Ociciornia

imageCome spesso mi capita di fare quando voglio rilassarmi, anche oggi sono andata a sfogliare la prima enciclopedia di cucina che acquistai negli ormai lontani anni ’70.

Mi piace davvero un sacco sfogliare i vecchi libri che sanno di voglia di fare ma soprattutto di casa.

Riguardando “La cucina momento per momento ” acquistata a fascicoli quindicinali come usava al tempo, mi sono imbattuta in una ricetta che non preparavo più da tempo ma che, ricordo, ci piaceva molto.image

Si tratta delle “coppette di barbabietole alla russa” che io ho, come mio solito, riveduto e corretto rendendole “a modo mio”

BARBABIETOLE A MODO MIO ( Ociciornia!!)

  • 4 barbabietole cotte di media grandezza
  • 4 uova
  • 2 grossi tranci di tonno sott’olio
  • capperi
  • 4 filetti d’acciuga
  • 2 cucchiai di senape
  • 6 noci
  • olio evo
  • sale, pepe
  • aceto balsamico

ESECUZIONE

Tagliate le barbabietole, dopo averle sbucciate, a cubetti imagee condite con olio, sale, pepe e qualche goccia di aceto balsamico.image

Lasciate insaporire bene per circa un’ora, intanto lessate le uova,  dissalate i capperi, pulite le acciughe, spezzettate il tonno e mettete tutto nella terrina con le barbabietoleimage

Mettetela senape in una ciotoline con 1 cucchiaino di olio evo per diluirla un po’, se vi piace, mettete anche uno spicchio d’aglio schiacciato, emulsionate bene e versate sull’insalata di barbabietole.image

Servite con bastoncini di focaccia alle erbe tostati e…….

Buon Appetitoimage

Annunci

C’era una volta…U CUNDIUN

image

Stiamo parlando di uno tra i più rappresentativi piatti della cucina italiana: la ricca e variopinta insalata di pomodori maturi. Ogni regione italiana ne ha una particolare: in Toscana abbiamo la panzanella che cambia anche se lievemente da provincia a provincia, anzi da paese a paese. Nel meraviglioso Sud Italia le freselle al pomodoro abbinate ad una tiepida mozzarella appena fatta, sono un piatto da re. E poi chi non ricorda le merende estive a base di pane e pomodoro? La versione ligure dell’ insalata di pomodoro è appunto il cundiun, piatto della tradizione dove i prodotti della nostra terra si uniscono in un indimenticabile piatto. I pomodori sono di Albenga (cuori di bue DOP), il tonno si prepara nelle nostre case quando questo formidabile pesce sprigiona al massimo i suoi sapori, le acciughe del mar ligure, le olive delle nostre colline e l’ origano è uno dei profumi inebrianti delle Alpi marittime. Gli ingredienti sono davvero pochissimi ma dal gusto così intenso e profondo che una volta provata non puoi più farne a meno.

CUNDIUN

  • 2 pomodori cuore di bue (possibilmente della Piana di Albenga)
  • 250 gr di tonno sott’ olio
  • olive taggiasche
  • 3 acciughe sotto sale
  • 4 gallette del marinaio
  • 1 peperone giallo
  • olio evo
  • sale
  • origano
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • 4-5 foglie di basilico di Pra

ESECUZIONE

Mettete ad ammorbidire con un po’ d’acqua e aceto le gallette del marinaio e quando saranno ammorbidite, sistematele rompendole nella terrina dove verrà’ condita l’insalata di pomodoro.image

Tagliate i pomodori a fette piuttosto spesse.

image

Pulite il peperone e tagliatelo a filetti nell’ insalatiera con le gallette ed unite tutti gli altri ingredienti.

image

Condite con abbondante olio evo ligure, sale e origano secco delle Alpi liguri ed alcune foglie di basilico spezzettate a mano. Preparate questa insalata con parecchio anticipo, in questo modo sarà molto più gustosa poiché i profumi avranno modo di fondersi perfettamente.

image

In alcune zone della Liguria si prevede anche l’aggiunta di capperi, uova sode, patate e fagiolini lessati. L’insalata così si chiama nizzarda ed è cugina stretta della più blasonata salade nicoise. La ricetta che vi ho dato del cundiun è quella della mia nonna. Nelle foto che vi ho proposto é rappresentato un condiun un pò ibrido perché ho usato al posto delle gallette, le freselle calabresi ed ho aggiunto un cetriolo dell’orto ed un cipollotto fresco di Tropea. Vi garantisco però che questo giro per l’Italia non ha fatto altro che aggiungere bontà a ciò che già era molto gustoso.

Buon Appetito!