È nuovamente lunedì!!!

imageDicono che quando si va in pensione il tempo non passi mai.

Forse sarà vero, ma, per quel che mi riguarda, da quando ho raggiunto un’età nella quale ho deciso di dedicarmi a fare ciò che mi piace, ho la sensazione che mi abbiano derubata del tempo!

image

Non riesco mai a fare tutto che vorrei e questo fatto, a volte, mi fa sentire un po’ incapace.image

Ora, con la bella stagione, anche il micro/giardino di casa mi tiene occupata ed il tempo per la cucina diventa sempre insufficiente.image

Su una cosa, però, non voglio mai transigere in cucina,  ed è l’originalità:  sempre rispettare la  tradizione, ma mai preparare pranzi monotoni e fatti con superficialità, così, tanto per fare.image

Per far coincidere questi due aspetti spesso ricorro a piatti che posso preparare in anticipo magari con l’ausilio del forno così anche il dopo pranzo sarà più sbrigativo.image

Oggi ho preparato uno dei più tradizionali piatti francesi che, con una ghiotta insalatina mista di campo, è stato un perfetto inizio per i pasti in veranda!

image

QUICHE LORRAINE

  • 1 rotolo di pasta sfoglia ( o pasta brisèe)
  • 5 uova
  • 250 gr di panna fresca
  • 100 gr di bacon
  • 100 gr di formaggi grattugiati
  • sale, pepe

ESECUZIONE

Mettete la pasta sfoglia nella teglia, bucherellate la superficie con una forchetta e fategli fare una precottura a 180* per 10 minuti.image

rosolate il bacon sino a renderlo croccante e mettetelo sulla sfoglia ormai cotta

image

Battete le uova con i formaggi, un pizzico di sale, un po’ di pepe e la panna

image

sino ad avere un composto ben omogeneo

image

Farcite con questo composto la pasta sfoglia

image

Infornate e cuocete in forno precedentemente scaldato a 180* per circa 20 minuti

image

La quiche deve avere un colore dorato, se la cottura dovesse prolungarsi tenderebbe a diventare troppo scura, per evitare che ciò avvenga, copritela dutante la cottura con un foglio di carta stagnola

image

Servite la torta ancora tiepida ma non calda per evitare che la sfoglia si frantumi

image

Ho utilizzato la sfoglia perché l’avevo pronta in frigo, ma, se avete tempo vi consiglio di fare una brisèe casalinga come dice la vera ricetta francese, è sicuramente migliore!

Buon Appetito

Domenica è sempre domenica

imageSono nata negli anni del boom economico, quando la gente aveva una voglia matta di felicità e leggerezza e credeva che il tutto fosse nel poco.

Le piccole conquiste quotidiane, come mettere tutti i giorni qualcosa a tavola per i propri cari, erano la scommessa che dava un senso alla vita, da quel momento in poi, non poteva che esserci la  discesa……..insomma c’era fiducia nel futuro.image

Di questo periodo di gioia genuina una delle cose che mi sono rimaste più nel cuore, sono le domeniche invernali quando, già la mattina, la casa si riempiva del rassicurante profumo dei cibi che avrebbero costituito il pasto domenicale …..o meglio, del “sacro” pasto domenicale!image

Si, perché tutto era codificato secondo una regola che non poteva cambiare: la giornata iniziava con la colazione dove tutti insieme gustavamo le novità gastronomiche del momento: il pan de paris,una sorta di enormi fette biscottate sulle quali veniva spalmata la deliziosa marmellata di more della nonna, poi la mia tata Anna mi portava alla Messa mentre in casa iniziava il fermento per la preparazione del pranzo che raramente cambiava . A farla da padrone era la pasta fresca fatta in casa, solitamente tajarin, con ragù tradizionale o di coniglio .

Oggi, domenica, cullandomi in questi ricordi che mi fanno sempre bene al cuore, ho deciso di fare i tajarin ma cambiando il sugo e, come solitamente faccio, ho aperto il frigo e guardate che è venuto fuori………….

TAJARIN SALSICCIA E FUNGHI

  • 300 gr di tagliatelle fresche
  • 1 fungo porcino
  • 2 salsicce toscane
  • 50 gr di prosciutto crudo
  • 2 pomodori maturi
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo e nepitella tritati
  • 250 cl di panna fresca da cucina

ESECUZIONEimage

Per prima cosa preparate la pasta con 300 gr di farina di grano duro  e 3uova, un pizzico di sale ed 1 cucchiaio di olio evo.

image

In una capiente padella mettete la polpa di salsiccia ben amalgamata con lo spicchio d’aglio spremuto: per fare questa operazione, bagnatevi le mani con olio d’oliva così eviterete di aggiungerne in cottura, e fate ben soffriggere la salsiccia.image

Levate e tenete da parte.image

Pulite e mondate il fungo , se, come e’ successo a me avete i funghi congelati, fate l’operazione quando e’ ancora ghiacciato.

Tagliatelo a tocchetti e fate cuocere per pochi minuti con olio evo ed a fiamma vivace

image

Unite un po’ di vino bianco e fate sfumare, salate e pepate.

Aggiungete i pomodori tagliati a cubetti

image

Quindi tagliate con il cutter elettrico il prosciutto

image

Unitelo alla salsiccia e mettete tutto nella padella con i funghi.

Fate scaldare , aggiungete la panna facendo insaporire e, quando sarà cotta, saltate la pasta nel condimento e spolverate con le erbe tritate

image

Condite bene in padella

image

E servite immediatamente senza aggiungere parmigiano……ma se lo volete nessuno ve lo impedirà!!!!!!!image

Buon Appetito

La soluzione e’ sempre pronta

Quiche appena sfornata

Quiche appena sfornata

Per me la soluzione sempre pronta e ‘ nelle torte salate .

Si possono fare in miliardi di modi ed e’ davvero difficile che non soddisfino i commensali.

In casa mia hanno risolto molte situazioni : dalla volta che gli amici si sono fermati dopo la partita a carte ,ad un rientro improvviso senza aver fatto la spesa .

Abitualmente preparo in abbondanza la pasta brisè e la congelo ma ,qui al mare ,la compro già confezionata , stesa e con la carta forno già incorporata .

Cosi e’ proprio un gioco da ragazzi ,che volete di più ?!?!?

A seconda delle stagioni ,cambio la farcitura ,partendo dall’ottima ,ma un po’ complicata , torta Pasqualina ,alle semplicissime quiche francesi ,per non parlare quando anziché la brisè , uso la pasta della pizza e faccio una focaccia farcita insomma,in questo caso  è davvero un divertimento per chi ,come me ,ama cucinare

Ieri ho fatto la solita ” operazione apertura frigo ” ed ho fatto una …..

QUICHE DE ‘NOALTRI

  • 1 mazzetto di bietoline
  • 3 uova
  • 100 gr di panna da cucina
  • 1 scalogno
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 50 gr di speck tagliato a fettine sottili
  • sale ,pepe ,un pizzico di noce moscata
  • 1 rotolo di pasta brisè già steso

ESECUZIONE

Lavate molto bene le bietoline e fatele lessare per pochi minuti in acqua bollente salata.

Quando saranno cotte ,scolatele,strizzate le bene e tritatele.

In una padella mettete a soffriggere un po’ lo scalogno tritato ( o la cipolla o l’aglio ,come preferite ) e,quando sarà appassito unite le bietole e lasciate insaporire.salate leggermente.

A parte battete le uova con la panna ,il pepe ed un pizzico di noce moscata .

accendete il forno a 200*

Srotolate la pasta brisè e mettetele in una teglia tonda facendo in modo che i bordi superino la circonferenza della teglia, lasciando sotto la carta forno.

Quiche in preparazione

Quiche in preparazione

Bucherellate la pasta con una forchetta e mettete sopra le bietole ,aggiungete il composto di uova e panna ,richiudete i bordi all’ interno e rifinite con le fettine di speck.

Quiche pronta per essere infornata

Quiche pronta per essere infornata

Infornate e cuocete per 40 minuti .

questa farcitura e’ proprio da : “quel che trovo metto “,ma è molto buona anche con gorgonzola ,pere e noci ,oppure con zucchine trifolate ,taleggio e würstel ……insomma ,spazio alla fantasia e andiamo di torte salate !!!!

Pronto in tavola !

Pronto in tavola !

Buon appetito a tutti !