La soluzione dell’ultimo minuto

Per noi italiani il classico piatto di pasta è la soluzione dell’ultimo minuto

A volte succede  di incontrare occasionalmente amici durante una semplice passeggiata e concludere la serata a casa, con un fumante piatto di spaghetti e magari anche  una chitarra  e tante  canzoni stonatissime  urlate a squarciagola: naturalmente  e rigorosamente anni ’60

In queste circostanze, mi piace pensare a qualche soluzione alternativa ai cavalli di battaglia della nostra cucina, che comunque sono sempre più che graditi, ma a volte fa piacere anche cogliere gli amici di sorpresa e stupirli con effetti speciali….o quasi.

Per terminare in allegria una serata bellissima in compagnia degli amici di una vita, ho pensato a tortiglioni fatti con la farina di ceci, conditi con  pesto preparato con i gambi di cime di rapa lessati che,abbinati a  qualche altro ingrediente ad hoc, hanno avuto il loro successo.

img_2781

TORTIGLIONI DI FARINA DI CECI CON PESTO DI CIME DI RAPA

  • 200 gr di tortiglioni ai ceci
  • 2 salsicce toscane
  • i gambi di 2 mazzetti di cime di rapa
  • 6 noci
  • un rametto di rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio
  • 125 gr di formaggio spalmabile
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • peperoncino (facoltativo)
  • olio evo
  • vino bianco
  • sale pepe

ESECUZIONE

Mettete a bollire l’acqua per la pasta; spellate le salsicce e aiutandovi con una forchetta, sbriciolatele nella padella e fatela tostare senza aggiungere altro condimento

img_2773

Fate ben tostare rigirando continuamente

img_2775

Quando la salsiccia sarà pronta, sfumate con un po’di vino bianco che farete ben sfumare

img_2774

Nel bicchiere del frullino ad immersione mettete le noci fatte in precedenza tostare con un filo d’olio evo e un rametto di rosmarino,lo spicchio d’aglio,  i gambi di cime di rapa lessati e strizzati, il formaggio spalmabile il pecorino grattugiato e, se volete , il peperoncinoimg_2776

Aggiustate con sale e pepe e frullate sino ad ottenere una salsa fluida e compatta

img_2777

Mettere la salsa nella padella con la salsiccia e fate leggermente scaldare rendendo tutto piuttosto fluido aiutandovi con l’acqua della pasta

img_2779

In padella fate “ristorare”per gli ultimi minuti di cottura la pasta che in questo modo, oltre che essere più digeribile, sarà anche più gustosa, se dovesse essere necessario, aggiungete ancora acqua di cottura

img_2780

Servite con un’abbondante spolverata di pecorino e gherigli di noce spezzettati

Buon Appetito

E con domani si chiude!

image

L’Epifania tutte le feste si porta via!

Così mi dicevano quando ero bambina ed io, al solo suono di questa frase, venivo colta da una improvvisa tristezza. Intendevo l’andar via come la fine delle vacanze della scuola, delle dormite la mattina, del tirar tardi la sera. Insomma di tutte quelle cose piacevoli che mi avevano accompagnato nei giorni delle feste.

Tale era la mia mestizia che, quando frequentavo il liceo, ricordo che esattamente il 7 gennaio venivo colta da una “strategica” influenza che mi allungava le vacanze almeno di una settimana. Ora da nonna, provo la stessa tristezza non certo per il rientro a scuola (magari!) ma perché finiscono le tavolate con tutti i figli e nipoti e si ricomincia con il tran-tran quotidiano.

Domani faremo tutti insieme il pranzo dell’ Epifania, ci saranno i ravioli della nonna Quanita con “u tuccu aa zenese”, uno strepitoso dentice selvatico del quale, domani, vi darò la ricetta e come antipastino super veloce da gustare con l’ aperitivo , preparerò uno degli stuzzichini preferiti dalle mie figlie : la torta al salmone.

TORTA AL SALMONE

  • 250 gr di salmone affumicato canadese
  • 500 gr di pane di segale integrale
  • 250 gr di formaggio spalmabile
  • scorza grattugiata di 1/2 limone e qualche goccia di succo
  • 1 cucchiaio di latte
  • 50 gr di rucola
  • un ciuffo di prezzemolo
  • Uova di lompo
  • sale, pepe q.b.

ESECUZIONE

Mettete nel mixer il formaggio, 50 gr di salmone, il prezzemolo, la scorza del limone, sale e pepe, un cucchiaio di latte e frullate tutto insieme sino ad ottenere una crema abbastanza morbida.

image

Mettete un po’ di questa crema sulle fette di pane di segale, aggiungete un po’ di uova di lompo e qualche fetta di salmone, condite con qualche goccia di limone e ricoprite con la rucola.

image

Ripartite da capo sino ad esaurimento degli ingredienti.

image

Ricoprite la mattonella con la crema al salmone e decorate con la rucola e le uova di lompo. Lasciatela in frigo almeno per 2 ore prima di servire e tagliate con un coltello seghettato direttamente in tavola.

image

Se non volete fare la mattonella potrete fare delle semplici tartine, saranno perfette se prima le farete leggermente tostare il pane.

Buon appetito a tutti