La salute vien mangiando:orecchiette a modo mio

IMG_2609

Abbiamo trascorso alcuni anni della nostra vita in Puglia dove la cucina è davvero un’esplosione di bontà

img_0937

Per mia immensa fortuna ho ancora, in quella meravigliosa terra, molti amici i quali spesso mi inviano prodotti della loro regione freschissimi e di ottima qualità

image

E’ ciò che è capitato venerdì scorso allora ho approfittato di tanta cuccagna ed ho preparato un piatto che per i suoi ingredienti che si possono definire terapeutici, è sicuramente una bomba di salute.

image

Sono arrivate le orecchiette preparate con grano duro pugliese confezionate a mano da Beatrice stessa, delle cime di rapa dell’orto di Corato e vero olio pugliese che ogni anno mi arriva da Trani e per concludere un ideale giro d’Italia della salute ho una fantastica robiola di Roccaverano arrivata dalle Langhe.

image

A questi ingredienti ho aggiunto dell’ottimo aglio di Vessalico dolce e gentilmente aromatico, che aiuta ad equilibrare la pressione sanguigna, dei pinoli pisani che con i loro preziosi olii essenziali combattono i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento, fatto da non sottovalutare e poi le mie adorate noci di Sorrento che non mi faccio mai mancare in quanto ottimi elementi per contrastare il colesterolo

IMG_4377

Dopo tanti preamboli ecco la semplicissima ed economica ricetta delle mie orecchiette !

ORECCHIETTE A MODO MIO

  • 500 gr di orecchiette fresche
  • 500 gr di cime di rapa
  • 2 spicchi d’aglio
  • pinoli
  • 3 noci
  • 2 cucchiai di curcuma
  • 250 gr di robiola di Roccaverano
  • peperoncino (facoltativo)
  • pepe nero
  • olio evo pugliese

ESECUZIONE

Lavate e mondate le cime di rapa separando i gambi dalle foglie e lessateli separatamente; quando i gambi saranno pronti, passateli al passaverdura.

img_5560

Mettete in padella l’aglio ed il peperoncino e, appena si sarà scaldato, unite la purea di gambi di cime di rapa ed i pinoli

img_5561

fate un po’ asciugare la salsa

IMG_5562

Appena avrà raggiunto la giusta consistenza

IMG_5563

iniziate la cottura delle orecchiette dopo aver messo nell’acqua 2 cucchiai di curcuma e ovviamente il sale necessario

img_5565

Aggiungete la robiola alla salsa

img_5564

e scioglietela con l’aiuto di un po’ d’acqua di cottura; terminate la cottura delle orecchiette in padella

img_5566

Condite molto bene sino a completa cottura

img_5567

Servite con gherigli di noce ed una spolverata di pepe nero che unito alla curcuma e’ un toccasana per la salute

img_5568

Utilizzate le cime di rapa ripassate in padella con olio aglio e succo di limone ed avrete un pasto più che completo

Buon Appetito

Annunci

Orecchiette cremose

img_3151

Nel periodo in cui siamo stati in Puglia ho imparato ad apprezzare moltissimo la cucina locale.

Si tratta davvero di un tripudio di bontà, carne e pesce superlativi, verdure magistrali preparate in mille modi sani e veloci  ma i primi sono davvero il loro fiore all’occhiello.

Tra questi le orecchiette sono il must come bontà e anche come tradizione, infatti vedere le massaie impegnate nella loro preparazione sull’uscio di casa con gesti antichi e velocissimi mentre chiacchierano del più e del meno è certamente una cosa che fa bene al cuore.

Queste signore vendono ai passanti , soprattutto turisti, il loro prodotto i quali, una volta provate queste bontà, non riescono più a farne a meno.

Anch’io sono schiava di questa dipendenza e spesso cucino le orecchiette, magari rinventandole a modo mio.

Proprio le orecchiette sono le protagoniste della ricetta di oggi

ORECCHIETTE  CREMOSE

  • 400 gr di orecchiette fresche
  • 300 gr di cime di rapa
  • 40 gr di noci
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo
  • 250 gr di ricotta di pecora
  • 50 gr di pecorino romano
  • sale pepe
  • peperoncino

Mondate e lavate perfettamente  le cime di rapa dividendo i gambi dalle foglie: scottate i primi per qualche minuto a parte in pentola a pressione e mettete le altre tagliate a filetti nella pentola dove cuocerete la pasta mettendola sul fuoco.

In padella, dove sarà possibile saltare la pasta, soffriggete lo spicchio d’aglio con il peperoncino e toglieteli entrambi appena avranno preso colore.

Passate al passaverdure i gambi di cime di rapa e mettete la polpa ottenuta in padella con l’olio aromatizzato all’aglio

Quando l’acqua della pasta inizierà il bollore, salatela e gettate le orecchiette .

Mentre cuociono, setacciate la ricotta ed amalgamatela con il pecorino e conditela con sale, pepe ed un cucchiaio di olio evo

Scolate la pasta e mettetela nella padella, unite la ricotta e ripassate velocemente aggiungendo poca acqua di cottura

img_3150

Sgusciate le noci

img_3165

ed unitele alla pasta come decorazione del piatto

img_3152

Buon Appetito

 

Orecchiette che passione

img_2134

Le orecchiette sono un tipo di pasta che in casa nostra è apprezzato da tutti

Si sa, il top sono le orecchiette alle cime di rapa o, nella stagione calda, alla crudaiola con polpa di pomodoro fresco insaporita dal caldo sole di Puglia

Oggi però, controllando il frigo, mi sono resa conto di non avere gli ingredienti tradizionali delle orecchiette, allora ho abbinato la tradizione di due regioni ed ho preparato le orecchiette con cavolo romanesco ed il risultato, devo dire, ci ha soddisfatto

ORECCHIETTE CON CAVOLO ROMANESCO

  • 250 gr di orecchiette fresche
  • 1 cavolo romanesco
  • 50 gr di pinoli
  • 2 spicchi d’aglio
  • 4 filetti di acciughe sotto sale
  • olio evo
  • peperoncino
  • sale qb
  • pepe
  • pecorino romano grattugiato

ESECUZIONE

Tagliate a cimette il cavolo e lavatelo perfettamente

img_2056

mettetelo nella pentola dove cuocerete le orecchiette e portate a bollore

img_2115

Nel frattempo in una padella dove salterete la pasta, fate soffriggere con l’olio evo, l’aglio, i pinoli ed il peperoncino

img_2116

Appena questi ingredienti saranno soffritti, spegnete il fuoco ed aggiungete i filetti di acciughe cercando di frantumarli con un cucchiaio di legno

img_2117

Quando l’acqua con il cavolo avrà raggiunto il bollore, buttare le orecchiette e fate cuocere per il tempo suggerito dalla confezione

img_2118

Quasi a fine cottura della pasta, iniziate a scolare il cavolo ed a farlo insaporire con il soffritto

img_2119

Quindi , a cottura ultimata, passate in padella le orecchiette con i cavoli rimasti ed insaporite bene tutti gli ingredienti

img_2120

Servite le orecchiette cosparse di abbondante pecorino grattugiato

Buon Appetito

 

La pasta che passione

image

Alzi la mano chi tra noi non ha mai “inventato” un condimento segreto per un piatto di spaghetti? Si, noi italiani per gusto ed inventiva in cucina come in altri settori, non abbiamo rivali. La pasta è certamente il piatto che ci rappresenta perfettamente. Da Nord a Sud passando dalle isole, troviamo varietà di pasta lunga, corta, fresca, secca, ripiena o quant’altro che é il simbolo della nostra anima italiana! Al Sud si abbonda con pomodoro fresco, delizie dell’orto che si sposano perfettamente con paste fresche tipiche. Nelle isole il pesce regna sovrano ed anche in questo caso il matrimonio di vero amore genera piatti di inenarrabile bontà. Il Nord presenta piatti più complessi ed elaborati poiché il clima meno favorevole porta alla necessità di assumere più calorie. Con la globalizzazione ovviamente non esiste più la territorialità e si può gustare un eccellente pasta al pesto in Sicilia come un sugo alla norma in Liguria. Il  piatto tipico con gli ingredienti del territorio racchiude in se stesso un gusto antico di amore e sapienza che forse oggi è andato un po’ perduto ma custodiamo sempre nel nostro cuore.

Questa  premessa serve solo ad introdurre un piatto di meravigliose orecchiette (ultima pescata nel pozzo di S. Patrizio ovvero il congelatore, per ciò che riguarda la pasta) con zucchine e cozze che negli anni trascorsi in Puglia erano spesso la nostra cena in giardino con gli amici.

ORECCHIETTE ZUCCHINE E COZZE

  • 300 gr di orecchiette
  • 1kg di cozze freshe
  • 350 gr di zucchine
  • 1 cipolla
  • 1 scalogno
  • Basilico
  • prezzemolo
  • olio evo
  • sale pepe

ESECUZIONE

Pulite benissimo le cozze, lavatele sotto l’ acqua corrente molto bene quindi mettetele in un largo tegame, incoperchiate e fatele aprire a fiamma viva (ci vorranno circa 5 minuti).

image

Gettate le cozze che saranno rimaste chiuse e sgusciate le altre, eccetto alcune che userete per decorare il piatto.

image

Filtrate molto bene il liquido di cottura e tenetelo da parte.

image

Lavate le zucchine e tagliatele con la mandolina a rondelle sottilissime; pulite il basilico ed il prezzemolo e tritateli insieme.

image

Affettate finemente la cipolla e lo scalogno dopo averli puliti e metteteli con l’olio  in padella dove potrete saltare la pasta; fateli appassire a fiamma bassa, quindi aggiungete le zucchine ed insaporite per pochi minuti.

image

Versate il liquido delle cozze che avete precedentemente filtrato e cuocete ancora per pochi minuti. Unite le cozze sgusciate, il trito di erbe e mescolate bene per amalgamare tutti gli ingredienti. Cuocete al dente le orecchiette, scolatele nella padella con il sugo , aggiungete ancora basilico e prezzemolo tritati , unite le cozze intere e servite immediatamente!

image

É sempre buona norma con  i sughi di pesce saltare la pasta in padella per terminarne la cottura, il piatto risulterà più saporito. Non siate troppo puntigliosi nel voler scolare perfettamente la pasta: la morbidezza che si otterrà lasciando un minimo quantitativo d’acqua salata renderà il piatto più appetibile!

Buon Appetito

 

C’è posta per te!

Orecchiette alle cime di rapa

Orecchiette alle cime di rapa

Questo e’ ciò che mi ha detto il corriere porgendomi un voluminoso pacco proveniente da Trani, favolosa località pugliese nella quale abbiamo abitato per 3 anni all’ inizio del 2000.

Il pacco era, ovviamente, accompagnato da un biglietto e,guardando la grafia dell’ indirizzo, ho capito subito chi era la persona a mandarci il regalo.

Si tratta di Rosa, la splendida Rosa che ho conosciuto nel periodo di Trani e che, oltre alla sua amicizia preziosa, in seguito, non mi ha mai fatto mancare le sue premure e i suoi succulenti regali!

Il testo del biglietto dice così :…….. Ed al resto pensaci tu!!!!!!!!

Con incontenibile curiosità ho aperto subito ed ed ho trovato le favolose orecchiette fatte da nonna Cosima e le cime di rapa del loro orto!!!!

Il " dono" di Rosa

Il ” dono” di Rosa

Troppa grazia!!!! Al settimo cielo mi sono messa subito all’ opera ed ho preparato le orecchiette alle cime di rapa con la più tradizionale delle ricette,quella di Rosa!

Vorrei però fare una piccola nota per Rosa: la prossima volta, non dimenticare di aggiungere il cacioricotta, ho dovuto supplire con il pecorino……lo so,per te e’ un sacrilegio, ma e’ tutto ciò che ho potuto fare!!!!!🍅

LE ORECCHIETTE DI ROSA

ovvero: ORECCHIETTE ALLE CIME DI RAPA TRADIZIONALI

  • 400 gr di orecchiette fresche
  • 1 kg di rape di Fasano ( se proprio non le avete,vanno bene quelle del supermercato)
  • 3 acciughe salate
  • 2 spicchi d’ aglio
  • peperoncino
  • olio evo pugliese
  • cacioricotta ( in mancanza va bene la ricotta al forno oppure il pecorino)

ESECUZIONE

Lavare bene le cime di rapa e metterle a cuocere in molta acqua salata.

A parte in una padella far prendere leggermente colore all’ aglio ed al peperoncino.

Soffritto per orecchiette alle cime di rapa

Soffritto per orecchiette alle cime di rapa

A fuoco spento aggiungere la acciughe cercando di spappolarle con una forchetta.

Soffritto con acciuga

Soffritto con acciuga

unire alle cime di rapa in cottura le orecchiette, far cuocere per circa 2-3 minuti e passare il tutto in padella, finendo la cottura .

Inizio di cottura delle orecchiette

Inizio di cottura delle orecchiette

Saranno pronte quando si sarà assorbita tutta l’acqua

 

 

Fine cottura delle orecchiette

Fine cottura delle orecchiette

Cospargere abbondantemente con cacioricotta e servite.

È un eccellente piatto unico, buono e salutare,in più, per i ” sempre a dieta” si può anche condire semplicemente con olio crudo, peperoncino ed uno spicchio d’aglio passato sulla padella a freddo,non e’ proprio la stessa cosa, ma e’ assolutamente dietetico!!!!

Buon Appetito!

Puglia: terra di grandi sapori

Orecchiette alla CRUDAIOLA

Orecchiette alla CRUDAIOLA

Nel nostro peregrinare per le regioni italiane, abbiamo trascorso 2 anni in Puglia .

Come vi ho già detto a proposito dei tubi e cozze, di questa regione ho apprezzato tra le molteplici altre cose, anche la cucina, che trovo ricca di sapori ma molto semplice e contadina,proprio come piace a me!

In questi ultimi sprazzi di caldo, vorrei presentarvi la versione estiva delle orecchiette, ricetta velocissima e gustosissima da provare in attesa delle più famose ” orecchiette alle cime di rape ” .

ORECCHIETTE ALLA CRUDAIOLA

  • 250 gr di orecchiette fresche
  • 500 gr di pomodori datterini o pachino
  • 1 scalogno
  • peperoncino
  • olio
  • sale
  • 50 gr di cacio ricotta

ESECUZIONE

In padella dove potrete saltare la pasta, fate soffriggere delicatamente lo scalogno ed un po’ di peperoncino con olio evo.

Appena sarà leggermente appassito, unite i pomodorini tagliati a metà .

image

Fate cuocere per circa 5 minuti ed aggiustate di sale.

image

in un piatto di servizio mettete 3 cucchiai di olio evo di ottima qualità ed il cacio ricotta grattugiato e fate una crema.

Quando le orecchiette saranno cotte,fatele passare velocemente in padella, quindi conditele nel piatto dove avete fatto la crema al formaggio

image

Rigirate molto bene il tutto e prima di servire spezzettate con le mani abbondanti foglie di basilico fresco!!!!

image

E’ un piatto velocissimo, si fa nel tempo in cui cuoce la pasta.

In questo modo sono ottime anche le penne e, se non trovate il cacio ricotta che e’ un prodotto tipico pugliese,potete usare senza modificare la sostanza del piatto,la ricotta al forno siciliana oppure più agevolmente il pecorino romano.

Con la ricetta della semplicità, auguro a tutti buon appetito.