Riprendiamo le buone abitudini

image

Si, riprendiamo le buone abitudini, mettendo mano al mio caro blog, visto che il tempo grigio di oggi mi concede una giornata di ” ferie” dal mio lavoro di “nonnaalmareconnipotealseguito”

image

No, non mi si è rotto l’Ipad, ho volutamente scritto tutto attaccato per rendere meglio l’idea sul lavoro di nonni a tempo pienissimo

image

Bando alle ciance, mi godo questo attimo di relax proponendo un risotto ai funghi porcini con le cozze che sono certa apprezzerete tutti

image

Allora non mi resta che augurare a tutti una buona grigia giornata di luglio, con la consolazione di un intrigante risotto solare

image

RISOTTO AI FUNGHI CON IL MARE IN BOCCA

  • 400 gr di riso Carnaroli
  • 2 funghi porcini freschi di misura media
  • 150 gr di polpa di salsiccia luganega
  • 1 scalogno
  • 1 dl di vino bianco secco
  • il brodo necessario alla cottura del riso( circa 1L)
  • 1/2 peperoncino
  • sale pepe
  • 2 gr di zafferano
  • 250 gr di cozze sgusciate
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo

ESECUZIONE

Fate imbiondire nella wok ( o in una casseruola adatta alla cottura del riso) lo scalogno tritato e la polpa di salsiccia con un filo d’olio evo

image

Preparate i funghi porcini pulendoli con la carta da cucina inumidita e raschiandoli con un coltellino affilato;

image

quindi tagliateli a tocchi e metteteli con il soffritto ottenuto

image

Insaporite tutto insieme, unite il peperoncino ( se volete) aggiungete anche il riso e fate leggermente tostare; appena sarà pronto bagnate con il vino bianco e fate sfumare

image

In un padellino a parte fate insaporire le cozze con uno spicchio d’aglio ed un filo d’olio, salate e pepate, quindi lasciate da parte.

image

Mettete tutto il brodo caldo sul riso tostato e cuocete per il tempo indicato sulla confezione senza mai toccare

image

A pochi minuti dalla fine della cottura aggiungete lo zafferano

image

Portate completamente a cottura e lasciate riposare a tegame coperto per pochissimi minuti, quelli necessari per tritare finemente il prezzemolo che servirà per decorare il piatto.

image

Impiattate mettendo abbondanti cozze sul riso e decorate con il prezzemolo fresco

image

Non fatevi suggestionare dall’insolito abbinamento di sapori, vi garantisco che il risultato è una perfetta simbiosi, come si dice, un vero matrimonio d’amore, ciò che manca ad uno lo possiede l’altro in completa armonia.

Buon Appetito a tutti

Annunci

La pasta che passione

image

Alzi la mano chi tra noi non ha mai “inventato” un condimento segreto per un piatto di spaghetti? Si, noi italiani per gusto ed inventiva in cucina come in altri settori, non abbiamo rivali. La pasta è certamente il piatto che ci rappresenta perfettamente. Da Nord a Sud passando dalle isole, troviamo varietà di pasta lunga, corta, fresca, secca, ripiena o quant’altro che é il simbolo della nostra anima italiana! Al Sud si abbonda con pomodoro fresco, delizie dell’orto che si sposano perfettamente con paste fresche tipiche. Nelle isole il pesce regna sovrano ed anche in questo caso il matrimonio di vero amore genera piatti di inenarrabile bontà. Il Nord presenta piatti più complessi ed elaborati poiché il clima meno favorevole porta alla necessità di assumere più calorie. Con la globalizzazione ovviamente non esiste più la territorialità e si può gustare un eccellente pasta al pesto in Sicilia come un sugo alla norma in Liguria. Il  piatto tipico con gli ingredienti del territorio racchiude in se stesso un gusto antico di amore e sapienza che forse oggi è andato un po’ perduto ma custodiamo sempre nel nostro cuore.

Questa  premessa serve solo ad introdurre un piatto di meravigliose orecchiette (ultima pescata nel pozzo di S. Patrizio ovvero il congelatore, per ciò che riguarda la pasta) con zucchine e cozze che negli anni trascorsi in Puglia erano spesso la nostra cena in giardino con gli amici.

ORECCHIETTE ZUCCHINE E COZZE

  • 300 gr di orecchiette
  • 1kg di cozze freshe
  • 350 gr di zucchine
  • 1 cipolla
  • 1 scalogno
  • Basilico
  • prezzemolo
  • olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Pulite benissimo le cozze, lavatele sotto l’ acqua corrente molto bene quindi mettetele in un largo tegame, incoperchiate e fatele aprire a fiamma viva (ci vorranno circa 5 minuti).

image

Gettate le cozze che saranno rimaste chiuse e sgusciate le altre, eccetto alcune che userete per decorare il piatto.

image

Filtrate molto bene il liquido di cottura e tenetelo da parte.

image

Lavate le zucchine e tagliatele con la mandolina a rondelle sottilissime; pulite il basilico ed il prezzemolo e tritateli insieme.

image

Affettate finemente la cipolla e lo scalogno dopo averli puliti e metteteli con l’olio  in padella dove potrete saltare la pasta; fateli appassire a fiamma bassa, quindi aggiungete le zucchine ed insaporite per pochi minuti.

image

Versate il liquido delle cozze che avete precedentemente filtrato e cuocete ancora per pochi minuti. Unite le cozze sgusciate, il trito di erbe e mescolate bene per amalgamare tutti gli ingredienti. Cuocete al dente le orecchiette, scolatele nella padella con il sugo , aggiungete ancora basilico e prezzemolo tritati , unite le cozze intere e servite immediatamente!

image

É sempre buona norma con  i sughi di pesce saltare la pasta in padella per terminarne la cottura, il piatto risulterà più saporito. Non siate troppo puntigliosi nel voler scolare perfettamente la pasta: la morbidezza che si otterrà lasciando un minimo quantitativo d’acqua salata renderà il piatto più appetibile!

Buon Appetito

 

Cucina pugliese: esplosione di colori, armonia e gusto

 

Porto di Trani

Porto di Trani

Non sono certo io a dover presentare adeguatamente questa magnifica regione , la Puglia sa presentarsi  benissimo da sola .

Lo fa attraverso i suoi splendidi paesaggi , i suoi tramonti , i suoi monumenti ,la sua gente e , naturalmente la sua cucina .

Cattedrale di Trani

Cattedrale di Trani

Abbiamo avuto la fortuna di abitare per circa 3 anni nella bellissima cittadina di Trani e ,date le mie maniacali curiosità culinarie , ho avuto modo di conoscere a fondo oltre che il territorio ,anche la sua ottima cucina, da nord a sud!!!

In Puglia parliamo principalmente di cucina di mare ,ma ,nelle splendide masserie , si possono gustare verdure di prima qualità cucinate in mille modi e tutti saporitissimi.

Prodotti come i funghi cardoncelli o più famosi cipollotti  lampascioni  sono degli ambasciatori eccellenti di questo territorio.

Notturno tranese

Notturno tranese

Questa sera però ,voglio dare ancora spazio ai miei ricordi e proporvi una semplicissima pasta a base di pesce che la mia amica Bice ( o meglio Beatrice ) mi cucinava sempre quando ,dopo una mattinata al mare mi invitava a casa sua  per ….” Un frugale pasto ” come diceva lei ,a base di di una velocissima pastasciutta.

La velocissima pastasciutta era la famosa TUBI E COZZE !

non so perché , pur avendo riprovato mille volte a rifare questo piatto !non ne ho più gustato il sapore intenso e profondo che sentivo quando noi , al fresco della sua magnifica terrazza sul mare , mangiavamo con gusto il nostro pasto …….parlando dei massimi sistemi!!!!!

chissà forse era il gusto dell’amicizia profonda  che ci legava !

Bando ai sentimentalismi ,passiamo alla ricetta :

Tubi e cozze

Tubi e cozze

TUBI e COZZE

  • 350 gr di Pasta tipo ditali rigati (tubi )
  • 600 gr di cozze
  • 50 gr di pinoli
  • prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • peperoncino
  • sale
  • olio evo

ESECUZIONE

Lavate accuratamente le cozze e pulitele molto bene ( questa operazione potete farla fare al vostro pescivendolo di fiducia )

Mettetele in una casseruola con i gambi di prezzemolo ed 1 spicchio d’ aglio per farle aprire.

Quando saranno aperte ,gettate quelle rimasta chiuse e levate i molluschi dalla conchiglia.

Tenete da parte anche l’acqua che si sarà formata e filtratela con un colino.

Nel frattempo in una padella dove potrete saltare la pasta,mettete a scaldare i pinoli con un po’ d’olio evo e lasciateli sul fuoco sino a quando saranno leggermente tostati.

Lessate la pasta

Aggiungete ai pinoli il prezzemolo , 1/2 spicchio d’aglio tritati ed il peperoncino e fate leggermente insaporire,unite le cozze e la loro acqua .

Cozze alla marinara

Cozze alla marinara

Quando la pasta sarà quasi cotta ( 2minuti circa dalla fine della cottura) passatela in padella ,finite la cottura in padella, aggiungete ancora un po’ di prezzemolo tritato e servite immediatamente .

Magari in riva al mare !!

I pinoli sono una mia idea , la ricetta di Bice non li prevede ,a mio gusto , ci stanno davvero bene.

buon appetito a tutti.

Tubi e cozze

Tubi e cozze

 

 

 

Cozze a go-go

ImmaginePenso siano i miei molluschi preferiti. li adoro in tutte le salse ,anche semplicemente aperti in pentola ,giro di limone e via,si mangia…se poi nelle vicinanze c’è una baguette fresca……totale goduria!!! Oggi li propongo in 2 modi ambedue classiche ricette della mia tradizione. COZZE alla MARINARA

  • 1kg di cozze
  • 1/2cipolla affettata
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • 1cucchiaino di farina
  • 50 gr di farina
  • 1mazzetto di prezzemolo tritato
  • sale pepe

ESECUZIONE dopo aver ben pulito le cozze ,metterle in una capace casseruola con coperchio assieme agli spicchi d’aglio ed alla cipolla affettata grossolanamente mettere su fuoco vivace sino a che le cozze,coperte, si saranno aperte. filtrare il liquido che si sarà formato e tenetelo da parte.mettete in una padella il vino ed un altro spiccio d’aglio ,un po’ di prezzemolo tritato e far ridurre il vino sino a metà del suo volume. a parte,lavorare il burro con la farina ed uniteli al vino;aggiungete una tazza di liquido delle cozze filtrato. regolare di sale pepe e lasciate ancora sul fuoco per circa 10 minuti continuando sempre a girare. Versate la salsa sulle cozze ,lasciatele insaporire e servite cosparse con prezzemolo tritato e ,se volete,1/2 limone spremuto. Immagine