Scialatielli alle vongole e…

image

Ho sempre amato i frutti di mare, sin da bambina erano un cibo che gradivo molto. Non posso dire la stessa cosa per le verdure. Raramente variavo il mio menu’ e in rarissime occasioni assaggiavo carciofi o cavoli ovviamente soltanto fritti. La mia adorata Pina, la cuoca che lavorava in casa mia quando ero bambina e di cui vi ho spesso parlato, cercava amorevolmente di ingannarmi inventando piatti con ingredienti a me assai graditi nei quali camuffava ogni genere di ortaggio. Così tra i piatti preferiti della mia infanzia ci sono gli scialatelli (tipica pasta napoletana) alle vongole con quel che c’è nell’orto.

Oggi che ho imparato ad amare anche le verdure ripropongo spesso questo intingolo saporito e per il mio palato irresistibile, poiché come sempre capita con i sapori del nostro passato sono, detto con toni romantici, i gusti della mia vita.

Sebbene non sia riuscita mai ad eguagliare l’inconfondibile e confortante sapore di quelli che faceva la Pina, i miei scialatielli riescono almeno a riportarmi con il cuore ad anni di infinita tenerezza.

SCIALATIELLI ALLE VONGOLE E…

  • 1 cucchiaio di curcuma
  • 250 gr di scialatielli freschi ( o tagliolini)
  • 500 gr di vongole
  • 4 zucchine chiare
  • 2 peperoni verdi lunghi e dolci ( friggitelli)
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • olio evo, sale, pepe

ESECUZIONE

In una padella mettete le vongole, copritele con un coperchio e fatele aprire a fuoco vivo scuotendo di tanto in tanto la padella. Togliete la  maggior parte dei molluschi dai gusci e conservateli a parte, togliete alle restanti vongole il guscio vuoto ed usateli per rifinire il piatto. Filtrate il liquido formatosi e tenetelo da parte.

Sbucciate l’aglio e mettetelo a rosolare con l’olio in una padella adatta a saltare la pasta. Tagliate a cubetti le zucchine ed a rondelle i peperoni privati dei semi, saltate velocemente in padella spruzzate con vino bianco e appena sarà evaporato, salate, pepate ed unite le vongole con il loro liquido.image

Cuocete gli scialatielli in abbondante acqua salata dove avrete aggiunto un cucchiaio di curcuma e quando saranno saliti in superficie passateli in padella con il condimento.

image

Servite dopo aver cosparso con prezzemolo tritato.

Questo piatto incontra solitamente il gusto di tutti ed è anche molto versatile poiché è ottimo anche con cozze e gamberi e naturalmente con ogni tipo di verdura o legume.

image

L’ unica innovazione che ho voluto apportare rispetto alla ricetta della Pina è il cucchiaio di curcuma che ho messo nell’acqua della pasta che oltre a dare un allegro colore giallo alla pasta e predisporre i commensali all’allegria, è un vero toccasana per la salute. Meglio approfittare!

image

Io ho evitato il peperoncino per problemi minori, ma potendo usatelo abbondantemente sarà un piatto da paradiso!

Buon Appetito!image

Montserrat: rifugio di pace e tranquillità

DSC_0477

Montserrat è una tranquilla isola che sorge al margine delle placche tettoniche atlantica e caraibica.

DSC_0499

Il nome le fu dato da Cristoforo Colombo in onore dell’abbazia che sorge nei pressi di Barcellona, in seguito la comunità irlandese che abitava l’isola, le dette il suggestivo soprannome di “Isola di smeraldo”.

DSC_0509

Anche qui vige la regola caraibica: vita tranquilla, cibo sano e relax, divertimento e snorkeling, che grazie alla barriera corallina, ci permette di immergerci in paradisi marini assolutamente unici.

DSC_0496

La ricetta di oggi non riguarderà il pranzo consumato sul’ isola, sempre a base di grigliate, ma saranno ottimi garganelli alle vongole con pesto di pistacchi che lo chef ci ha preparato espressi per la cena che ci attendeva in nave al rientro.

DSC_0537

Grazie a chi mi ha gentilmente concesso la ricetta!

DSC_0538

GARGANELLI ALLE VONGOLE CON PESTO DI PISTACCHI DI BRONTE

  • 350 gr di  garganelli freschi
  • un sacchetto di vongole veraci ben pulite
  • olio evo qb
  • 1 spicchio d’ aglio

Pesto di pistacchi

  • 150 gr di pistacchi di Bronte sbucciati
  • 50 gr di pinoli
  • 50 gr di noci sgusciate e sbucciate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 10 foglie di basilico
  • olio evo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • Sale e pepeDSC_0534

ESECUZIONE

Portate a bollore l’acqua per i garganelli senza eccedere nella salatura.

Mettete le vongole ben pulite e spurgate in una padella dove sarà possibile saltare i garganelli. Aggiungete l’aglio, mezzo peperoncino ed un filo d’olio. Coprite la pentola e fate andare a fiamma alta per 2 o 3 minuti, sino a quando le vongole si saranno aperte.

Mettete tutti gli ingredienti per il pesto nel bicchiere del mixer e frullate sino ad ottenere una consistenza abbastanza cremosa.

Levate dal guscio buona parte delle vongole, tenendole da parte alcune solo per decorare il piatto.

Scolate i garganelli piuttosto al dente e terminate la cottura nella padella delle vongole con l’acqua che si sarà formata.

Quando la pasta sarà cotta e l’acqua un po’ consumata, unite fuori dal fuoco il pesto di pistacchi e mantecate il tutto molto bene.

Terminate il piatto con una generosa spolverata di parmigiano.

DSC_0539

Il vero pesto di pasticchi non prevede l’uso dei pinoli e  delle noci, ma vi garantisco che danno un tocco davvero speciale. Se preferite potete omettere anche l’aglio, il pesto risulterà più delicato.

So bene che suona come un’eresia il parmigiano con le vongole, ma mi permetto di insistere, vedrete, resterete colpiti! Il peperoncino poi conferisce al piatto quel giusto “friccicore” che ai Caraibi non deve assolutamente mancare, ma forse non deve mancare in qualsiasi posto ci si trovi.

Buon Appetito!

Cozze a go-go

ImmaginePenso siano i miei molluschi preferiti. li adoro in tutte le salse ,anche semplicemente aperti in pentola ,giro di limone e via,si mangia…se poi nelle vicinanze c’è una baguette fresca……totale goduria!!! Oggi li propongo in 2 modi ambedue classiche ricette della mia tradizione. COZZE alla MARINARA

  • 1kg di cozze
  • 1/2cipolla affettata
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • 1cucchiaino di farina
  • 50 gr di farina
  • 1mazzetto di prezzemolo tritato
  • sale pepe

ESECUZIONE dopo aver ben pulito le cozze ,metterle in una capace casseruola con coperchio assieme agli spicchi d’aglio ed alla cipolla affettata grossolanamente mettere su fuoco vivace sino a che le cozze,coperte, si saranno aperte. filtrare il liquido che si sarà formato e tenetelo da parte.mettete in una padella il vino ed un altro spiccio d’aglio ,un po’ di prezzemolo tritato e far ridurre il vino sino a metà del suo volume. a parte,lavorare il burro con la farina ed uniteli al vino;aggiungete una tazza di liquido delle cozze filtrato. regolare di sale pepe e lasciate ancora sul fuoco per circa 10 minuti continuando sempre a girare. Versate la salsa sulle cozze ,lasciatele insaporire e servite cosparse con prezzemolo tritato e ,se volete,1/2 limone spremuto. Immagine

I piatti semplici sono sempre i più complicati

ImmagineSi,signori,e’ proprio così!

oggi vorrei proporvi una scontatissima ricetta: spaghetti alle vongole.

molte volte mi è ‘capitato di mangiarla al ristorante ma poche volte ,ai me’, l’ho trovata davvero entusiasmante!!!

sono un piatto importante nella cucina italiana,semplice e facile…..come sempre in questi casi,bisogna usare alcuni accorgimenti per renderli …strepitosi!!!

innanzitutto ,cosa importantissima,sono gli ingredienti

prima scelta per le vongole che devono essere freschissime.

il resto sta tutto nell’esecuzione della ricetta…..allora partiamo,ecco come cucino io gli spaghetti alle vongole….di solito hanno molto successo spero lo abbiano anche per voi.

SPAGHETTI alle VONGOLE

  • 500 gr di vongole veraci
  • 2spicchi d’aglio
  • prezzemolo tritato
  • vino bianco
  • olio evo
  • sale
  • spaghetti di Gragnano.
  • peperoncino( facoltativo)

ESECUZIONE 

dopo aver ben pulito le vongole , metterle in una padella con un po’ di vino bianco ,uno spicchio d’aglio tritato ed i gambi del prezzemolo,mettere il coperchio e far aprire bene le vongole.

appena saranno pronte ,preparare un’ altra padella dove sarà possibile terminare la cottura della pasta con olio ,uno spicchio d’aglio intero e farlo soffriggere.( se volete,mettete in questa fase anche il peperoncino )

appena sarà dorato toglierlo ed unirvi il liquido delle vongole filtrato.

appena inizierà il bollore,mettere nella padella la pasta a mezza cottura,le vongole in parte sgusciate in parte no e continuare a mantecare sul fuoco sino a quando non ci sarà più liquido in eccesso.

prima di servire spolverizzate con prezzemolo tritato 

P.S.la pulizia delle vongole,fatevela fare dal pescivendolo,e’ senz’altro meglio

quando procedete all’apertura delle vongole se qualcuna resta chiusa,gettatela,significa che è’ piena di sabbia e non e’ commestibile!!!

che ne dite!!!!! Sembra molto facile,l’unica cosa di cui  bisogna aver cura e’ di non far troppo assorbire il liquido….deve rimanere un sughino cremoso,dato dal glutine della pasta,che avvolgerà in un …sensuale abbraccio i nostri spaghetti!!!!!!

ahahahah…..con questo tocco di basso romanticismo,vi aggiorno a domani per riportarvi in cucina con me….buona serata a tutti!