La patisserie

Nei nostri sogni di bambini, c’è sicuramente il cabaret  o guantiera a seconda della nostra provenienza regionale, di paste della domenica

La domenica mattina degli anni ’60 era molto simile in ogni parte d’Italia : la mamma iniziava la mattina molto presto a preparare il pranzo domenicale, quindi tutti insieme alla Messa delle 11 e prima del rientro a casa, la tappa nella pasticceria di quartiere, era obbligatoria !

img_0605

Tra le meraviglie racchiuse nel cartoccio che papà portava con tanta attenzione affinché le prelibate creme e panna non si mischiassero,  spiccavano le millefoglie che io apprezzavo ed apprezzo davvero molto

Oggi siamo più propensi a prepararci tutto in casa sia perché le abitudini sono notevolmente cambiate ed anche perché non sempre i prodotti che si trovano in commercio nelle grandi catene hanno lo stesso sapore che avevano quelli della nostra infanzia.

In più è davvero confortante  lo scoprire che con l’aiuto di una pasta sfoglia di ottima qualità già confezionata , possiamo preparare in casa delle pastine millefoglie che nulla hanno da invidiare all’alta pasticceria

MILLEFOGLIE CHANTILLY

  • 1 rotolo di pasta sfoglia stesa rettangolare
  • 75 gr di zucchero a velo
  • 500 gr di crema chantilly

ESECUZIONE

Tagliate a metà la pasta sfoglia, mettete i 2 rettangoli di pasta sulla placca del forno ricoperta da carta forno e bucherellatela con una forchetta per evitare che in cottura si alzi troppo  fate cuocere a 160°sino a quando inizierà a dorare

IMG_3111

Rimettete la sfoglia in forno dopo aver cosparso la superficie di zucchero a velo

IMG_3153

e cuocete sino a quando si saranno caramellati ( un po’ meno di quanto abbia fatto io!)

IMG_3154

Mischiate la crema pasticciera fatta secondo la vostra ricetta preferita  con 1\2 L di latte ( io ho fatto la crema bimby) con 250 gr di panna montata

IMG_3108

e mischiate molto bene facendo attenzione a non far smontare la panna

IMG_3110

Mettete in un sac a poche la chantilly aiutandovi con un bicchiere

IMG_3155

chiudetelo bene e tagliatelo all’estremità

IMG_3156

con la crema ottenuta ricoprite un rettangolo di pasta sfoglia

IMG_3157

mettete sopra l’altro rettangolo di pastaIMG_3116

cospargete abbondantemente con zucchero a velo

IMG_3117

cercate di livellare la crema meglio che potete

IMG_3159

con l’aiuto di un coltello seghettato perfettamente affilato, tagliate la torta a quadri

IMG_3160

e servitelo come dessert del pranzo domenicale oppure, cosa più consona ai nostri tempi, gustatevelo quando avete voglia di coccole

img_3126

Buona Appetito

IMG_3189

Saccottini express


imageÈ uno di quei giorni in cui…no, non mi prende la malinconia ma mi assale la voglia di far niente perché proprio io il caldo non lo sopporto!

image

Allora cosa c’è di meglio in questo caso che accendere il forno e preparare i saccottini  espressi che piacciono tanto ad Agata?

image

No, il caldo non mi ha colpito sino a questo punto, il fornetto in giardino mi permette di non far diventare la cucina un forno crematorio e la velocità di esecuzione dei saccottini mi convince che in fondo la contentezza di mia nipote vale bene una sauna.

image

La ricetta l’ho trovata gironzolando nell’web, con un rotolo di pasta sfoglia, un po’ di crema alla nocciola o marmellata del gusto preferito si risolve il problema merenda.

image

SACCOTTINI EXPRESS

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 6 cucchiaini di crema di nocciole o marmellata
  • un po’ di latte
  • zucchero a velo

ESECUZIONE

Aprite il rotolo di pasta sfoglia e dividetelo con un coltello affilato in 6 rettangoli

image

Mettete all’estremità superiore di ogni triangolo un cucchiaino di crema di nocciole

image

Incidete con un coltello affilato la parte della sfoglia senza nutella con 3 tagli

image

Inumidite, aiutandovi con un pennello, i bordi di ogni rettangolino e richiudete su se stessi facendo un po’ pressione sui bordi per sigillare bene.

image

Cuocete a forno caldo a 180* per 35 minuti

Quando saranno pronti fateli freddare e spolverateli con un po’ di zucchero a velo prima di servire

image

Sono squisiti, ancora tiepidi, serviti con 2 palline di gelato alla vaniglia: il gelato li rende più estivi.

Buon caldo afoso pomeriggio a tutti

È nuovamente lunedì!!!

imageDicono che quando si va in pensione il tempo non passi mai.

Forse sarà vero, ma, per quel che mi riguarda, da quando ho raggiunto un’età nella quale ho deciso di dedicarmi a fare ciò che mi piace, ho la sensazione che mi abbiano derubata del tempo!

image

Non riesco mai a fare tutto che vorrei e questo fatto, a volte, mi fa sentire un po’ incapace.image

Ora, con la bella stagione, anche il micro/giardino di casa mi tiene occupata ed il tempo per la cucina diventa sempre insufficiente.image

Su una cosa, però, non voglio mai transigere in cucina,  ed è l’originalità:  sempre rispettare la  tradizione, ma mai preparare pranzi monotoni e fatti con superficialità, così, tanto per fare.image

Per far coincidere questi due aspetti spesso ricorro a piatti che posso preparare in anticipo magari con l’ausilio del forno così anche il dopo pranzo sarà più sbrigativo.image

Oggi ho preparato uno dei più tradizionali piatti francesi che, con una ghiotta insalatina mista di campo, è stato un perfetto inizio per i pasti in veranda!

image

QUICHE LORRAINE

  • 1 rotolo di pasta sfoglia ( o pasta brisèe)
  • 5 uova
  • 250 gr di panna fresca
  • 100 gr di bacon
  • 100 gr di formaggi grattugiati
  • sale, pepe

ESECUZIONE

Mettete la pasta sfoglia nella teglia, bucherellate la superficie con una forchetta e fategli fare una precottura a 180* per 10 minuti.image

rosolate il bacon sino a renderlo croccante e mettetelo sulla sfoglia ormai cotta

image

Battete le uova con i formaggi, un pizzico di sale, un po’ di pepe e la panna

image

sino ad avere un composto ben omogeneo

image

Farcite con questo composto la pasta sfoglia

image

Infornate e cuocete in forno precedentemente scaldato a 180* per circa 20 minuti

image

La quiche deve avere un colore dorato, se la cottura dovesse prolungarsi tenderebbe a diventare troppo scura, per evitare che ciò avvenga, copritela dutante la cottura con un foglio di carta stagnola

image

Servite la torta ancora tiepida ma non calda per evitare che la sfoglia si frantumi

image

Ho utilizzato la sfoglia perché l’avevo pronta in frigo, ma, se avete tempo vi consiglio di fare una brisèe casalinga come dice la vera ricetta francese, è sicuramente migliore!

Buon Appetito

Douceur quotidiane

image“Doucer quotidienne” significa, in italiano, “dolcezze quotidiane” ed è la frase con la quale mi accoglieva Celine, la proprietaria di una     Boulangerie a Cannes dove andavo ogni mattina a prendere una sorta di piccolo strudel alle mele del quale , ancora oggi, il solo ricordo, mi fa ricordare tutta la sua bontà

Sfogliando uno tra le mie migliaia di giornali di cucina gelosamente conservati nei circa quarant’anni di matrimonio (ssssssstt! Non fate commenti altrimenti vi sente mio marito e fa un falò!), mi sono imbattuta in sfiziosi dolcetti alla mela che mi ricordavano moltissimo quelli di Celine e allora sul dolcissimo fil rouge dei ricordi ho confezionato queste ” rose alle mele” che, anche se non proprio uguali mi hanno procurato una grande soddisfazione!

ROSE ALLE MELE

  • 2 rotoli di pasta sfoglia
  • 3 mele
  • confettura di prugne
  • 1 limone
  • 1/2 bicchierino di rum aromatico
  • 1/2 cucchiaino di radice di zenzero grattugiata
  • 100 gr di zucchero di canna
  • zucchero a velo

Pulite le mele, levate il torsolo, tagliatele a metà e quindi ottenete delle fettine sottili.

Mettetele a macerare per circa 15 minuti con il limone spremuto, la buccia grattugiata, lo zenzero, il rum e lo zucchero.

image

Nel frattempo preparate i fogli di pasta sfoglia tirandoli un po’ con il mattarello e rendendoli rettangolari più che vi riesce.

A questo punto fate un caramello con il liquido di macerazione delle mele e, appena sarà pronto, aggiungete le fettine di mela e fate insaporire.image

Tagliate la pasta sfoglia a strisce di circa 5 cm di spessore e spennellate ogni striscia con la marmellata image

Adagiatevi le mele caramellate sovrapponendole leggermente, in modo che la parte convessa strabordi dalla striscia.image

Ripiegate la restante parte di striscia sulle mele ed arrotolate su se stesse partendo dalla estremità più stretta : formerete così la rosa.image

Rivestite la teglia con carta forno , adagiatevi le roselline, spolverizzate con zucchero ed infornate a 180* per 30 minuti ed ancora 5 minuti a 240*

servite tiepide dopo aver spolverizzato con zucchero a velo.

image

Se come a me vi avanza la sfoglia e non avete più mele, spalmatela abbondantemente di marmellata, unite un po di zucchero di canna e buccia di limone grattugiata, imagearrotolate a tagliate come fossero fettuccine.image

infornate a 180* per 15 minuti: ottime!

Buon Appetito

Vive la France !

imagePer molti anni i miei genitori hanno posseduto una casa in un’amena località nell’entroterra di Cannes : Mougins

Proprio durante quel periodo ho avuto modo di conoscere abbastanza bene la cucina francese e, con alcune riserve, ho imparato ad apprezzarla.

Sono sempre stata golosa delle loro torte salate, su tutte la quiche lorraine che gustavo con il classico aperitivo francese: il pastis.

La ricetta di oggi però, riguarda un’altra torta salata francese forse meno nota, ma ugualmente buona: la torta ai porri della Piccardia

La flamiche picard, o torta ai porri della Piccardia, è tipica del nord della Francia, della regione della Piccardia appunto, che si trova ai confini con il Belgio, per questo motivo si chiama flamiche cioè fiamminga.

La mia versione è comunque riveduta e corretta: l’ho resa un po’ italiana usando il gorgonzola e l’ho trasformata da semplice hors-d’oeuvre a piatto unico abbinandola ad una ricca insalata.image

FLAMICHE PICCARD DANS MON CHEMIN ( torta ai porri di Piccardia a modo mio)

  • 1/2 kg di porri solo la parte bianca
  • 1 tazza di besciamella
  • 100 gr di gorgonzola
  • 100gr di pancetta affumicata a dadini
  • 1 uovo
  • olio evo
  • 1 rotolo di pasta sfoglia

ESECUZIONE

pulite e lavate molto attentamente i porri, tagliate a rondelle la parte bianca e fatela stufare in padella con un cucchiaio di olio evo, se serve, unite uno spruzzo di vino bianco.image

Preparate la besciamella con una noce di burro e 1 cucchiaio di farina,sciogliete e,quando avrete ottenuto una cremina, aggiungete 250 gr di latte freddo tutto insieme, girate continuamente sino a quando avrà preso il bollore, aromatizzate con noce moscata , aggiustate di sale e, dopo aver tolto dal fuoco, unite il gorgonzola per farlo sciogliere.image

A parte fate tostare la pancetta imagee, quando sarà pronta, unitela ai porri; aggiungete la besciamella  ed unite fra loro gli ingredienti con l’uovo leggermente battuto.

Foderate la teglia con la carta forno e disponetevi sopra la pasta sfoglia bucherellata con la forchetta.image

Farcite con il composto dopo che lo avrete aggiustato con sale e pepe.image

Infornate a 180* per 40 minuti

Per motivi di praticità, ho preparato questa torta con la pasta sfoglia ma trovo che, avendo tempo, sia più opportuno preparare in casa una buona pasta brise’ , secondo me più adatta a questa preparazione.

Buon Appetitoimage

Dalla Liguria con amore!

image

E qui ci siamo arrivati, domani alle 5 treno per Milano e alle 12 decollo per il sogno!

Si, domani partiremo. Purtroppo non credo di poter comunicare con voi nel periodo di vacanza, però la promessa è che quando torno vi verrò a noia (come si dice in Toscana) e vi subisserò con i racconti del viaggio e ricette. Intanto per salutarvi non vi impegno troppo e vi propongo un dolce facile, veloce e delizioso: le sfogliatine alle mele.

SFOGLIATINE ALLE MELE

  • 2 rotoli di pasta sfoglia
  • 2 mele gold
  • marmellata di limoni (o un qualsiasi altro gusto)
  • zucchero di canna
  • un pizzico di cannella
  • un pizzico di zenzero
  • 1 bicchierino di maraschino
  • qualche goccia di limone
  • 1 tuorlo
  • zucchero a velo q.b.

ESECUZIONE

Sbucciate le mele, tagliatele a fettine molto sottili e mettetele a macerare con il maraschino, la cannella, lo zenzero, un po’di zucchero e qualche goccia di limone. Srotolate la pasta sfoglia e dividete ogni rettangolo in 4 pezzi.

image

Al centro di ognuno dei rettangoli ottenuti, mettete un po’ di zucchero di canna e le fettine di mele sgocciolate dal liquido e sovrapponetele leggermente.

image

A parte rendete fluida la marmellata facendola scaldare con il liquido nel quale avete fatto macerare le mele, quindi passatela ulteriormente al setaccio.

image

Aiutandovi con un pennello, spennellate abbondantemente le mele mentre la parte esterna della pasta la passerete con un tuorlo leggermente battuto con un po’ di zucchero.

image

Infornate in forno caldo a 180* per 15 minuti. Sfornate e quando saranno tiepide e cospargere con zucchero a velo.

Sono deliziose sia per la prima colazione che per uno spuntino veloce o un dopo cena coccoloso. Insomma un dolcetto per tutte le occasioni!

Prima di augurarvi il solito buon appetito, vi saluto e vi do appuntamento a dopo Pasqua, per raccontarvi le meraviglie (spero!) del viaggio e i piatti creoli che avrò assaggiato.

Un abbraccio speciale a tutti da nonna Titti ed il solito, immancabile…

Buon Appetito!

Come sempre in velocità

Oggi giornata super piena allora in velocita’ vi posto la ricetta di oggi svelta, buonissima con una insalata mista diventa un eccellente pranzo. Si tratta di una quiche di melanzane, molto saporita che, se fatta a tartelle, può anche essere perfetta per un buffet di auguri.

QUICHE DI MELANZANE

  • 1 confezione di pasta sfoglia tonda
  • 2 melanzane
  • 100 gr di gorgonzola
  • 50 gr di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio di aglio e prezzemolo tritati
  • 50 gr di prosciutto crudo tritato
  • 1 uovo
  • olio per friggere
  • sale

ESECUZIONE

Lavate e tagliate a dadini le melanzane, quindi mettetele a dare l’acqua in un colapasta con un po’ di sale.

image

Utilizzando la carta forno della confezione, mettete nella teglia la pasta sfoglia e punzecchiatela con una forchetta.

image

Dopo circa una mezz’ora, prendete le melanzane ed asciugatele quindi friggetele in abbondante olio di semi .

image

Sgocciolatele bene dal’ olio e tritatele con la mezzaluna.

image

In una terrina mischiate le melanzane, il prezzemolo, il grana, il gorgonzola lavorato e reso cremoso, il prosciutto tritato, l’uovo ed un pizzico di sale e pepe.

image

Amalgamate bene e farcite la pasta sfoglia.

image

Mettete in forno caldo a 180* per circa 40 minuti.

Ragazzi, voglio dirvi la verità, oggi sono più di fretta del solito, perché per l’ennesima volta, vado a vedere il concerto di Baglioni, unendo alla gioia spensieratezza del concerto anche il “lusso” di un pomeriggio di shopping fiorentino.

Domani vi racconterò!!!!!!!!!!

ciao e…

Buon appetito!

 

Domenica naturalmente dolce

Confetaria national  Lisbona

Confetaria national
Lisbona

image

Il dolce che vorrei proporvi arriva direttamente dal Potogallo

E’ di origine antica e 2 famosissime pasticcerie di Lisbona se ne contendono la paternità sostenendo di avere ognuna la vera ricetta dei pasticcini de nata ( pasticcini alla crema )

Li ho provati ambedue ,devo dire che …..l’uno o l’altro per me pari sono !

Quelli della  “Confetaria National” si gustano tiepide e ,al mio palato sono risultati superiori  , ma esclusivamente per una questione di gusto non certo di qualità .

vi passo subito la ricetta ,così ,chi di voi ancora non li conosce , potrà gustarli e dirmi se come me ,li trovate una delle meraviglie del Portogallo .

PASTICCINI de  NATA

Pasticcini di Belen alla Tiziana

Pasticcini di Belen alla Tiziana

  • 500 gr di pasta sfoglia
  • 0,5 dl di acqua
  • 150 gr di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 2,5 dl di latte
  • 4 rossi d’uovo + 1 chiara
  • zucchero di canna
  • cannella in polvere

ESECUZIONE

Preparate uno sciroppo con l’acqua e lo zucchero.

A parte diluite la farina con un po’ di latte freddo e , quando sarà ben sciolta ,unite il restante latte ,i tuorli e la chiara ben sbattuti.

Aggiungete lo sciroppo e cuocete a bagno maria per 10-12 minuti.

Tagliate la pasta sfoglia dopo averla tirata a 2,5 cm a forma di dischetti che metterete nelle forme da sformatini

Bucherellate i gusci di pasta con la forchetta,mettete sopra un pezzo di carta forno per ogni formina  ,aggiungete fagioli secchi e fate cuocere in forno a 180* per circa 15 minuti ( e’ lo stesso procedimento che adottate quando cuocete la sfoglia che poi farcirete )

Trascorso questo tempo tirate fuori dal forno ,levate la carta con i fagioli e riempite i gusci di sfoglia con la crema inglese .

Spolverizzate con zucchero di canna e cannella in polvere .

Rimettete in forno ancora per 10 minuti e per altri 5 minuti mettete sotto il gril.

servite tiepidi e ,se volete , aggiungete ancora zucchero a velo

Pasticcini di Belen appena sfornati

Pasticcini di Belen appena sfornati

Ho preso la ricetta di questi pasticcini da un libretto di ricette che ho acquistato in Portogallo e ve l’ ho passata fedelmente.

Quando li ho rifatti a casa ho preparato una frolla : rimangono più dolci ma ugualmente buoni , comunque ,per ovviare al troppo dolce potete provare con una brise ‘ anche in questo caso sono davvero speciali!!!

buon appetito e buona domenica !