Dentice parte seconda

imageDove c’eravamo lasciati? Già, avevo detto che con la carcassa e gli avanzi del super pesce avrei preparato qualcosa di speciale. Con davvero molto piacere ho notato che parecchi di voi mi hanno dato dei suggerimenti molto interessanti che sicuramente sfrutterò in un’ altra occasione.

Questa volta ho voluto provare una pasta fredda, piatto unico adatto al caldo infernale di questi giorni, che sprigioni al massimo tutti i sapori mediterranei. Avevo in congelatore dell’ ottima pasta fresca pugliese “i maritati” e dall’ incontro con il dentice guardate un po’ che é uscito fuori.

MARITATI AL DENTI..CE

  • 500 gr di pasta fresca tipo maritati
  • polpa di dentice precedentemente cotto
  • 1 spicchio d’ aglio
  • 1/2 peperoncino piccante
  • olio evo
  • pinoli
  • 50 gr di cacioricotta
  • olive taggiasche denocciolate
  • capperi dissalati
  • Basilico
  • 4 pomodori sodi e maturi
  • 1 cipollina di Tropea fresca

ESECUZIONE

Per prima cosa, come mi ha suggerito Emanuela, ho preparato con la carcassa del dentice un fumetto di pesce che ho utilizzato in parte per cuocere la pasta ed in parte l’ho congelato per il prossimo piatto. Come odori ho aggiunto 1 cipolla rossa, un pomodoro, un mazzetto di prezzemolo, uno spicchio d’aglio ed un cucchiaio di cognac piccolo “segreto” che mi confido’ anni fà Jean, chef di un noto ristorante di Cannes.

Ho fatto sobbollire per una mezz’ora il fumetto quindi ho passato con un colino a trama sottile, ho aggiustato di sale (poco, mi raccomando) ed ho gettato la pasta facendo cuocere per pochi minuti trattandosi di pasta fresca. Nel frattempo ho messo in una padella un cucchiaio d’ olio evo, uno spicchio d’ aglio, 1/2 peperoncino ed ho fatto un po’ insaporire.

image

Ho spezzettato la polpa del dentice avanzata e l’ho aggiunta al soffritto facendo andare tutto insieme per pochissimi minuti. In un pentolino ho messo olio evo ed una manciata di pinoli, appena l’olio ha iniziato a prendere calore, ho spento il fuoco ed ho aggiunto abbondanti foglie di basilico.

image

Quando la pasta ha raggiunto il giusto punto di cottura, l’ho scolata e condita con l’olio al basilico e pinoli ed una sostanziosa grattugiata di cacio ricotta.

image

Ho messo la pasta così condita nella padella con il pesce, ho aggiunto tutti gli altri ingredienti: i pomodori a rondelle, le olive, i capperi ed ho condito molto bene.

image

Ho aggiunto altro basilico ed ho terminato il piatto con una dolcissima cipollina di Tropea croccante tagliata a rondelle sottili.

image

Questo piatto è piaciuto molto, credo che lo proporrò anche con frutti di mare appena scottati.

image

Non fatevi spaventare dall’uso del formaggio, proprio mio marito che all’ inizio mi ha detto “questa non l’hai indovinata!” alla fine ha dovuto ammettere che e stata proprio la carta vincente.

Buon Appetito!

Annunci

……E se avanza?

La gente della mia generazione, e’ nata e vissuta con il solito ritornello: non BISOGNA sprecare nulla!!!

Rispettando questo sano principio delle mie nonne, ho voluto riutilizzare la polenta avanzata ieri, confezionando un piatto dei ricordi, ricco e sostanzioso, ma assai  ” coccoloso” ed adattissimo ad essere mangiato tutti insieme attorno al camino acceso,cosa che, in questi giorni tempestosi, fa un gran bene al cuore!image

IL PIATTO DEL RICORDO…OVVERO POLENTA RIFATTA ALLA MODA DELLE NONNE

  • 250 gr di polenta pronta
  • 1 cipolla ramata grande
  • 2 cucchiai di olio ai pinoli
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 uovo a persona
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 foglia d’alloro
  • sale, pepe

ESECUZIONE

Tagliate molto finemente la cipolla e mettetela a stufare con un cucchiaio di olio ( o una noce di burro) salate e pepate leggermente quindi bagnate con il vino, unite la foglia di alloro ,mettete il coperchio e fate cuocere per circa 30 minuti a fuoco basso sino a quando la cipolla sarà quasi sfatta ( se volete rendere il tutto più cremoso, unite anche 1/2 cucchiaino di farina alla cipolla mentre rosola)

image

Quando sarà pronto,levate l’alloro, mettete tutto nel bicchiere del mixer e frullate .

Mettete da parte la salsa ottenuta.

image

Prendete la polenta avanzata, tagliatela a dadini e fatela tostare nella padella dove avete cotto la cipolla aiutandovi anche con un po’ di olio ai pinoli, aggiungendo un rametto di rosmarino.

image

Levate la polenta ed iniziate a comporre : mettete sul piatto uno specchio di salsa di cipolle, quindi continuate con la polenta ben arrostita e terminate con un uovo all’ occhio di bue…….se vi volete un gran bene ,concludete ancora con un cucchiaio di salsa di cipolle.

image

E’ davvero un’entusiasmante scoppio di sapori……un corposissimo piatto unico rustico e montanaro,panacea per l’anima!!!!

Insomma lo definirei piatto conviviale, dell’amicizia.

Però, se volete offrire questa assoluta prelibatezza ad ospiti raffinati,potete mettere la polenta nelle cocottine, fare con un cucchiaio un foro centrale, mettere un tuorlo crudo,un pizzico di sale e pepe ,richiudere con un disco di polenta spolverizzato di parmigiano ed un fiocchetto di burro. tenetelo in forno per circa 7-8 minuti a grigliate, nappate con la salsa o, se preferite servitela  a parte  ……..

BUON APPETITO!!!