Certezze in cucina

img_2169

Stare nella mia cucina, tra le pentole che borbottano sul fuoco senza mai perdere d’occhio i libri di cucina

image

mi da un profondo senso di casa

img_2793

Per questo amo pensare con attenzione a ciò che  devo preparare per i nostri pasti

image

Può capitare, comunque, che le normali attività quotidiane ( ed io ne ho molte) non mi permettano questa precisione; allora la soluzione sta nella fatasia o, più concretamente in ciò che offre il frigo o la dispensa!

La pasta che vi propongo oggi è realmente un’idea svuota frigo, ma molto stuzzicante quindi da tenere in considerazione per occasioni future.

TORTIGLIONI AL MIO PESTO

  • 300 gr di tortiglioni
  • 3 filetti di acciuga
  • 1 scalogno
  • 5 pomodori secchi sott’olio
  • 1 peperone verde
  • pistacchi
  • 1 spicchio d’aglio
  • origano frescpe
  • peperoncino
  • capperi
  • pecorino fiore sardo (o pecorino romano)
  • sale, pepe
  • olio evo

ESECUZIONE

Mettete a bollire l’acqua per la pasta, salatela ed appena bolle, gettate i tortiglioni; in una padella dove sarà possibile saltare la pasta, fate stufare lo scalogno ed i filetti di acciuga facendo molta attenzione che non brucino

img_2951

Mondate e tagliate a filetti i peperoni e metteteli in padella

img_2952

fate cuocere per circa 5 minuti sino a quando si saranno ammorbiditi

img_2953

Quando i peperoni saranno pronti mettete tutti gli ingredienti sopra citati nel bicchiere del frullatore e frullate tutto perfettamente, aiutandovi per dare fluidità, con un po’ d’acqua della pasta

img_2954

Quando il pesto sarà pronto,rimettetelo inpadella e scaldatelo dolcemente sino a quando la pasta sarà pronta

img_2955

Scolate la pasta e passatela in padella saltandola velocemente (se si secca troppo, unite acqua di cottura ma mai grassi)

Servite con un’abbondante passata di fiore sardo grattugiato  o di qualsiasi altro formaggio voi desideriate.

img_2957

Buon Appetito

 

Montserrat: rifugio di pace e tranquillità

DSC_0477

Montserrat è una tranquilla isola che sorge al margine delle placche tettoniche atlantica e caraibica.

DSC_0499

Il nome le fu dato da Cristoforo Colombo in onore dell’abbazia che sorge nei pressi di Barcellona, in seguito la comunità irlandese che abitava l’isola, le dette il suggestivo soprannome di “Isola di smeraldo”.

DSC_0509

Anche qui vige la regola caraibica: vita tranquilla, cibo sano e relax, divertimento e snorkeling, che grazie alla barriera corallina, ci permette di immergerci in paradisi marini assolutamente unici.

DSC_0496

La ricetta di oggi non riguarderà il pranzo consumato sul’ isola, sempre a base di grigliate, ma saranno ottimi garganelli alle vongole con pesto di pistacchi che lo chef ci ha preparato espressi per la cena che ci attendeva in nave al rientro.

DSC_0537

Grazie a chi mi ha gentilmente concesso la ricetta!

DSC_0538

GARGANELLI ALLE VONGOLE CON PESTO DI PISTACCHI DI BRONTE

  • 350 gr di  garganelli freschi
  • un sacchetto di vongole veraci ben pulite
  • olio evo qb
  • 1 spicchio d’ aglio

Pesto di pistacchi

  • 150 gr di pistacchi di Bronte sbucciati
  • 50 gr di pinoli
  • 50 gr di noci sgusciate e sbucciate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 10 foglie di basilico
  • olio evo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • Sale e pepeDSC_0534

ESECUZIONE

Portate a bollore l’acqua per i garganelli senza eccedere nella salatura.

Mettete le vongole ben pulite e spurgate in una padella dove sarà possibile saltare i garganelli. Aggiungete l’aglio, mezzo peperoncino ed un filo d’olio. Coprite la pentola e fate andare a fiamma alta per 2 o 3 minuti, sino a quando le vongole si saranno aperte.

Mettete tutti gli ingredienti per il pesto nel bicchiere del mixer e frullate sino ad ottenere una consistenza abbastanza cremosa.

Levate dal guscio buona parte delle vongole, tenendole da parte alcune solo per decorare il piatto.

Scolate i garganelli piuttosto al dente e terminate la cottura nella padella delle vongole con l’acqua che si sarà formata.

Quando la pasta sarà cotta e l’acqua un po’ consumata, unite fuori dal fuoco il pesto di pistacchi e mantecate il tutto molto bene.

Terminate il piatto con una generosa spolverata di parmigiano.

DSC_0539

Il vero pesto di pasticchi non prevede l’uso dei pinoli e  delle noci, ma vi garantisco che danno un tocco davvero speciale. Se preferite potete omettere anche l’aglio, il pesto risulterà più delicato.

So bene che suona come un’eresia il parmigiano con le vongole, ma mi permetto di insistere, vedrete, resterete colpiti! Il peperoncino poi conferisce al piatto quel giusto “friccicore” che ai Caraibi non deve assolutamente mancare, ma forse non deve mancare in qualsiasi posto ci si trovi.

Buon Appetito!

Chi le conosce?

Melanzane di Rotonda in pianta

Melanzane di Rotonda in pianta

 

Sono le pregiatissime melanzane di Rotonda  , una DOP della Basilicata dal sapore molto delicato .

Io le ho conosciute grazie alla mia amica Giovanna che le coltiva nel suo orto.

Sono andata subito a documentarmi in rete ed ho scoperto che viene impiegata in moltissime ricette tradizionali.

Quella che mi è rimasta più impressa , e’ delle melanzane ripiene di polpo grigliato !

Non l’ho provate , ma sicuramente lo farò perché mi incuriosisce davvero tanto questo connubio

Melanzane di Rotonda ripiene con polpo grigliato Foto tratta dalla rete

Mi sono limitata a fare una deliziosa crema di melanzane di Rotonda con cui ho farcito una focaccia alla mozzarella e prosciutto  , poi mi sono cimentata in un pesto di melanzane  con il quale ho condito dei conchiglioni.

andiamo con ordine:

CREMA di MELANZANE di ROTONDA

  • 3 melanzane di Rotonda
  • 1 spicchio d’ aglio
  • 10 foglie di basilico
  • 50 gr di cacio ricotta lucano
  • 30 ml di olio
  • sale , pepe

Mettere le melanzane in forno a 180* per circa 30 minuti

Melanzane di Rotonda cotte al forno

Melanzane di Rotonda cotte al forno

Fatele raffreddare  e svuotatele .

Mettete la polpa in un colino per fare in modo che diano il più possibile l’ acqua .

Quando sarà piuttosto asciutta , mettetela nel mixer con il basilico , l’ aglio , il cacio ricotta , l’olio ,il sale ed il pepe.

Frullate a velocità minima per evitare l’ossidazione del basilico ,aggiustare di sale e servite su fette di pane casalingo possibilmente di Matera.

Io , come ho già detto , l’ ho usato per farcire una focaccia .

Ho aperto a libro la focaccia , l’ ho imbottita con prosciutto cotto e fettine sottili di mozzarella quindi l’ho messa in forno per farla scaldare e fare un po’ fondere la mozzarella.

Tolta dal forno , l’ho aperta e farcita ulteriormente con la crema alle melanzane.

Ho tagliato la focaccia a piccoli quadrati e con altre stuzzicanti delicatessen ho servito l’ apericena in giardino.

Gli amici hanno gradito.

Crema di melanzane di Rotonda

Crema di melanzane di Rotonda

Dal momento che la mia amica Giovanna mi ha donato un quantitativo industriale di questo magnifico ortaggio , ho voluto provarlo anche come condimento per la pasta e ho ” inventato ” ( si fa per dire , poiché in cucina non si inventa nulla , si fanno sposare gli ingredienti ,se c’è sintonia fra loro ,sarà un matrimonio riuscito!) un pesto che ho chiamato di Rotonda ispirandomi al famoso pesto alla siciliana.

PESTO DI ROTONDA

  • 5 melanzane di Rotonda
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 60 gr di pinoli
  • 60 gr di pistacchi di Bronte
  • 20 foglie di basilico
  • un abbondante ciuffo di prezzemolo
  • 3 pomodori secchi
  • 1/2 peperoncino ( facoltativo )
  • 50 gr di formaggio stagionato grattugiato
  • olio evo  qb

ESECUZIONE

Ho usato per le melanzane lo stesso procedimento adottato nella ricetta precedente .

quindi ho messo tutti gli ingredienti nel frullatore aggiungendo olio sino ad ottenere un pesto abbastanza fluido,comunque senza esagerare troppo.

Pesto di melanzane

Pesto di melanzane

Se il pesto dovesse risultare poco fluido , allungatelo con un po’ d’acqua della pasta .

Conchiglie in pesto di melanzane

Conchiglie in pesto di melanzane

queste ricette si possono fare anche con le comuni melanzane sicuramente il risultato non cambia !

In super velocità vi faccio un’ altra proposta: melanzane di Rotonda tagliate a dadolini

fritte in olio bollente per pochissimi minuti

tagliate grossolanamente con la mezzaluna

unire prezzemolo e un pizzico di peperoncino tritati

aggiungere del gorgonzola cremoso ed amalgamare sino ad ottenere il più possibile un composto ben amalgamato

tostate in forno delle fette di pane da tramezzini e tagliarlo a piccoli triangoli

spalmare ogni triangolo con la crema e decorare con mezzo gheriglio di noce

Provate ,poi mi direte!!!!!

buona serata a tutti con la melanzana di Rotonda

Melanzane di Rotonda

Melanzane di Rotonda

Melanzane di rotonda in sezione

Melanzane di rotonda in sezione