 kg di patate vecchie
    • 3 etti di farina 0
    • 100 gr di parmigiano reggiano
    • 1 uovo
    • 1 cucchiaio d’olio evo
    • sale

    In aggiunta alle patate ormai raffreddate, metteva sulla spianatoia la farina ( un po’ per volta) il parmigiano, l’olio, l’uovo ed un pizzico di sale

    img_3097

    ed iniziava ad impastare velocemente aggiungendo, se serviva, tutta la farina. Ottenuto un impasto di giusta consistenza, si “armava” di matterello

    img_3098

    e stendeva l’impasto non prima di averlo ben infarinato da ambo le parti

    img_3099

    Con la rotellina tagliava delle striscie che, con velocissimi gesti ,tramutava in rotolini di spessore uniforme

    img_3100

    A questo punto restavo sempre incantata dalla precisione con cui tagliava i piccolissimi gnocchetti .

    Mi capitò una volta di domandarle come facesse ad essere così precisa considerando la velocità con la quale lavorava e la sua risposta la porto sempre nel cuore:

    “Ninin ( tesoro), ascolta che musica armoniosa esce da queste mosse, se sentirai  una nota  stonata, significherà  che il ritmo si sarà interrotto e non saranno tutti uguali!

    Questa regola l’ho tenuta presente in tutte le cose della vita : ciò che bisogna sempre perseguire è l’armonia!

    img_3101

    La parte più bella e buona, in fine, era il momento in cui questi grandi vassoi di gnocchetti, venivano gettati nell’acqua bollente img_3102

    e appena risalivano a galla, venivano conditi, direttamente nella pentola, per quanto riguarda il sugo

    img_3118

    fatti ben insaporire con esso

    img_3119

    ricoperti ancora di parmigiano

    img_3120

    serviti, quindi,  ai commensali impazienti

    img_3124

    Mentre quelli al pesto, che come è noto, non deve cuocere, erano serviti  nella zuppiera con l’aggiunta di un po’ di burro

    img_3113

    Ambedue le soluzioni risultavano sempre molto gradite a tutti, perché, alla fine, i piatti erano sempre più che puliti!

    img_3121

    Buon Appetito

     

    Meravigliosa zuppa

    img_0598

    C risiamo, il tremendo freddo dei giorni passati ci ha lasciato, ma l’umido insinuante e triste ne ha preso il posto, e noi, dalla nostra cucina, cerchiamo di porre rimedio con i nostri “comfort food” o meglio con le nostre coccolose zuppe

    img_0937

    In questo blog ho più volte postato ricette di zuppe, sia di verdure che di legumi, perché sono uno dei piatti che più frequentemente cucino per le cene invernali

    img_0605

    Quella che presenterò oggi, con l’aiuto della mia “risolvi tempo”, la pentola a pressione, ci impegna in cucina davvero per poco tempo, ma ciò non vuol dire che non ci sia di conforto come solo le vere zuppe antiche sanno fare

    img_2597

    ZUPPA ANTICA A MODO MIO

    • 1 confezione di zuppa antica al farro e piselli secchi
    • 2 cucchiai di lenticchie secche
    • 4 carote
    • 1 cipolla
    • 1 spicchio d’aglio
    • olio evo
    • 1,5 L di brodo di gallina (o vegetale)
    • sale pepe
    • parmigiano grattugiato (a piacere)

    ESECUZIONE

    Preparate, se decidete di usarlo, un buon brodo di gallina

    img_2441

    Nella pentola a pressione, fate colorire la cipolla tritata con l’aglio schiacciato , le carote tagliate a rondelle con un filo d’olio evo

    img_2596Aggiungete quindi il farro ed i piselli  e le lenticchie dopo averli lavati e mondati

    img_2598Fate insaporire tutto insieme rimestando continuamente

    img_2599

    Aggiungete il brodo o di pollo o quello che preferite, e chiudete la pentola a pressione facendo cuocere dal sibilo per 35 minuti

    img_2600

    Trascorso questo tempo, servite accompagnato con pane tostato e parmigiano grattugiato e, se volete, un giro di olio a crudo

    img_2606Buon Appetito

    La solita zuppa

    img_2179

    Dopo la ricetta un po’ impegnativa di ieri, oggi vorrei consigliarvi non la solita zuppa, ma una zuppetta semplicissima, salutare e veloce

    L’ingrediente principale è la zucca gialla che, con le sue molteplici proprietà è un prodotto  che non dobbiamo assolutamente dimenticare

    Infatti la zucca gialla oltre ad avere proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie è anche un ottimo lassativo e diuretico; approfittiamone allora per preparare zuppe e minestre che in questo periodo sono indicatissime

    Avendo poco tempo a disposizione, ho preparato la zuppa con il Bimby ed il risultato è stato perfetto

    ZUPPA DI ZUCCA E CANNELLINI

    • 400 gr di zucca pulita e sbucciata
    • 1/2 verza
    • 2 cipolle bianche
    • 400 gr di fagioli cannellini già cotti
    • semi di zucca
    • parmigiano reggiano
    • olio evo
    • sale pepe nero

    ESECUZIONE

    Tagliate la zucca a tocchi, la cipolla a spicchi e la verza a listarelle; mettete a parte i fagioli lasciandoli nel loro brodo

    img_2181

    Mettete tutti gli ingredienti nel Bimby eccetto i fagioli che aggiungerete in un secondo tempo, salate a piacere  e cuocete a vel 3 per 35 minuti
    img_2182

    A 10 minuti dalla fine aggiungete i fagioli e terminate la cottura;

    Date 10 secondi a modalità turbo e servite in coccottine individuali spolverando con abbondante parmigiano e decorate con pepe nero appena macinato, semi di zucca triturati leggermente ed un giro di olio evo a crudo

    img_2184

    Se volete rendere questa zuppa più ricca, potete aggiungere della pancetta ben tostata alla decorazione del piatto finale .

    Va da sè che chi non possiede il Bimby, può fare la zuppa in pentola normale o a pressione, cuocendo per 40 minuti nella prima e venti nella seconda e frullando alla fine con il mixer se si gradisce ottenere una crema più vellutata o usando il passaverdura a grana grossa sè vogliamo lasciare la zuppa più rustica

    Buon Appetito

    Gli antichi legumi: le cicerchie

    img_2061

    Tra gli antichi legumi, quelli che stanno tornando di moda per merito della loro bontà, sono senz’altro le cicerchie.

    img_2062

    Hanno un gusto molto deciso a metà tra il fagiolo borlotto ed il cece, e, come accade per i legumi, vanno tenuti a bagno almeno per 8 ore prima di cuocerli. Trascorso questo tempo il modo più pratico e veloce per portarli a cottura è senz’altro la pentola a pressione con cui,  con la semplice aggiunta di uno spicchio d’aglio ed una foglia di alloro si possono preparare in 30 minuti dal sibilo. In questo modo sono ottimi conditi, come si fa con fagioli e ceci, con olio, magari nuovo in questo periodo, sale e pepe; l’unica regola da tenere presente è quella valida per  tutti i legumi: salarli solo a fine cottura a fuoco spento.

    Le cicerchie cotte sono ottime anche cucinate con un battuto di aglio rosmarino e salvia,

    img_2092

    un pò di pomodori pelati e, se piace, peperoncino piccante e pancetta tesa ben tostata.

    img_2093

    Sono ottimi come contorno alle salsicce di Norcia alla brace, oppure, come ho fatto io, utilizzate per preparare una zuppa Toscana con cicerchie

    ZUPPA TOSCANA CON CICERCHIE

    • Cicerchie al pomodoro con la loro acqua di cottura
    • 1 mazzo di cavolo nero
    • 1/2 cavolo verza
    • 2  carote
    • 2 zucchine
    • 2  porri
    • 1 cipolla
    • 1 costa di sedano
    • 350 gr fagioli borlotti freschi già sgranati
    • 400 gr di fagioli cannellini già lessati
    • 2 pomodori ben maturi
    • 2 spicchi d’aglio
    • pane toscano raffermo

    ESECUZIONE

    Iniziate preparando tutte le verdure: pulite il cavolo nero, levate la costa centrale e tagliatelo a filetti sottili

    img_2089

    Lavate la verza e tagliate anch’essa a listarelle

    img_2090

    Procedete tagliando a piccoli pezzi tutte le altre verdure e mettetele in una capiente pentola

    img_2094

    Aggiungete anche i fagioli borlotti, i cavoli e coprite a filo con acqua iniziando a cuocere a fuoco moderato per circa 40 minuti, salate il necessario.
    img_2095

    Unite alle cicerchie i fagioli cannellini con la loro acqua di cottura e fate insaporire tutto insieme

    img_2093

    Quando le verdure saranno pronte aggiungete le cicerchie ed i cannellini: metà passati al passaverdura, metà lasciati interi
    img_2102

    Tagliate il pane raffermo a fettine sottili e passatele leggermente con on gli spicchi d’aglio, condite con olio nuovo  a procedete mettendo a strati pane e zuppa.

    img_2112

    Se non gradite l’aglio potete semplicemente mettere pane appena tostato e, se mangerete la zuppa il giorno dopo il sapore sarà più intenso

    img_2108Buon Appetito