E’ arrivata la tribù

image

Siamo in piena estate, tutti hanno bisogno di mare, e allora tutti al mare da mamma!

image

In questi casi, quando la casa è super affollata, il primo comandamento é non accendere MAI il forno, perché, ovviamente,  si desidera solo un po’ di fresco.

image

Allora se proprio siamo obbligati ad usare il forno abbiamo pensato di  mettere un fornetto in giardino per ovviare a questo enorme problema. Capita però che il suddetto fornetto non sia adatto alla cottura perfetta dei dolci lievitati e la deliziosa “torta soffice alle pesche”

image

diventi un succoso ” pasticcio alle pesche caramellato”da servire ancora tiepido con un buon gelato alla vaniglia.

image

 

PASTICCIO DI PESCHE CARAMELLATO

per la torta

  • 2 uova
  • 200 gr di zucchero
  • 215 gr di farina
  • 1\2 bustina di lievito per dolci
  • 125 gr di olio di semi di arachide
  • 1 pesca
  • 1 limone ( buccia e succo)

per il caramello

  • 1\2 bicchierino di liquore alla pesca
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • il succo di 1 limone

ESECUZIONE

Montate le uova con lo zucchero, con le fruste elettriche, sino ad ottenere un composto bianco e spumoso.

Setacciate la farina con il lievito, aggiungete la buccia grattugiata del limone e aggiungeteli al composto di uova

unite a filo l’olio, mentre impastate, sino ad ottenere un composto molto areato.

Tagliate le pesche a pezzetti ed unitele al composto quindi infornate e mettetelo  in una teglia imburrata e cuocete per circa 45 minuti a 180°

Quando la torta sarà cotta (spero meglio della mia) irroratela completamente con lo sciroppo fatto con gli ingredienti indicati

image

servite il pasticcio con un buon gelato alla vaniglia!!

Buon Appetito

Annunci

Piacevoli sensazioni

Chi mi segue da tempo lo sa, non amo il pesce !

image

So benissimo quanto faccia bene e mi rendo conto quanto  la dieta mediterranea, sana e leggera, si basi sul pescato dei nostri mari, ma io, ammetto, non lo apprezzo per quel che vale.

image

A volte, però devo cedere per il bene mio e di tutta la famiglia e preparo piatti con pesci dei quali cerco il più possibile di camuffare il sapore con erbe aromatiche ed altri ingredienti atti allo scopo.

image

Nel caso di oggi sono stata costretta a ricredermi, i filetti di gallinella, freschissimi, che ho trovato al mercato hanno sprigionato un sapore meraviglioso che ha battuto alla grande tutti i miei tentativi di reprimerlo!!

FILETTI DI GALLINELLA AL FORNO CON PATATE

  • 8 filetti di gallinella di mare puliti
  • 4 patate di media grandezza
  • 1 grappolo di pomodorini pachino
  • erbe aromatiche a piacere
  • 1 limone non trattato
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati
  • 4 filetti di acciuga sott’olio
  • 2 cucchiai di olive taggiasche denocciolate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1\2 bicchiere di vino bianco
  • olio evo
  • sale pepe
  • peperoncino (facoltativo)

ESECUZIONE

Iniziate facendo bollire le patate per 7-8 minuti dal bollore quindi fatele intiepidire, sbucciatele e tagliatele a rondelle piuttosto fini

img_2498

preparate un battuto con le erbe aromatiche ( io ho usato prezzemolo, timo fresco e maggiorana), lo spicchio d’aglio, la buccia del limone ben pulita, le acciughe, metà dei capperi e metà delle olive ed il peperoncino a piacere

IMG_4387

Mettete un filo d’olio in una teglia, aggiungete le patate e parte del battuto, un pizzico di sale e pepe

IMG_4388

Fate un po’ insaporire sul fornello

IMG_4389

quindi unite i pomodorini tagliati a metà

IMG_4390

ancora un po’ di battuto, un po’ di capperi ed olive interi ed aggiungete i filetti di gallinella salate e pepate

IMG_4391

terminate con altro battuto, il vino bianco, il succo del limone ed un leggero filo d’olio

IMG_4392

Mettete in forno caldo a 170* per circa 25 minuti

IMG_4404

Servite i filetti irrorandoli con il sughero di cottura

IMG_4405

Buon Appetito

 

Le regalerò una rosa

IMG_4325Si, le regalerò una rosa, di quelle che ha sempre amato tanto, quelle rosse vermiglio uguali a quelle che erano del nostro giardino quando ero bambina e che, per la festa della mamma , tagliavo per farne  un mazzo  da far invidia al più fornito tra i fiorai della città e per  regalarglielo con immenso orgoglio di figlia !

IMG_4326

E poi voglio prepararle un dolce , di quelli casalinghi, proprio quello che lei confezionava in modo magistrale, che sanno di buono, che sanno di mamma, che danno conforto all’anima, come diceva la mia nonna, la sua mamma!

IMG_4324

Si, perché in questi giorni è la sua mamma che invoca con insistenza e per me è penoso vederla così,  ma oggi, vigilia della festa della mamma voglio  ricordarla come era, la bellissima ed elegantissima signora che è sempre stata e donandole   un piccolo pensiero, quelli senza valore materiale ma che, come tutte le cose vere, vanno dritto dritto al cuore dirle ancora una volta: AUGURI MAMMA, TI VOGLIO BENE

IMG_1740

ne sono certa, apprezzerà molto, anche in questi momenti !

 

IMG_4312

CIAMBELLONE PER LA MIA MAMMA

ciambella allo yogurt al limone con fragole

  • 300 gr di farina 0
  • 4 uova
  • 260 gr di yogurt al limone
  • buccia + succo di 1 limone
  • 230 gr di zucchero di canna
  • 160 gr di burro
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cestino di fragole
  • 1\2 bicchierino di rum aromatico

ESECUZIONE

Mettete le fragole ben lavate, a macerare con 1 cucchiaio di zucchero ed il mezzo bicchierino di rum

IMG_4306

Montate le uova con lo zucchero sino ad ottenere un composto ben spumoso

IMG_4302

Unite lo yogurt, il succo e la buccia del limone continuando a montare

IMG_4303

 

Aggiungete la farina ed il lievito setacciati e, aiutandovi sempre con le fruste elettriche, montate ancora

IMG_4304

Unite il burro fuso ed un pizzico di sale, sino ad ottenere un composto perfettamente montato

IMG_4305

Mettete nel composto le fragole tagliate e il liquido di macerazione

IMG_4307

Amalgamate tutto non più con le fruste ma con una spatola

IMG_4308

Imburrate una forma da ciambellone con cerniera , mettetevi il preparato per  la torta e infornate a forno caldo a 180° per 40 minuti

IMG_4310

Prima di sfornare fate la prova stecchino e, appena sarà raffreddata, cospargete con zucchero a velo

IMG_4312

Buon Appetito ed un augurio speciale a tutte le mamme… vi regalerò una rosa ed un dolce con tutto il mio cuore !

IMG_3075

Piatti sprint

È capitato a tutti di ricevere visite inaspettate di persone care che ci piacerebbe invitare a cena ma, ahimè, il frigo è quasi vuoto e proporre di rimanere è davvero un atto di coraggio!

image

In questi casi ci vengono in aiuto quelle ricettine sprint che prevedono nella loro esecuzione ingredienti che sicuramente abbiamo sempre in casa

IMG_4220A questa categoria appartengo i ” tagliolini al limone ” un piatto un po’ vintage di raffinata semplicità che unisce l’aspro del limone al dolce del burro in perfetta armonia; se poi siete così fortunati da trovare dal vostro fruttivendolo I limoni della costiera, il vostro piatto sarà certamente da gran gourmet

Va da sè’ che se, data l’emergenza non avete sotto mano i tagliolini, andranno benissimo anche spaghettini  purché siano di ottima qualità.

TAGLIOLINI AL LIMONE

  • 250 gr di tagliolini freschi all’uovo
  • 1 grosso limone ( possibilmente di costiera) non trattato
  • 50 gr di burro
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano
  • sale
  • pepe bianco

ESECUZIONE

Lavate bene il limone quindi asciugatelo e grattugiatelo in modo da ricavare solo la parte gialla della scorza.

IMG_4213

Cuocete i tagliolini al dente in abbondante acqua salata.

IMG_4215

Nel frattempo fate spumeggiare metà del burro senza farlo colorire

IMG_4212

ed aggiungete la scorza e qualche goccia di succo di limone

IMG_4214

Quando saranno cotti sgocciolate i tagliolini e trasferiteli nella padella

IMG_4216

aiutandovi con un po’ di acqua di cottura, mantecate bene i tagliolini, unite il burro rimasto ed il parmigiano

IMG_4217

alla fine i tagliolini dovranno essere ben mantecati , morbidi e cremosi; completate il piatto con scorza di limone tagliata a julienne, prezzemolo tritato fresco e una generosa macinata di pepe

IMG_4218

servite immediatamente affinché il piatto conservi la sua cremosità

IMG_4219

Buon Appetito

 

Tris di dolci

img_2535

Con oggi termino il tris di dolci che ho preparato con la mia Agatina, anche questo ha trovato il suo pieno consenso, anche se non ha partecipato attivamente alla sua esecuzione in quanto è molto meglio se i bambini non si avvicinano al caramello bollente, potrebbero correre tremendi rischi.

Comunque, come potete vedere dalla foto, ha gradito moltissimo !!

Questa ricetta velocissima e di certo risultato, me l’ha data la mia amica Mirella che, come sempre, non fallisce un colpo

CROCCANTE ALLE ARACHIDI DI MIRELLA

  • 100 gr di zucchero di canna
  • 80 gr di arachidi
  • 1 fettina di limone

ESECUZIONE

Sciogliete lo zucchero in un padellino antiaderente e fate ben caramellare con il massimo dell’attenzione poiché una bruciatura con il caramello è pericolosissima

img_2506

Tritate le arachidi in modo grossolano e, quando il caramello sarà pronto,

img_2507

aggiungetele al caramello stesso, avendo cura di spegnere il fuocoimg_2508

Amalgamate benissimo gli ingredienti e mettete l’impasto tra due fogli di carta forno, o, meglio ancora, se lo avete, su di un ripiano di marmo, perché permette al croccante di raffreddare più in fretta

img_2509

Spianate molto bene con il matterello dando lo spessore desiderato. Quando sarà ormai freddo, passatelo con la fettina di limone per dargli lucidità, spezzettatelo con le mani e assaggiatelo immediatamente, perché , altrimenti, vi capita come a me……vassoio quasi vuoto, neppure il tempo della foto di rito!

Naturalmente per preparare il croccante, potete usare il tipo di frutta secca che preferite

img_2513Buon Appetito

Straccetti express con trombette al pomodoro

image

” Agata, suggeriscimi tu un titolo per il blog di oggi, non mi viene proprio in mente nulla”

image

” nonna quale piatto proponi oggi? Chiamalo  con il nome del piatto, non lo sai che la semplicità è sempre vincente!”

image

E’ vero, il ragionamento della mia saggia nipotina  non fa una grinza ed io intitolerò il post di oggi semplicemente con il nome degli ingredienti che lo compongono

image

Come dice il suo sussidiario ( così si chiamava il libro degli esercizi ai miei tempi) e cambiando un po’ le parole, anche i nonni imparano …ed anche parecchio.

STRACCETTI EXPRESS CON TROMBETTE AL POMODORO

  • 200 gr di polpa di vitello tagliata sottilissima
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 limone, buccia e succo
  • 1 cucchiaio di farina
  • sale pepe
  • olio evo

per le trombette al pomodoro

  • Trombette di Albenga ( o zucchine chiare e tenere)
  • 6 pomodori maturi
  • olio evo
  • 1 scalogno
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale pepe

ESECUZIONE

Infarinate leggermente le fettine di vitello e tagliatele a straccetti

image

Mettete gli straccetti nella padella dove avete messo un po’ d’olio e lo spicchio d’aglio e fateli saltare velocemente

image

Unite sale e pepe, bagnate con il succo di limone, aggiungete la buccia grattugiata e tenete sul fuoco sempre rimestando per pochissimi minuti

image

Preparate ora le trombette: tagliatele con la mandolina sottilissime, spellate i pomodori e tagliateli a filetti

Tritate lo scalogno e fatelo soffriggere leggermente con un po’ d’olio evo; unite i pomodori e le trombette e insaporite

Aggiustate di sale e pepe, sfumate con il vino bianco e cuocete per 20 minuti.

Servite con gli straccetti

Buon appetito

 

Tempo di conserve

image

Sebbene siano solo due, gli ulivi del mio giardino l’anno scorso sono stati davvero molto prodighi di frutti.

image

Per questo motivo, approfittando dell’annata, ho conservato in salamoia parecchie caraffe di olive sia verdi che nere che ho usato per la preparazione di vari piatti

image

Mi sono rimaste in dispensa ancora 2 caraffe di olive verdi e, per far spazio a quelle che tra poco rifarò, ho pensato di prepararle condite ed utilizzarle per gli aperitivi oppure con taglieri di affettati e formaggi di varia stagionatura

OLIVE VERDI CONDITE AL PIZZICO

  • Olive verdi in salamoia
  • aceto bianco
  • olio evo
  • aglio
  • peperoncino
  • erbe aromatiche secche a piacere
  • la buccia grattugiata di un limone

ESECUZIONE

Scolate le olive dalla salamoia e lavatele sotto l’acqua corrente

image

Denocciolatele con l’apposito attrezzo

image

Mettetele su di un canovaccio pulito ad asciugare

image

Quando si saranno ben asciugate spruzzatele con un po’ di aceto bianco e fatele nuovamente asciugare

image

A parte preparate in una ciotolina il condimento: olio evo, aglio tagliato a lamelle, prezzemolo, origano, erba cipollina tutti essiccati, peperoncino, la buccia del limone e qualche goccia di aceto; fate un’emulsione e lasciate un po’ riposare affinché gli aromi si riescano ad amalgamare bene.

image

Condite con l’emulsione le olive e, se occorre, aggiungete altro olio; aspettate qualche ora prima di consumare e conservate le olive che resteranno in frigorifero…se resteranno!

Dimenticavo di consigliarvi di utilizzare le olive con il loro olio per condire carni o verdure bollite, sentirete che bontà.

Buon appetito

 

Melon cake gli ultimi sapori d’estate

image

L’estate, oltre a donarci dei meravigliosi tramonti, ci gratifica con frutta saporita e succosa e da quando abbiamo l’estrattore devo dire che apprezziamo ancora più di prima i suoi fantastici nettari

image

Pero’ non tollero il fatto di dover sprecare tanta buona polpa ed allora cerco di pensare a ricette adatte per utilizzarla.

Oggi, avendo a disposizione la polpa di un dolcissimo melone, ho pensato ad una sorta di plum-cake al melone appunto,  buono e salutare per la colazione del mattino

MELON-CAKE

  • 200 gr di polpa di melone
  • 2 uova
  • 200 gr di zucchero di canna
  • 200 gr di farina 0
  • 1 limone ( succo e buccia grattugiata)
  • 100 ml di olio di semi di arachidi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1/2 bicchiere di latte
  • zucchero a velo

ESECUZIONE

Montate le uova con lo zucchero sino ad ottenere un composto bianco e spumoso

image

A  parte, aggiungete la buccia ed il succo del limone alla polpa del melone e frullate il tutto nel robot da cucina

image

Unite il composto di frutta alle uova battute con lo zucchero, aggiungete tutti gli altri ingredienti compresa la bustina di lievito per dolci sciolta in mezzo bicchiere di latte a temperatura ambiente

image

Amalgamate bene e foderate uno stampo da plum- cake, quindi versatevi il composto

image

e cuocete  in forno caldo a 180* per 50 minuti

image

Trascorso questo tempo lasciate ancora nel forno spento per 15 minuti e, appena sarà intiepidito, ricoprite con zucchero a velo

image

Servite con estratto di succo di melone fresco

image

Buon Appetito

 

L’arte del riciclo

imagePenso capiti anche alle più organizzate tra le meravigliose donne della new generation di correre in rosticceria a prendere il triste, anzi tristissimo pollo  arrosto per allestire il pranzo dell’ultimo minuto per poi pensare, mentre si mastica a fatica il suddetto volatile di cellulosa pura :” mai, non lo farò mai più!!”

Invece no, ci si casca sempre e più di metà pollo va a finire inesorabilmente nel sacchetto dell’umido!

Ovviamente succede anche a me che sono una vecchia nonna, anche se casalinga dell’ultima ora, che non si adatta ai nuovi gusti plastificati; allora aguzzo l’ingegno e mi invento piatti più o meno probabili.

Oggi sono rimasta sul classico ed ho pensato al banalissimo pollo e patate ma ho aggiunto l’artiglio di nonna Titti ed è  uscito fuori un piatto saporito e grintoso sicuramente da riproporre

PATATE SABBIOSE E POLLO DI RICICLO ALLA DIAVOLA

  • 1/2 pollo arrosto avanzato
  • 4 patate di media grandezza
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 limone succo e buccia grattugiata
  • erbe aromatiche a piacere
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 peperoncino piccante
  • 50 gr di parmigiano
  • pane grattugiato
  • sale pepe
  • olio evo

ESECUZIONE

Preparate un trito finissimo con le erbe aromatiche,l’aglio ed il peperoncino

image

Quindi mischiatelo al parmigiano, al pane grattugiato, sale pepe e  alla buccia del limone anch’essa grattugiata.

image

Disossate bene il pollo, privatelo della pelle e tagliatelo a tocchi; Mettetelo in una terrina , unite il vino bianco, il succo del limone, un po’ d’olio evo ed una manciata abbondante del trito di erbe aromatiche; mischiate bene, coprite con la pellicola  e lasciate insaporire in frigo per almeno 1 ora.

image

Sbucciate e tagliate a tocchetti le patate e cuocetele nella vaporiera  per 5 minuti

image

Trascorso questo tempo sistemate le patate nella teglia unta d’olio , insaporite con il composto di erbe aromatiche e formaggio e cuocete in forno caldo per almeno 20 minuti a 200*

image

Trascorsi i 20 minuti, prendete la teglia dal forno e unitevi il pollo con la sua marinata

imagemischiate con cura, e mettete sotto il grill alla massima potenza ancora per 15 minuti

image

Potete fare questo piatto anche con carne alla griglia avanzata di qualsiasi tipo, l’ unica cosa è l’impiego del vino bianco che servirà a non far diventare la carne troppo stopposa.

Le patate sabbiose, suggerite dalla mia amica Anna Moroni, sono squisite servite da sole come contorno a piatti di carne o pesce,; per il pesce il trito perfetto è aglio, prezzemolo e buccia di limone, pane grattugiato a volontà…ed il piatto è servito!!!

Buon appetito

Viaggi e cucina….stessa passione!

imageCome ho evidenziato nel titolo, i viaggi e la cucina sono tra le mie più grandi passioni ( non le sole, come ormai saprete……..io vivo di passioni!)image

Prima di andare con la solita ricettina vi presenterò ancora qualcuna delle foto del viaggio dove ho ripreso le persone nella loro quotidianità, infatti uno degli aspetti che più mi affascina è senz’altro quello antropologico.

image

La bellissima venditrice di fiori e di…..pace è senz’altro una delle mie preferite: elargisce benedizioni ai visitatori del tempio mentre offre per la ” minima” spesa di ” one dollar” la ghirlanda di fiori da offrire alla divinità

image

Ecco lo street/food modello India: mentre l’operoso marito prepara le polpettine di riso che venderà per ” one dollar”ai frettolosi avventori, la moglie, con indiana pazienza, attende i compratori per vendere l’erba da dare alla sacra mucca; con questa sua azione, dice la tradizione, si faranno stare bene ed in pace 3 individui: la mucca che mangia, la venditrice che vende e chi acquista che regalerà  felicità agli altri due………e, indovinate un po’, il tutto per la modica cifra di ” one dollar ” a mazzo d’erba!

image

Con l’immagine di questo Santone indiano in meditazione, passo ad un argomento più prosaico: la ricetta di oggi, e, per non essere offensiva nei riguardi degli indiani che non mangiano carne di mucca, vi propongo una velocissima salsa alla provenzale da servire di preferenza con il pesce!

SALSA PROVENZALE

  • 1 uovo
  • 230 gr di olio di arachidi
  • 1/2 limone spremuto
  • 1 cucchiaino di senape
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • prezzemolo
  • 1 manciata di capperi dissalati
  • 2 filetti di acciuga dissalati

ESECUZIONE

Nel bicchiere del mixer, raccogliete tutti gli ingredienti della maionese compreso l’olio;

iniziate a frullare ed incorporate anche tutti gli altri ingredienti sino a quando otterrete una salsa densa e cremosa.image

In questo modo la maionese monta sempre, l’unica accortezza che dovete osservare è di usare ingredienti ed utensili possibilmente freddi di frigo.

Ho utilizzato la salsa con cuori di nasello cotti al vapore ,ma si adatta benissimo anche con verdure lesse o, addirittura, carni bollite.image

Buon Appetito