Fritto forever

imageIl fritto, si sa, piace a tutti, in pochi, però,  sono disposti ad ammettere questo peccato, visto il prolificare delle diete light che ci fanno sentire molto più alla moda e soprattutto non ci procurano rimorsi!

image

Una  volta ogni tanto questo stravizio da’ sazietà non solo al corpo ma anche all’anima!

image

Io sono un tipo che non ama molto seguire le mode ma soprattutto mi piace tanto coccolarmi e coccolare familiari ed amici, per cui, ogni tanto seguendo poche fondamentali regole, il fritto lo preparo! Anche perché davanti ad un festoso vassoio ricco di ogni prelibatezza l’allegria non manca mai!😜

image

 

FRITTO MISTO DI FIORI ED ERBE

  • Fiori di zucca
  • Erbe aromatiche: salvia, rosmarino, prezzemolo ( foglie)

Per la tempura

  • Farina di riso
  • acqua
  • ghiaccio
  • prezzemolo tritato
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale, pepe
  • olio per friggere

Per la farcitura dei fiori di zucca

  • 1 mozzarella
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 2 filetti di acciuga
  • una manciata di capperi dissalati
  • maggiorana, timo, erba cipollina

ESECUZIONE

Per prima cosa prepariamo la tempura mischiando tutti gli ingredienti eccetto il ghiaccio che metteremo appena la pastella sarà pronta e prima di metterla nel frigo per lasciarla a riposare almeno per 1 ora

image

Quindi passiamo alla pulizia dei fiori e delle erbe aromatiche lavandole delicatamente e togliendo ai fiori di zucca anche il pistillo interno

Nel robot  mettiamo tutti gli ingredienti per la farcia e frulliamo sino ad avere un composto omogeneo

image

Aiutandoci con il sac-a-poche farciamo i fiori facendo attenzione a non romperli troppo e rigirando su se stessa la parte aperta per sigillarli un po’

image

Mettiamo i fiori farciti nella tempura

image

E friggiamoli in olio di arachidi sino a quando avranno un aspetto dorato

image

Terminato di friggere i fiori procediamo con le erbe aromatiche, mettendole in pastella e figgendole

image

(!!!!!! Peper non sei tu il soggetto della foto…….e sopratutto non ci provare!!!!!!!)

Servite questa frittura per un buffet in compagnia di altre  frivolezze o, più semplicemente, per un pasto in famiglia accompagnato ad insalatina fresca con l’aggiunta di semi!

image

Buon Appetito

Che bello ricevere un mazzo di fiori di zucca!

Oggi la mia amica Marcella e’ venuta a trovarmi e mi ha portato in dono…..un meraviglioso mazzo di fiori di zucca!
Fiori di zucca

Fiori di zucca

Mi sono messa subito all’opera ed ho preparato i fiori farciti e fritti in tempura.

Fare la pastella ,sembra una cosa semplicissima : così non e’ !

Per fare un buon fritto e’ necessaria la croccantezza e come si fa ad ottenerla ,ma ,soprattutto a mantenerla quando il fritto inizia a freddarsi??

Il segreto sta nel fatto che la farina per la tempura deve essere molto povera di glutine ,ma,ci sono alcuni accorgimenti  che ci aiutano in questo senso.

Innanzi tutto la parte secca deve essere composta da metà farina e metà fecola ( o farina di riso)

l’acqua deve essere ghiacciata  e la pastella non deve essere molto lavorata ,poca importanza ha se si formano i grumi,in cottura non si sentiranno ed il fritto resterà croccante!

Molto importante e’ non far riposare la pastella ,ma utilizzarla immediatamente,anche questo accorgimento serve a non far formare troppo glutine

Infine bisogna friggere in padelle per fritto piuttosto alte,l’ olio deve essere abbondante e,se si scarta l’ottimo olio d’ oliva per questioni economiche,quello più adatto resta l’ olio di arachidi.

….mi raccomando ,pochi pezzi per volta così non si impregneranno d’unto e resteranno più leggeri!!!

image

FIORI di ZUCCA in TEMPURA

  • 10 fiori di zucca freschissimi
  • 100 gr di mortadella
  • 1 mozzarella
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • sale , pepe
  • per la tempura :
  • 100 gr di farina 00
  • 100 gr fecola
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale
  • la buccia di 1 limone grattugiata
  • aglio e prezzemolo tritati finemente ( facoltativo )
  • Acqua gassata ghiacciata qb

image

ESECUZIONE

pulire delicatamente i fiori di zucca e levar loro il pistillo ed il gambo

Macinare nel mixer la mortadella ,la mozzarella ,il parmigiano,il pecorino .

Aggiustare ,se serve, di sale ed unite un pizzico di pepe.

Con questa farcia riempite i fiori e cercate di sigillarli dando loro la forma a caramella .

Passiamo alla tempura:

In una piccola bacinella ,mettete del ghiaccio e sopra adagiatevi la terrina nella quale preparerete la tempura.

In quest’ ordine mettete gli ingredienti:

le farine

il sale

il pepe

la buccia di limone ed il trito di prezzemolo.

A questo punto,tutto in una volta,versate l’acqua gassata ghiacciata ed aiutandovi con una forchetta amalgamate velocemente ( mi raccomando …la forchetta,se lo fate con la frusta ,rischiate di formare troppo glutine!)

Preparate la padella del fritto e cuocete i fiori dopo averli immersi uniformemente nella pastella

Fate attenzione alla temperatura dell’olio!!!!!!

servite con un’ insalata di pomodori e cetrioli conditi con olio al basilico!!!

…..ed anche per oggi…….BUON APPETITO!!!!

 

 

Fiori di zucca ripieni

Fiori di zucca ripieni

Ultima considerazione,potete variare la farcia con una besciamella densa ai formaggi e prosciutto tritato…..altra delizia!!!!!!

“Hotel Villa Enrico” Soggiorno per famiglie a Loano Riviera delle Palme Italia

  • questo e’ lo slogan con il quale mio padre,nei lontani anni ’60, pubblicizzava sulla stampa , l’apertura del suo nuovo albergo.

prima della Villa Enrico aveva lavorato negli alberghi di famiglia a Diano Marina e ad Albenga e finalmente era riuscito ad avere un’ impresa tutta sua

ne andava orgogliosissimo e trascorreva ,insieme a mia madre,intere nottate per inventare nuovi piatti che potessero stuzzicare la curiosità e l’appetito dei clienti.

proprio a queste meravigliose ricette oggi,voglio attingere.

la prima sarà il risotto primavera  la seconda il branzino di Enrico

Ho apportato alcune modifiche al risotto,mio padre lo serviva decorando il piatto con fiori di zucca fritti in tempura; risultava molto coreografico oltre che squisito .io ,però,non avendo i fiori,ho utilizzato del rigatino tostato. Sono buone ambedue le versioni certamente però ,se si vuole rispettare la tradizione,bisogna utilizzare i fiori.

La ricetta del branzino e’ assolutamente quella originale,la particolarità sta nell’ uso di salvia e rosmarino anziché il solito prezzemolo

RISOTTO PRIMAVERA

  • 400 gr di riso
  • 1cipolla di Tropea fresca
  • 1mazzo di asparagi
  • 15 fiori di zucca
  • 1/2kg di piselli freschi ( oppure 2manciate di quelli surgelati)
  • 1 l di brodo vegetale( aggiungendo alle solite verdure da brodo,le bucce dei piselli e la parte legnosa degli asparagi)
  • 1bustina di zafferano
  • 50 gr di burro
  • una spruzzata di vino bianco
  • 100 gr di parmigiano
  • sale pepe
  • 50 gr di pancetta a dadini ( facoltativo )

Mettere in pentola meta ‘ del burro con la cipolla tritata,insaporire ed aggiungere i piselli e gli asparagi  tagliati a rondelle

aggiungere il riso e far tostare tutto insieme

sfumare con il vino e,quando l’alcool sarà ben evaporato,proseguire la cottura con il brodo ( ci vorranno circa 18 minuti) dove sarà stato sciolto lo zafferano.

a cottura quasi ultimata,mantecare con il restante burro ed il parmigiano,una macinata di pepe , mettendo il coperchio alla pentola dopo aver spento il fuoco

servire dopo 5 minuti( il risotto deve risultare all’onda )decorando con 2 fiori di zucca fritti a persona oppure con la pancetta tostata.

Ricordatevi di preparare il brodo mettendolo al fuoco almeno 1/2ora prima di iniziare il risotto

image

BRANZINO alla ENRICO

  • Branzino di circa 1 kg
  • salvia e rosmarino
  • 1/2bicchiere d’olio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 50 gr di olive taggiasche
  • 30 gr di pinoli
  • sale e pepe
  • brodo di pesce

 

PREPARAZIONE

in una teglia mettere a scaldare l’olio con i pinoli senza farli troppo tostare

mettervi il branzino dopo averlo salato,pepato e farcito con salvia e rosmarino

fate rosolare il pesce spruzzandolo con vino bianco

quindi ponetelo in forno a 200* per circa 45 minuti,dopo aver

aggiunto le olive ed il brodo di pesce

se asciugasse troppo unire ancora brodo

P.S. E’ buona norma preparare con gli scarti del pesce ,un brodo e conservarlo in congelatore che servirà per tutte le preparazioni future.

buon appetito a tutti..

image